La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« L'eunuco femmina | Principale | Gli arabi e le donne »

26/07/06

Commenti

montgolfier

firmo e sottoscrivo, anche se c'è qualcuno che dice che sottoscrivere le tue parole è snob

una stretta di mano

spank

Grande post Dragor!

dragor

Caro Mongolfier, snob sarebbe il minore dei mali. Qualcuno dice addirittura che è facho...
Grazie, un caro saluto.
dragor (journal intime

dragor

Grazie, caro Spank
dragor (journal intime)

Gustavo Rinaldi

"E nel frattempo, da una parte e dall’altra delle fazioni in guerra, i “danni collaterali” riposano (almeno loro) in pace."

No, molti danni collaterali soffrono le pene dell'inferno per le ferite riportate senza poter essere curati decentemente.

Quegli Israeliani che in Israele hanno protestato dicendo che questa guerra e` un porcata da che parte stanno?

Ed i palestinesi che dicono che che e` ora di smetterla con razzi e rapimenti da che parte stanno?

Biz

"Si vis pacem, para bellum"

Non si vede perchè ciò sia naturale e giusto per gli israeliani, e canagliesco e terroristico per i suoi vicini.

Si Dragor, si capisce.
Mi rapiscono due soldati e allora faccio la guerra, distruggo le infrastrutture di un paese e visto che ci sono ammazzo anche civili e sporadicamente qualche osservatore Onu che mi sta sul cazzo.

Perchè? Perchè cerco di fare in modo, oggi, di farmi fare la sicurezza dei confini e il disarmo degli Hezbollah àggratis, a spese e con milizie turche, egiziane ed europee. Chi rompe paga? Una sega.

Si capisce... si capisce anche, a quel punto, perchè siano così odiati.

Guizzo

Sono sinceramente sbalordito dalla guerra attorno alla pace che si è scatenata tra noi bloggers...

dragor

Caro Gustavo,
parlavo dei "danni collaterali" morti. Quelli vivi, poveretti, è chiaro che soffrono.
Quanto alla scelta del campo, nel mio post dico che si è sempre schierati da qualche parte. Non necessariamente con i propri connazionali.
Grazie, un caro saluto
dragor (journal intime)

dragor

Caro Biz,
le mie citazioni valgono su scala mondiale. Non si riferiscono a nessuno in particolare.
Le tue osservazioni confermano che ognuno vede la pace a modo suo e che le guerre scoppiano proprio per questo. E che è fondamentale mettersi in discussione e riconoscere la propria scelta di campo.
Grazie, ciao
dragor (journal intime)

dragor

Caro Guizzo,
io invece non mi stupisco affatto. Nel mio post dicevo precisamente che la gente si scanna intorno alla pace e questa è la prova.
Ciao, un caro saluto
dragor (journal intime)

Gustavo Rinaldi

" si è sempre schierati da qualche parte. Non necessariamente con i propri connazionali."

Ma questo non sembra documentato; sembra di piu' la convinzione di qualche manicheo o una giustificazione per l`estremismo ed il massimalismo.

In vero, da entrambe le parti c`e` qualcuno che ama la sua parte, ma non ne accetta certi comportamenti, che giudica scorretti.

Lo stesso Primo Levi muoveva delle pesanti critiche ad Israele. Era anti-semita? Amava i Palestinesi piu' degli Israeliani?

No, rispettava ed amava Israele, ma non accettava l'estremismo di certi suoi dirigenti.

Oggi i sostenitori di questo estremismo ci dicono che ogni critica e` anti-semita, anche magari inconsciamente.

Nihil novi sub sole.

dragor

Caro Gustavo, sono perfettamente d'accordo, si puo' amare un paese e criticarlo pesantemente. Non hai letto la mia "Lettera a un Danno Collaterale?"
Grazie, ciao.
dragor (journal intime)

m.g.

