La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Bloggin' the blog | Principale | Lo avevo detto! »

24/04/06

Commenti

Biz

Negare l'enorme valore politico della Resistenza, adducendo come motivazione lo scarso o non risolutivo valore militare, è un errore piuttosto grande; che fa sì, ad esempio, che non si possa capire come mai in Iraq ci sia oggi una guerra civile.

Biz

Vuoi sapere cosa fece mio nonno nei vent'anni precedenti? Alcuni li passò al confino, altri zitto e muto se no gli facevano il culo.

Biz

E non fece nemmeno la Resistenza perchè viveva in Sicilia, dove sono arrivati nel '43.
Vaglielo dire a quelli di Marzabotto o di Boves se hanno cominciato a fare la resistenza dopo che sono arrivati gli americani!

dragor (journal intime)

Caro Biz, a parte il fatto che in Italia è già in corso una guerra civile strisciante (una guerra da gentlemen che gli iracheni potrebbero imitare, invece di farne una rampante), volevo far notare che il 25 aprile, fra la gente che si sgolerà per inneggiare alla Resistenza, ci sarà chi approfitta della minima occasione per bruciare bandiere americane. E che ignora o vuole ignorare che sono stati proprio gli americani a dargli il diritto di manifestare.
Grazie per lo stimolante commento, bye.
Dragor

dragor (journal intime)

Caro Biz 2,
è proprio qui che ti volevo. Se tuo nonno e gli altri non fossero stati zitti e muti, sarebbero stati loro a fare il culo ai tiranni. Quanto a quelli di Marzabotto e di Boves, confermo quanto ho detto: si sono svegliati dopo gli sbarchi americani o poco prima.
Grazie, aribye

Biz

Facile parlare quando è garantito il diritto di parola.
Vorrei vederti al loro posto, con famiglia e figli, se faresti il clandestino.
Facile parlare, con la democrazia che anche loro ti hanno garantito.
Non capirlo, significa forse non meritarlo.

dragor (journal intime)

Caro Biz 3,
a che cosa servirebbe la democrazia, se non si potesse parlare con facilità? Purtroppo qualcuno ne approfitta per bruciare le bandiere di chi gliel'ha data. Ti prometto che mi spieghero' meglio in un prossimo post. Grazie, buon appetito e ancora bye.
Dragor

spank

Non diremo mai GRAZIE abbastanza agli americani, sono loro che ci hanno liberato: non c'è dubbio. Negare il ruolo della resistenza mi sembra tuttavia un pelino esagerato, in molti hanno abbassato la testa, chi per opportunismo, chi per scelta e chi per sopravvivere. Ma sono stati in tanti a resistere, molti hanno pagato con la vita. Quindi domani festeggiando dirò un grazie agli americani e un GRAZIE ai partigiani..Buon 25 aprile a tutti!
Spank

dragor (journal intime)

Caro Spank, non nego affatto il ruolo della Resistenza. E' giocando questa carta che, al tavolo delle trattative, l'Italia ha potuto salvaguardare o quasi la sua integrità territoriale invece di essere divisa in due come la Germania. Dico soltanto che i resistenti hanno cominciato a resistere (e a farsi ammazzare) quando ormai i giochi erano fatti. Se avessero cominciato a resistere prima, oggi si parlerebbe di una rivoluzione. Proprio quello che è mancato all'Italia.
Grazie per il tuo commento, è come sempre obiettivo ed equilibrato. Buon 24 aprile! Bye
Dragor (journal intime)

Enrico

Non ho capito dobbiamo anche festeggiare lo sbarco in Sicilia, dopo che gli americani guidati da patton hanno massacrato un centinaio di prigionieri Italiani e tedeschi solo perché a patton stavano antipatici gli italiani e sopratutto i siciliani, e i cari francesi hanno fatto i vandali in Ciociaria.

dragor

Caro Enrico,
l'alternativa era sorbirsi i nazifascisti. Come dice il proverbio, fra i due mali...
Grazie, ciao
Dragor (journal intime)

I commenti per questa nota sono chiusi.