La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Lettera a un Danno Collaterale | Principale | Allah riconoscerà i suoi »

31/07/06

Commenti

cate

Tanti, Dragor. Tanti...
E immagino tu abbia capito a chi mi riferisco.
Comunque ti racconto un episodio accaduto a me, qualche anno fa. Nevicava di brutto, era sera e mi trovavo ad arrancare sulla Statale della Futa su per dei tornanti con le ruote che slittavano sul lastrone che si era formato sull'asfalto. Arrivo in prossimità di una trattoria, il che voleva dire luce per vedere quel che avrei combinato nel montare le catene da neve. Apro il baule, estraggo le catene, mi infilo i guanti. In quel momento escono i gestori e alcuni clienti del locale che si mettono, al riparo sotto la tettoia, ad osservarmi in silenzio. Io comincio a montare le catene. Non è diffilcile, basta unire i colori e seguire le istruzioni sulla scatola. Blu con blu, giallo con giallo, verde con verde e infine tirando un po'...rosso con rosso. Termino l'operazione in meno di dieci minuti, mi scuoto la neve di dosso, ripongo scatola e guanti nel baule sempre osservata dalla silenziosa comitiva di quattro o cinque uomini che non hanno detto una parola. La famosa riservatezza delle persone di montagna, chissà. Mentre sto per salire in macchina, il più vecchio mi chiama:
- Signorina!-
- Dica. - gli rispondo perplessa.
- Può aspettare un secondo?-
Faccio di si con la testa e attendo. Chissà che mi aspettavo, un tè caldo, un grog con i chiodi di garofano, una coppa per essere stata così veloce nel montaggio catene...
Il vecchio esce accompagnato da un signore tutto distinto e mi dice:
- Visto che è così brava e veloce, potrebbe montarle anche a questo signore che non è capace? La sua macchina è quel Mercedes lì, quello di traverso vicino alla siepe!-
Intanto il gruppo, compatto, si era già rimesso sotto la tettoia per seguire le operazioni...
Tutto il mondo è paese.
Cate

dragor

Cara Cate, se fossi passato da quelle parti, forse anch'io avrei chiesto i tuoi servigi. Un genio capace di cambiare le catene in 10 minuti non si trova tutti i giorni... :))
Complimenti per la coda, ci hai preso. Infatti la coda è descritta, insieme con qualche altro particolare, in "Moretti, di' qualcosa d'Intelligente", archivio di maggio.
Ciao!
dragor (journal intime)

cate

Non l'avevo letto...allora un po' di intuito ce l'ho!
Comunque, come ho scritto a Spank al suo post su Jessika Fletcher, io sono stata una grandissima fan di Mac Gyver da ragazzina e dev'essermi rimasto l'imprinting, perché so cavarmela piuttosto bene anche quando mi mancano gli attrezzi giusti...mi ingengno e mi arrangio con quel che ho.
Ciao un bacione ;) Cate

Pim

Ecco un motivo per cui molte persone preferiscono viaggiare con la mente. I neuroni non richiedono pit stop.
Ciao Dragor.

Guizzo

Caro Dragor, quando sono rimasto nel bel mezzo di una nevicata in cima al Passo della Presolana avrei dato volentieri 200 franchi al papa. Non per pregare, per montarmi le catene...

dragor

E' un vero peccato che Cate non transitasse da quelle parti. Forse te le avrebbe montate anche gratis :))
Ciao
dragor (journal intime)

Betta

Ahahahahah :))

cate

Gliele avrei montate facendomi..."pregare" un po'.
Caspita, se mettessi su un business di montaggio catene per automobilisti in difficoltà potrei far fortuna...in giro nelle notti di tempesta, quando infuria la bufera arriva Caterpillar (il nome se non altro, è una garanzia)! Scherzi a parte, non nemmeno dov'è il Passo della Presolana...ma a quanto pare Guizzo ce l'ha fatta lo stesso.
:) Cate

I commenti per questa nota sono chiusi.