La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Come fermare la guerra | Principale | Pit-stop à la burundaise »

30/07/06

Commenti

Gustavo Rinaldi

1) sarebbe gia` qualcosa sapere per certo che li' vicino c'era una batteria di missili o un leader Hezbullah.
In qualche modo darebbe qualche senso all'evento.
Ma chi ce lo garantisce?
Potra` mai una commissione indipendente indagare l'evento?
Israele (come l'Iraq di Saddam, gli Usa , la Korea del Nord e forse l'Iran) non riconosce il Tribunale Penale Internazionale.

2) Il militare aveva dietro un civile; non operava di testa sua. E` buonismo prendersela con i militari. No, mi correggo, e` ipocrisia (di cui il buonismo e` una sottospecie).
Se si ritiene che queste azioni siano giustificate, lo si dica, ma non si crei questa artificiale distinzione tra militari cattivi e politici civili innocenti.
O sono entrambi innocenti o sono entrambi colpevoli.

dragor

I civili al governo sono i mandanti, i militari gli esecutori. Pensavo che si capisse dalla frase "quando mi hanno ordinato..." e dalla frase "chi ha scritto e diffuso i comunicati". Non ho mai inteso creare una distinzione artificiale fra il cinismo di chi esegue e il cinismo di chi ordina.
Resta il fatto che, in mancanza di leggi piu' restrittive, a volte i militari si sentono onnipotenti e agiscono di loro iniziativa, utilizzando i civili come carne da macello. Quanto alle commissioni d'inchiesta, bisognerebbe farne una per ogni massacro. Ma chi ne garantirebbe l'indipendenza? I vincitori hanno sempre la sgradevole tendenza ad autoassolversi (vedi Norimberga).
Grazie, ciao
dragor (journal intime)

Gustavo Rinaldi

"Quanto alle commissioni d'inchiesta, bisognerebbe farne una per ogni massacro. Ma chi ne garantirebbe l'indipendenza? I vincitori hanno sempre la sgradevole tendenza ad autoassolversi (vedi Norimberga)."

Le basi giuridiche di Norinmerga, Tribunale Yogoslavia e Ruanda erano debolissime o assenti (c`era un desiderio comprensibile di denunciare alcune grosse porcherie).
ora non e` piu' cosi' perche esiste il Tribunale Penale Internazionale, che come ho detto Israele (ed alcuni "stati canaglia") non riconosce).

E` curioso che Israele non abbia simpatia per quell'ONU, a cui deve il suo fondamento giuridico.
E` proprio come dite voi galli
"l'hopitale qui se moque de la charité".

Gustavo Rinaldi

Pardon volevo dire "Galli"

luca

Nell'altro tuo post "Come fermare la guerra" ho riportato questo piccolo brano dell'intervista ad un ministro di hezbollah:

Torno a domandarle: come si esce da questo drammatico stallo?
«Con un cessate il fuoco, come noi continuare a dire, ormai questa guerra si sta trasformando in un fatto di resistenza e sarà interessante vedere chi resiste di più».

A cui ho aggiunto questo mio commento:
Una sola cosa mi viene da dire, questa gente è proprio fuori di testa: loro resistono! Già resistono sulla pelle dei civili e lo trovano pure interessante...

E sui fatti di Cana mi viene da dire che quando si è in guerra bisogna lasciare la pietà a casa, specialmente con un nemico spietato al punto di non aver pietà neanche dei propri civili.
Perchè se veramente crediamo nella nostra cultura occidentale, nei diritti umani e che la nostra cultura libera e democratica sia migliore di una cultura che da le bambine in sposa ai vecchi, le circoncide, condanna a morte i gay, lapida le persone, taglia le mani ai ladri non possiamo permettere a questa gente di vincere, non possiamo permetterci di essere più deboli di loro.
Dobbiamo vincere questa guerra contro il loro Medioevo, perchè arrivi il giorno a cui non dovremo più assistere a queste barbarie, che altrimenti continueranno a ripetersi.
Proprio perchè ai nostri figli e ai loro figli non tocchi più vedere le immagini che ho visto oggi ai TG, perchè sono immagini che ci diminuiscono tutti come uomini, diminuiscono la nostra umanità e finchè ci toccherà vederle, saremo sempre delle persone peggiori.

Gustavo Rinaldi

Mi spiace deludere Luca ma in Libano e tha gli Hezbollah la circoncisione femminile non e` praticata.
Il taglio della mano e` piu' diffuso in Arabia Saudita, il nostro grande alleato in Medio Oriente.

Ma di che civilta` parla Luca?