D'accordo con te!

cinghios

Ciao dragor,
sì, mi conviene ammetterlo l'imparzialità assoluta non esiste. Mi metto in discussione.
Ma perchè il tuo yingyang dovrebbe essere "più" super partes della bandiera arcobaleno?

dragor

Caro cinghios,
perché il mio yingyang è sempre là, mentre la bandiera arcobaleno va e viene...
Grazie, un caro saluto
dragor (journal intime)

irene

Ciao Dragor, ciao Guizzo
spero non cia davvero guerra tra i blogger e spero di non risultare tra i bellicosi di una parte o dell'altra...
Credo di aver spiegato bene che sono solo un'inquieta sognatrice un pò scema e un pò sofferente che proprio non si schiera...
Sono stata via due giorni e mi ritrovo la home blog stravolta che è successo ?
La Stampa si sta rifacendo il look ?
Ciao !
Irene

dragor

Cara Irene,
oltre a tutto gli aggiornamenti sono in panne.
Ho scritto il post apposta per dimostrare che la gente si scanna per la pace. E infatti...
Ciao!
dragor (journal intime)

irene

E' vero, devo ammettere che dal basso della mia eterna confusione (non su guerra e pace ma sulla vita) non mi aspettavo che andasse così...Francamente non apporto altro alla questione, non me la sento proprio.
Io non "scanno" neanche le mosche...solo le zanzare, quelle si !
Gli aggiornamenti vanno a singhiozzo...bah sarà il caldo...
Ciao Dragor !
Irene

Pim

Caro Dragor, per un verso ti do ragione: è molto difficile essere pacifisti idealisti, totalmente al di sopra delle parti. Così come non esistono giornalisti obiettivi, perché non è possibile dimenticare il proprio retroterra culturale, la visione del mondo, le idee politiche. Ammetto perciò di sentirmi più vicino al popolo palestinese. Tuttavia, dopo aver visitato quei luoghi, ho compreso anche le ragioni di quello israeliano. Ho visto il volto stanco e teso dei giovanissimi militari che stavano ai checkpoint; mi hanno raccontato di una giovane madre di Gerusalemme che faceva salire i suoi due figli su autobus diversi, perché almeno uno di loro potesse tornare a casa incolume. Lo Stato Ebraico ha diritto di esistere, ma è chiaro che ha sottratto terre che appartenevano ai palestinesi; e lo Stato Arabo che doveva nascere in Cisgiordania non è mai nato. Insomma, non vorrei assumere un atteggiamento pilatesco, però credo che abbiano ragione un po’ tutti. Si tratta di trovare una formula che consenta a questi popoli di vivere insieme. E la guerra di questi giorni sta vanificando molte speranze, perché occorrerà molto altro tempo per una pace che sia solida e duratura.
Si vis pacem, para pacem...

dragor

Caro Pim,
come sempre la tua onestà intellettuale è ammirevole. Avevo scritto questo post per verificare la teoria che le persone fanno la guerra perché hanno idee diverse sulla pace e infatti sono riuscito a scatenare una miniguerra...
Comunque devi riconoscere che il rapporto fra israeliani e palestinesi è già abbastanza complicato, senza che ci si metta l'hezbollah. Quei tizi non c'entrano niente, sono manovrati dall'Iran e dalla Siria. E' un vero peccato che per eliminare 1 hezbollah gli israeliani facciano fuori 10 civili compreso qualche osservatore dell'ONU, per non parlare delle distruzioni. Secondo me si tende troppo a sorvolare sul massacro dei civili. Non è pubblicando qualche foto che si risolve il problema.
Grazie, un caro saluto
dragor (journal intime)

andrea

se 600 morti civili ti sembran pochi.Questa mattina ho appreso che il ministero della guerra israeliana ha deliberato che:prima inviterà i libanesi ad evacuare le proprie case magari ammazzandone qualcuno mentre fugge;quindi bombarderà a tappetto i villaggi radendoli al suolo;quindi entreranno nei villaggi coi tank terminando il lavoro.
Mi viene in mente Leningrado e l'assedio Tedesco.
Se vuoi la pace prepara la pace e la convivenza civile NO ALLA GUERRA!

dragor

Caro Andrea,
come dicevo nel post, non è dicendo pace che si fermano le guerre ma è fermando le guerre che si dice pace. Quindi la domanda è: come fermare la guerra? Secondo me, siccome l'hezbollah è una causa di guerra e il sistema scelto da Israele per disarmarlo è disumano, la domanda diventa: come disarmare pacificamente l'hezbollah? Ogni idea è la benvenuta.
Grazie, un caro saluto.
dragor (journal intime)

I commenti per questa nota sono chiusi.