La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Gli arabi e le donne | Principale | Come fermare la guerra »

28/07/06

Commenti

FULVIO

Un bambino non si "vuole", si accetta con amore. Il desiderio di un figlio dovrebbe essere il desiderio di essere pronti ad accogliere un figlio, non il desiderio di possedere un figlio. I tuoi amici gay o lesbiche "vogliono", come si vuole una vacanza, un vestito, un gioiello. Per forza di cose devono fare, come dici tu, qualcosa di etero, un bambino è qualcosa che deve nascere e crescere dentro una famiglia composta da mamma e papà, che l'hanno fatto. Ai gay e alle lesbiche resta tutto il resto del mondo, perché fissarsi anche sulla figliolanza? E te lo scrive un gay!

Betta

Ciao Dragor, su un forum di pediatria conobbi una donna lesbica che ha avuto 2 bimbi con la sua compagna.
Hanno usato un kit acquistato all'estero e il seme di un loro amico gay.
Dai suoi racconti nn traspariva sofferenza, ma a parte varie difficoltà di carattere pratico (ad esempio reperire il kit) la felicità di riuscire a realizzare un loro sogno pieno d'amore. Nn è stata la conseguenza in quanto "fissate sulla figliolanza" come scrive Fulvio. Essere gay nn compromette il fatto di desiderare di dare amore ad un figlio.

Betta

dragor

Cara Betta, sono perfettamente d'accordo. Il fatto di essere gay non compromette il fatto di desiderare e dare amore un figlio. Parlando di "sofferenza" ho soltanto blandamente ironizzato sul fatto che questo figlio non puo' essere concepito con un atto piacevole come facciamo noi etero, ma soltanto con una caccia al kit oppure "chiudendo gli occhi e pensando all'Inghilterra". Ammetterai che c'è di meglio!
Caro Fulvio (a proposito, hai un blog? Qual è?), dicendo "volevamo" ho soltanto sintetizzato l'idea. In realtà, come Betta, penso che l'amore non abbia sesso. Con i gay la questione dei figli è solamente più complicata...
Grazie, un caro saluto
dragor (journal intime)

fia

Me l'immaginavo.....sono d'accordo con Fulvio. Sono per la famiglia tradizionale : mamma , papà e tanti bambini.
Cosa che ho fatto.

Betta

BRAVA

fia

Ma perchè rompi ?
Si vede che te la sei presa con me da un pò , probabilmente non hai altro da fare.

Betta

Sono d'accordo con te Dragor, molto più piacevole per noi ... loro sono oggettivamente penalizzati.
Un caro saluto
Betta

Betta

fia
credo che ti stia sbagliando, comunque se ti rompo puoi sempre nn leggermi, ne sarò lieta.

fia

Se non ti leggo come faccio a risponderti ? Se non sei capace di accettare idee diverse dalle tue , perchè scrivi su un forum ? Ti pregherei , d'ora in poi , di ignorarmi. Ne sarei lieta anch'io.

Betta

Infatti nn devi rispondermi.
Questo nn è un forum.

fia

E che cos'è , di grazia ?

dragor

Credo che le discussioni più stimolanti siano quelle fra persone con opinioni diverse. Se tutti la pensano allo stesso modo, che gusto c'è? Certo, bisogna che ognuno sfoderi i suoi argomenti
dragor (journal intime)

fia

Hai ragione dragor. Buongiorno anzitutto.
Questo è un argomento molto stimolante, io ho buttato lì la mia idea , personalmente non ho sfoderato l'argomento perchè farei arrabbiare molta gente.

dragor

Cara Fia,
al contrario, credo che sia più provocatorio buttare l'idea senz'accompagnarla con un argomento. Perché l'interlocutore, non potendo sfogare la sua aggressività con un argomento contrario, puo' essere tentato di fare come Zidane... :))
Grazie, un caro saluto
dragor (journal intime)

m.g.

Immagino che dragor sarebbe lieto se molta gente si incazzasse, sul suo sito.
Vero?!?
Scherzo, grande Dragor per l'ennesima volta. Il Funari d'Oltralpe!
Bello il battibecco Betta/Fia.
Continuate!

maxgiordani

uhm...basta...me ne vado sul blog di piccolina.
:-))

fia

Ah.....dragor.....ma con me , uno che fa come Zidane , ha vita corta !!!!! Ho un carattere aggressivo, è una vita che cerco di contenermi senza quasi mai riuscirci ! Bacioni.

dragor

Ciao Massimo, mi va benissimo che la gente s'incazzi, pero' vorrei che ne venisse fuori qualcosa di costruttivo. Chi è questo Funari?
Grazie, un caro saluto
dragor (journal intime)

m.g.

