La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« LA BRECCIA DI PORTA PIA | Principale | TIRO AL NEGRO »

22/09/08

Commenti

Andrea

Bel post, come sempre.
Il titolo è strepitoso!!!
Complimenti.

Pim

Il titolo è splendido, complimenti. Credo tuttavia che i privilegi (e dunque le colpe) siano da ascrivere ai manager e ai dirigenti succedutisi negli ultimi 15 anni piuttosto che a piloti ed assistenti di volo. E ora all'attuale governo: non si è arrivati a questa situazione per caso, ma per una precisa strategia che intendeva favorire la Cai e mettere con le spalle al muro sindacati e dipendenti. In ogni caso, il probabile fallimento di Alitalia non sarà una sciagura ma per alcuni un affarone. Scommettiamo?
Ciao Dragor, buona giornata.

Amanda

Buongiorno Dragor,
è un quadro estramamente drammatico, che ai lettori viene evidenziato per l'Alitalia, ma purtroppo questo spreco si vede in moltissimi settori in Italia, ma se ne parla sottovoce... e chi alza la voce visto come un folle dagli stessi italiani... Non vedo alcuna salvezza per l'Alitalia.

Corrado

Pim hai mai preso un volo Alitalia ? Hai idea della cafonaggi esibita dagli assistenti di volo ? Quando prenotavo voli per i miei colleghi americani specificavano "please not with Alitalia"!
Quelli che partivano la mattina da Roma con volo pagato (ed autista che li andava a prendere) per lavorare a Malpensa,questo tutte le mattine erano piloti ed assistenti di volo.L'orario di lavoro era conteggiato da quando partivano anche se ovviamente il lavoro iniziava quando arrivavano.Oltretutto li ho sempre visti viaggiare in "business".
Di solito mi spiace quando qualcuno perde il posto di lavoro in questo caso devo dire di no.E poi se un dipendente di un'azienda sotto i 115 dipendenti perde il lavoro si deve arrangiare perchè questa gente no ? A già, scusate se iniziamo a far lavorare i raccomandati cadono i presupposti su cui si basa la Repubblica Italiana

dragor

Grazie Andrea. In effetti sembra l'uovo di Colombo, pero' ho fatto una ricerca e non ci ha pensato nessuno...
______________________________________________________

E' verissimo, Pim. Credevo che si capisse dalla parola "raccomandati incompetenti", ma ho visto che la cosa non era abbastanza chiara, cosi' ho fatto una piccola aggiunta.
__________________________________________________

Cara Amanda, stavolta sei nella veste di Cassandra. Ma con tutta la buona volontà, non si vede nessuna ragione per pensare diversamente
______________________________________________________

Grazie a tutti per i vostri interventi, a presto

dragor (journal intime)

marianna

Carissimo Dragor, veramente un post incisivo, che include, con uno stile gradevolissimo, nel suo svolgimento una conclusione drammatica.
Anch'io come Amanda non vedo salvezza e so che a pagare saremo noi italiani quei terribili buchi neri, per non dire voragini.
A presto!!
Ma dove scappi?
Marianna

susanna

Caro Dragor,

che dire, non sono stupita per il fallimento della trattativa. In fin dei conti, i sindacati hanno rifiutato il piano di Air France, che prevedeva condizioni migliori: con quale faccia avrebbero potuto accettare quello della CAI?

Non sono cosi' nazionalista da volere a tutti i costi una compagnia "di bandiera", specie se il prezzo da pagare e' accollare tutti i debiti ai cittadini e tutti i profitti ai cosiddetti "capitani coraggiosi", per non parlare degli interessi che si nascondono dietro tutta la faccenda (vedi appalti per l'Expo di Milano e altri affarucci privati)..

Quello che vorrei e' una rete di collegamenti efficiente, pratica, ad un prezzo corretto. Chi ne e' il gestore, onestamente, m'importa poco.

Per questo motivo, spero che il commissario provi interrogare seriamente il mercato, senza pregiudizi e senza pressioni politiche (ma questa e' una pia illusione), e veda se ci possono essere delle soluzioni alternative.

gobettiano

Per la verità i miliardi sono almeno 5. E a corollario dello scenuflegio va aggiunta l'intromissione di galoppini, portaborse, lestofanti e leccapiedi con tessera di partito che hanno regnato indisturbati, salvo fuggire come pantegane quando il naufragio era prossimo. Ed i peggiori dei peggiori sono stati gli scienziati che sgovernano adesso.
luigi

dragor

Cara Marianna, grazie per l'apprezzamento. Il fatto è che non vedo una via d'uscita nemmeno io. Tutto lascia pensare che µAlitalia sarà mantenuta ancora un po' con i soldi dei contribuenti
Non scappo, sono presente dappertutto :-))
_____________________________________________________

Luigi, possiamo soltanto sperare che la nuova alitalia, se mai ci sarà, sia giovernata con criteri professionali e non politici
______________________________________________________
E' vero, Susanna.
Nell'epoca dei low cost anche le compagnie di bandiera devono aggiornarsi. Alitalia è un dinosauro tenuto artificialmente in vita dopo la scomparsa della specie.
______________________________________________________

Grazie a tutti per i
vostri commenti, a presto!

dragor (journal intime)

irenespagnuolo

Vero, questo titolo è da oscar Dragor!
Non è da meno il contenuto, naturalmente. Brillante come sempre...
Non credo che Pim abbia torto ma francamente la "colpa è di tutti" e fino a quando il vizietto italiano sarà dare la colpa in alto ma fare i porci comodi in basso non ci salveremo.
Alitalia, come ho già commentato altrove, è una vergogna nazionale. Ci siamo dentro tutti fino al collo. E mi auguro solo non ci presentino ancora il conto...

Ciao buon week end Dragor
Irene

I commenti per questa nota sono chiusi.