Luca

Che in un paese, si pratichi una cosa piuttosto che un'altra, non toglie che la matrice è sempre quella. E il fatto che un ministro di hezbollah trovi "interessante" vedere chi resiste di più mi fa tornare alla mente certi esperimenti nazisti sui prigionieri...

Gustavo Rinaldi

Pare che tutta l'operazione di eliminazione di Hezbollah fosse programmata da tempo, pur in assenza di sostanziali danni arrecati da Hezbullah ad Israele negli ultimi 5 anni precedenti al rapimento.
Questo e` quanto si evince dal tipo di sforzo bellico dispiegato. Uno dispiegamento massiccio che richiede preparazione e pianificazione.
Hezbullah ha voluto togliere ad Israele il vantaggio della sorpresa.
Il rapimento dei due soldati in quest'ottica diviene per lo meno comprensibile.

Nessuno nota che una volta tanto ce la si e` presa con militari e non con i soliti civili, che normalmente pagano il conto.

dragor

In effetti sembra che gli israeliani abbiano preso il rapimento dei 2 soldati come il pretesto per effettuare un'operazione preparata da tempo. Resta il fatto che (secondo certe informazioni) l'Hezbollah utilizza i civili libanesi come scudi umani, piazzando le batterie di missili in mezzo ai quartieri di abitazione. Un calcolo cinico al quale gli israeliani rispondono con altrettanto cinismo e chi ne fa le spese, come sempre, sono i deboli e gli inermi.
Grazie, ciao a tutti
dragor (journal intime)

Luca

Insomma hezbollah si da alla guerra preventiva!
O erano curiosi di provare le nuove armi ricevute?

Gustavo Rinaldi

E` tanto vergognoso, dove ci sono due che se le danno, che anche il meno armato riceva qualche arma, comunque inferiore a quelle dell'altra parte?

Condivido, che se fosse provato l'utilizzo di civili come scudi sarebbe vergognoso.
Pero' il confine non e` cosi' chiaro.

La Maquis francese era profondamente integrata nelle campagne francesi ed era talvolta difficile per i Tedeschi distinguere tra Maquis e civili. Idem in Italia. Finivano per colpire entrambi. Avevano ragione i Tedeschi?
I movimenti guerriglieri, spesso, per loro natura, sono molto mischiati con i civili, che poi ne fanno le spese. A Boves ne san qualcosa.

Molti, quindi criticano l'eroismo dei partigiani e dicono che era fatto a spese dei civili. Si pensi a via Rasella...
La questione e` aperta. E , a mio avviso, varie opinioni sono accettabili.

Luca

Certo che è vergognoso quando uno dei due sta sbagliando, perchè tra un malvivente e un poliziotto, cioè tra due contendenti in cui uno dei due segue le regole delle democrazie occidentali e l'altro arriva persino a farsi scudo con i propri civili, è meglio che sia armato solo il poliziotto ed è anzi criminale armare anche il malvivente, perchè vuol dire aumentare lo spargimento di sangue.
E se gli israeliani avevano preparato da tempo un'operazione contro hezbollah da mettere in atto in caso di nuovi attacchi ciò rientra nei piani di legittima difesa, anche se la reazione è stata completamente sbagliata perchè hanno colpito tutto il Libano, cioè anche luoghi dove hezbollah non è presente.
E comunque se il confine non è chiaro, però è facilissimo da chiarire, perchè con i satelliti del giorno d'oggi si può vedere subito, basta puntarne un paio sul Libano per saperlo e passare le coordinate da cui partono i razzi katyuscia di hezbollah agli israeliani. Evitando così che gli israeliani bombardino a casaccio per rappresaglia tutto il Libano uccidendo civili innocenti, o distruggendo stupidamente ponti e altre infrastrutture che sono indispensabili alla vita quotidiana di un paese.
Anche gli alleati nella seconda guerra mondiale hanno raso al suolo parecchie città tedesche (mi viene in mente Dresda per esempio), hanno sbagliato?
Certo che hanno sbagliato col senno di poi, ma l'importante è che hanno vinto la guerra, perchè se avesse vinto il terzo reich...

Gustavo Rinaldi

Quindi Luca e` d'accordo con me il Libano dovrebbe poter godere dello stesso armamento d'Israele, perche` il Libano e` un paese democratico ed universalmente riconosciuto.

dragor

No, caro Luca, hanno sbagliato anche con il senno di prima, perché quei bombardamenti sono stati ininfluenti sull'esito finale. Ai poveracci che sono morti, più che la vittoria dei nazisti o degli alleati, forse sarebbe interessato salvare la pelle.
Grazie, ciao
dragor (journal intime)

I commenti per questa nota sono chiusi.