Il noto conduttore televisivo Gianfranco Funari nasce a Roma il 21 marzo 1932. In famiglia il padre, vetturino, è socialista, mentre la madre è comunista.
A 16 anni Gianfranco si trasferisce in via Famagosta al numero civico 8; poco più in là, al numero 10, abita Franco Califano, di cui Funari avrà il privilegio di ascoltare la prima canzone.

Funari inizia a lavorare come rappresentante di una società di acque minerali. Dopo aver conosciuto l'ispettore del Casinò di Saint Vincent, inizia a lavorare come croupier.
Si trasferisce poi ad Hong Kong dove lavora per sette anni in un casinò locale.

Nel 1967 ritorna a Roma, incontrò Luciano Cirri de "Il Borghese" che gli propone di lavorare nel cabaret al "Giardino dei supplizi", noto locale romano: dopo pochi mesi, Funari saggia la posizione di estrema destra che "Il Borghese" mantiene, e decide di andarsene.

Alcuni giornalisti de "Il tempo", insieme a un grosso commerciante di elettrodomestici ed un'agenzia di viaggi avevano nel frattempo preso in gestione il "Sette per otto", locale da cui era uscito Paolo Villaggio: mentre si esibiva qui, Funari viene notato da Oreste Lionello.
Verso la fine del 1968 lo notano anche una signora milanese molto amica di Mina Mazzini e di Gianni Bongiovanni, titolare del mitico "Derby" (tempio milanese del cabaret), che gli propone di trasferirsi a Milano.

Il 30 aprile 1969 Gianfranco Funari fa il suo esordio: sei giorni per 30.000 lire a serata. Per sei anni Funari si esibisce al Derby come interprete di monologhi centrati sulla satira di costume. Incide perfino un 33 giri, "Ma io non canto... faccio finta"; è regista dello spettacolo "Da dove vieni tu?" interpretato da "I Moromorandi", un formidabile trio composto da Giorgio Porcaro, Fabio Concato e da un terzo ragazzo che oggi è un funzionario delle tasse; dirige anche un altro gruppo di cui fa parte il duo comico Zuzzurro e Gaspare.

Nel 1970 Funari fa il suo debutto in video in "La domenica è un'altra" cosa, con Raffaele Pisu. Nel 1974 è la volta di "Foto di gruppo" su Rai Uno di Castellano e Pipolo, sempre con Pisu, in cui Funari ha un angolino per intrattenere il pubblico con un monologo.

Nel 1975 è a Torino per presentare "Più che altro un varietà" per la regia di Piero Turchetti con Minnie Minoprio e il Quartetto Cetra.

Nel 1978 Funari scrive un romanzo, "Famiglia svendesi". Poi recita nel film ad episodi "Belli e brutti ridono tutti", diretto da Domenico Paolella e interpretato da Luciano Salce, Walter Chiari, Cochi Ponzoni, e Riccardo Billi.

Sul finire degli anni '70 ha l'idea di "Torti in faccia", un programma nel quale tre persone discutono con altre tre di opposta categoria (vigili-automobilisti, inquilini-proprietari), che propone a Bruno Voglino, capostruttura di Rai1, risposta: "non è nello spirito della nostra rete". Nel 1979 incontra Paolo Limiti, che allora si occupava dei programmi di Telemontecarlo: "Torti in faccia" va in onda sulle frequenze dell'emittente monegasca dal maggio 1980 al maggio 1981, cinquantanove puntate con grande successo.

Funari si erge a profeta e paladino degli indifesi, tre stagioni di grande successo, 128 puntate fino al 1984. Pochi mesi dopo Giovanni Minoli gli offre la seconda serata del venerdì. Avendo ancora un contratto con Telemontecarlo il suo passaggio in Rai viene gestito dai vertici di Viale Mazzini e di TMC: la Rai cedeva all'emittente monegasca film e telefilm, in cambio del 10% della proprietà di TMC alla Rai e del suo passaggio in Rai.

Il 20 gennaio 1984 inizia la prima edizione di "Aboccaperta" su Rai Due.
Nel dicembre dello stesso anno conduce "Jolly goal", gioco a premi con il pubblico, in onda la domenica pomeriggio all'interno di Blitz.

Nel 1987 Funari sposa in seconde nozze Rossana Seghezzi, ballerina della Scala, da cui si separerà nel 1997. Nell'autunno 1987 su Rai Due parte "Mezzogiorno è", programma voluto da Agostino Saccà e Gianni Locatelli. Poi conduce "Monterosa '84" dieci puntate in seconda serata, rassegna degli artisti che hanno lavorato al Derby, fra gli altri Teo Teocoli, Massimo Boldi, Enzo Jannacci, Renato Pozzetto e Diego Abatantuono.
Funari viene cacciato dopo che aveva invitato La Malfa in trasmissione, benchè gli fosse stato ordinato di non farlo.
Gli viene offerto di condurre "Scrupoli" e "Il Cantagiro", ma Funari rifiuta, preferendo restare un anno senza lavoro. Al suo posto arriverà Michele Guardì.

