La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Veri falsi a Ventimiglia | Principale | Quel ponte sul Sund »

23/08/06

Commenti

Silvano Deregibus

Ciao Dragor...bel post che riassume una pura verità che ormai quotidianamente è sotto gli occhi di tutti..brave persone che ammazzano..; chissà cosa ci si deve aspettare dalle cattive persone...!! mah..
Un saluto con l'augurio di una serena giornata, Silvano ;-)

dragor

Caro Silvano, volevo far notare anche che si tende sempre più a giustificare gli assassini e colpevolizzare le vittime. Buona giornata anche a te :)
Dragor (journal intime)

Guizzo

Mi sembra che queste persone stiano cercando solamente di salvare sè stesse. Di giustificare la scelta di un marito del genere o di quel sacrestano. Naturalmente senza nessun rispetto per le vittime.

piero

Povero chi muore (ancor peggio se ammazzato). Ciao, Piero.

m

è da un pò che si presta più attenzione al carnefice che alla vittima, anche perchè questa non può più parlare...

spank

tanto, poi, mal che vada, c'è sempre l'indulto..

lara

Comunque se Hina se ne stava a casa non le succedeva niente, se l'altra ragazza non andava ad accendere il cero non le succedeva niente. Penso che la morale sia stare a casa o uscire con un velo in testa a questo punto. Ciao.

pam

Gli occhi degli assassini. Il pensiero dello sguardo di chi uccide o ha intenzione di uccidere è un elemento che mi sconvolge.
Gli occhi degli assassini. Magari la vittima designata li incontra, non se l'aspetta, crede di sbagliarsi perché non ha mai concepito l'idea dell'uccisione.
Gli occhi degli assassini.
La vittima è rilassata, magari si sta svegliando e li incontra e subito quegli occhi cambiano direzione.
Gli occhi degli assassini.

fia

Già....gli occhi degli assassini.
E sono quasi sempre le donne a rimetterci. Le più deboli , fisicamente e socialmente.
Checchè se ne dica , anni di femminismo e di voglia di riscatto non sono serviti a niente.
Siamo nel medioevo.

dragor

Cara Fia, ben tornata.A proposito di femministe, sembra che non vogliano protestare in massa per i casi sempre più numerosi di violenza perché temono di passare per razziste...
Un caro saluto
dragor (journal intime)

fia

Grazie dragor , sono tornata ieri sera dalle vacanze nel Trentino.
Che posti !!!!!

m

le femministe non protestano più perchè hanno 60 anni e magari sono stufe delle giovani donne che danno tutto per scontato. non c'entra nulla con l'argomento, ma sento in giro un sacco di madri che, tornate oggi al lavoro, si stanno sbattendo a cercare una soluzione per i figli piccoli visto che nidi ed asili saranno chiusi ancora per settimane ( asili da 3-500 euro al mese, mica gratis)lo stesso è stato a luglio. Non ci pensano proprio a contarsi,riunirsi in comitati, e a far casino dal sindaco. figurati per soldarizzare con una ragazza uccisa...

m

ci voleva una come la Pollastrini per pensare alla costituzione di parte civile dello stato italiano contro gli assassini di Hina, magari non si potrà fare ma almeno è un segnale...

fia

Ciao m , no , non è vero che il tuo argomento non c'entra nulla , è verissimo che tutto sembra che trami contro le donne . E poi il femminismo è un capitolo ormai chiuso perchè i tempi corrono più veloci delle persone , ma almeno ha avuto di buono di aver tentato di mettere in luce la donna come essere umano pensante e non oggetto di piacere animalesco per i maschi . Nessuno ha il diritto di violentare una donna e men che meno di ammazzarla solo perchè ragiona con la propria testa .In aggiunta ci sono tanti uomini che meriterebbero perlomeno l'evirazione . Ve lo dice una che da ragazzina ha subìto un tentativo di violenza che , per fortuna mia , non si è concluso . Mi sono sentita in colpa , non so perchè . Cornuta e mazziata . In più le donne non solidarizzano fra loro come , più furbescamente , fanno gli uomini.
Se ci fosse un'altra vita chiederei di nascere maschio . Certamente per costruire qualcosa ,non per distruggere.

m

ti sei sentita in colpa perchè a tutte le donne, già da ragazze,di tutte le classi sociali, si insegna a farsi carico di non suscitare l'aggressività sessuale nell'uomo. che è poi la logica del burka, del velo, della segregazione delle donne nel mondo musulmano, meglio arcaico e rurale. il corpo, i capelli delle donne eccitano l'uomo? copriamo la donna. Il velo è stato introdotto perchè le leggi sono state fatte dagli uomini, appena le donne hanno cominciato a contare nelle società, le leggi hanno cominciato a punire i comportamenti aggressivi maschili in quanto ttali. nella storia di Hina io vedo una giovane donna, maggiorenne, autonoma,che lavora, si mantiene, e viene attirata in una trappola per essere assassinata. che la trappola sia dei familiari spero non sia considerata una attenuante culturale da parte di qualche giudice. della serie " sono culture particolari".
per il resto, chi ha il potere se lo tiene finchè può, ma qui sono in gioco le libertà europee attestate negli ultimi 50 anni. solo l'immigrazione musulmana ci porta questo problema, nessun'altra. non capisco perchè si invoca il rispetto della loro cultura, anche da parte della sinistra: è contro le donne, è maschilista , arcaica, violenta. va respinta e basta.

dragor

Care Fia e M,
il cristianesimo e l'islam sono due religioni che pretendono di ricostruire le donne secondo i più contorti fantasmi maschili.Il cristianesimo è stato almeno in parte ridimensionato, adesso bisognerà fare altrettanto con l'islam.
Grazie, ciao a tutte
dragor (journal intime)

piero

Caro Dragor,
sono molto preoccupato per ciò che avviene a Brescia. Le parole di chi dichiara che non c'è vera emergenza non mi convincono (quanti morti ci devono essere perchè ci sia emergenza?). Non so, perché si sttovaltano queste situazioni?

dragor

Caro Piero, a livello ufficiale le situazioni si sottovalutano (parliamo di understatement) perché non si vuole provocare un'ondata di xenofobia. Da noi è lo stesso e di solito, in queste situazioni, è soltanto Le Pen che sbraita contro gli stranieri o i francesi di origine straniera. Ma sono sicuro che, al di là delle dichiarazioni ufficiali, le autorità hanno inquadrato il problema e fanno del loro meglio per affrontarlo.
Un caro saluto
dragor (journal intime)

I commenti per questa nota sono chiusi.