All'inizio degli anni '90 Funari passa a Italia 1. Nel 1991 parte "Mezzogiorno italiano", nel 1992 "Conto alla rovescia", una tribuna politica alla maniera di Funari, nel periodo delle imminenti elezioni. A chi lo indica come giornalista Funari risponde definendosi "il giornalaio più famoso d'Italia". Con la sigaretta perennemente fra le dita, con abbondante andrenalina, Funari mette alla frusta i politici. Il noto critico Aldo Grasso ha modo di scrivere: "Funari interpreta il suo ruolo come una missione, si vive come il fondatore di una nuova religione catodica: un bravo conduttore di talk show deve essere una spugna. Io assorbo tutto e sono in grado di ributtare il tutto nel momento ideale. Il concetto base del talk show è il seguente. Chiamare gente qualunque, dargli un tema, e farglielo svolgere indipendentemente dal linguaggio che questa gente usa".

Nell'estate 1992 Funari, reo di avere espresso il suo disagio all'interno delle reti Fininvest, viene allontanato a seguito di una polemica con Silvio Berlusconi.
L'anno seguente, vinta la causa con il gruppo Fininvest, torna a Rete 4 per presentare "Funari news", prima parte in onda prima del TG4 di Emilio Fede, e "Punto di svolta", seconda parte in onda dopo il TG4. Ma ancora in Fininvest dura poco e deve nuovamente cambiare editore.

Dopo una breve e sfortunata parentesi alla direzione del quotidiano "L'Indipendente", e il fallimento delle trattative con l'azienda di Stato e i grandi network, approda su Odeon TV per presentare il programma del mezzogiorno "L'edicola di Funari" e la striscia quotidiana "Funari live" nel tardo pomeriggio.

Nel 1996 un fugace ritorno a Rai Due, la domenica pomeriggio come conduttore di "Napoli capitale", talk-show politico che offre ai candidati alle elezioni un'arena per sfogare frustrazioni e rancori. Conclusosi anzitempo il contratto con la Rai, Gianfranco Funari riparte con "Zona franca", quindi conduce "Allegro... ma non troppo" sugli schermi di Antenna 3 Lombardia. Qui inizia a frequentare Morena Zapparoli, figlia del suo psicanalista, che sposerà otto anni dopo.

Nel marzo 1997 Gianfranco Funari torna a far parlare di se: annuncia che intende candidarsi sindaco di Milano con una una "Lista Funari". Per qualche settimana i sondaggi danno Funari al quarto posto. Si reca ad Hammammet a trovare Bettino Craxi per chiedere consigli sull'attività politica Milanese. Al ritorno deciderà per il ritiro dalla corsa alla poltrona di sindaco.

Nel 1998 Funari si dedica al cinema, compare in "Simpatici e antipatici" diretto da Christian De Sica.

Subisce un intervento chirurgico al cuore con applicazione di by-pass nel 1999. Dopo l'intervento la salute diventa il punto di partenza per un attacco alla sanità pubblica durante la trasmissione del sabato sera "Per tutta la vita" condotta da Fabrizio Frizzi.

Ritorna nuovamente a Mediaset nel 2000: Funari viene invitato come guest-star nel programma "A tu per tu", condotto da Maria Teresa Ruta ed Antonella Clerici. A una tavola rotonda vi sono gli ospiti e un argomento: Funari è un gigante al cospetto delle due conduttrici e dopo qualche puntata non è più l'ospite bensì il padrone. Funari ritrova i fasti di un tempo nella fascia oraria in cui in passato ha dato il meglio di se, quella delle casalinghe. Ma il programma si esaurisce nel corso di una stagione e Funari viene di nuovo ricacciato verso emittenti minori.

Nelle stagioni successive è a Odeon con "Funari c'è", poi con "Stasera c'è Funari", poi con "Funari forever". Si presenta in video con un nuovo look: barba, bastone. Più gli si spara addosso, più lui si rialza, urla, inveisce, ride. E' accompagnato dalla sua banda storica: il giornalista Alberto Tagliati, il comico Pongo, la fidanzata Morena.

L'abilità di Funari come conduttore è il fermarsi sulla soglia del suo sapere per lasciare spazio al sapere dell'altro: grazie a un fiuto infallibile, ha capito tutti i rituali della tv generalista e, in più, a differenza di altri conduttori, sa quando bisogna comportarsi da "ignorante" per rispettare l'altrui pensiero.

Alla fine del 2005, in un'intervista, Funari fa gran parlare di se lanciando un appello in cui dice di essere ormai prossimo alla morte e in cui invita i giovani a non fumare: "Ho cinque by pass, ragazzi, vi prego, non fumate. Non fumate!".

dragor

Cara Fia,
mi sembra che con Betta facciate come Zidane tutt'e due. Bisogna vedere chi ha la testa più dura... :)))
dragor (journal intime)

dragor

Caro Max,
si', ho sempre saputo che il nazional-popolare ti è più congeniale di queste sofisticate dicussioni intellettuali :))
dragor (journal intime)

Betta

Caro Dragor, occorre necessariamente che esistano ed interagiscano tra loro alcuni "fattori" affinchè venga fuori qualcosa costruttivo ;)

dragor

Caro Massimo, grazie per la biografia di Funari. Credo che lo prendero' fra i miei modelli.
Sei lo penna più veloce del West! Come hai fatto a scrivere tanta roba in 2 minuti?
Un caro saluto
dragor (journal intime)

dragor

Cara Betta,
si', ho capito. E' un po' la stessa storia dei gay... :)))
dragor (journal intime)

Betta

Perfetto!! Anche se lì il risultato finale è qualcosa di mooolto costruttivo :))

m.g.

Copia incolla.
Mi chiamo Marco, poi, ma non importa. Il nome è una convenzione.

dragor

Caro Marco,
si', sapevo che ti chiami Marco, è stato un lapsus. Una volta Montgolfier l'ho chiamato Montpellier, pensa un po'.
Dev'essere un debutto di Alzheimer. :)) Ciao!
dragor (journal intime)

fia

Ah,ah,ah....mi hai fatto proprio ridere.
Mi è venuto in mente un episodio simile, tanti anni fa mia nonna,il portiere di casa sua che si chiamava Oris, lo chiamò Osiride ,non c'era verso di farle cambiare idea. E si stupiva pure, che lui non voltasse la testa....Scusa dragor,ma volevo proprio dirtela anche se non c'entra una mazza.CIAO!

dragor

:)))))))

FULVIO

Caro Dragor, il mio blog è Sono gli amori diversi.

Guizzo

Caro dragor, hai creato un mostro...

dragor

Caro Guizzo, ho soltanto portato alla luce il mostro che si nasconde in ognuno di noi ;)
dragor (journal intime)

fulvio

Caro Guizzo, mi scuso se approfitto del journal time per quetioni di tale inezia, ma se ti piglio...ti sistemo per l'eternità! Il mostro è già qui dentro di me, che cresce ad ogni ora.

Luca

Secondo me i figli hanno diritto di nascere e crescere secondo natura, cioè con un padre e una madre come esempio, e non all'interno di famiglie gay e lesbiche.

Pim

Esiste pur sempre la partenogenesi...

luca

E cosa cavolo è la partenogenesi?
Leggo da Garzanti: modo di riproduzione di alcune piante e animali inferiori in cui lo sviluppo dell'uovo avviene senza che questo sia stato fecondato.
Queste per me sono solo sperimentazioni da evitare, perchè sono cose innaturali che non portano alcun beneficio alla specie umana.
E non perchè io sia un bacchettone, perchè per esempio sono favorevole alle ricerche sulle cellule staminali, perchè potranno permettere di curare molte malattie. E poi vista l'importanza e quindi il relativo business, credo che queste ricerche saranno condotte in ogni caso, probabilmente in altri paesi con legislazioni meno "severe", quindi mi sembra meglio che vengano effettuate direttamente nei paesi occidentali sotto stretto controllo etico/legislativo. Ma un conto sono le ricerche per prevenire le malattie e un conto sono le ricerche per ottenere cose che la natura ha escluso in partenza.
E comunque bisogna pensare anche alla vita del bambino, perchè ora qualcuno mi dirà che sono razzista, ma secondo me la gran maggioranza dei gay-lesbiche lo è diventata non per origine genetica, ma per problemi ed errori educativi dei loro genitori.

fulvio

Si va bene Luca, ma non ho capito una cosa: ma allora se sono diventato gay a causa di problemi od errori educativi dei miei genitori, chiaramente uomo e donna, allora cosa c'entra con tutto il discorso. E poi se sono gay, è un grosso problema per l'umanità?

Luca

No, non vedo nessun problema, il problema lo vedo solo nel momento che pretendono di avere di "straforo" una cosa che la natura ha escluso in partenza. Comunque personalmente non ho niente contro i gay e sono favorevole a che godano di tutti gli altri diritti delle coppie eterosessuali in fatto di pensioni, eredità e quant'altro.

I commenti per questa nota sono chiusi.