La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Il peso dei morti | Principale | Art Déco »

11/08/06

Commenti

Lacerba

diciamo anche che il cammelliere è vissuto diversi secoli fa e i suoi precetti per la vita quotidiana si potevano adattare di certo ai costumi dell'epoca, ma non più al mondo di oggi ed alla civiltà che si è evoluta nel frattempo. Diversamente da altre religioni, che propongono un discorso più metafisico e filosofico, che quindi si adatta ad essere interpretato secondo i canoni di ogni tempo, il Corano secondo me invecchia.

dragor

Caro Lacerba,
si adattavano soltanto agli interessi di Maometto nel governo di Medina. Il Corano è un fatto privato divenuto pubblico. Ci sono religioni nate secoli prima, come il buddismo, culturalmente molto più evolute.
Grazie, un saluto
dragor (journal intime)

Dolcyssyma

Dragor, leggerti mi affascina. Al solito è una bellissima descrizione dei luoghi (ovviamente non commento i fatti storici che ignoro...)

Gustavo Rinaldi

Giustamente ci hai ricordato che in presenza di Islam si e` potuto avere Cordoba e Granada. Pare infatti che quelle due citta'fossero guidate da mussulmani discepoli di Maometto,non da discepoli di Rousseau, di Zola` o di Gianduja.
Poi con una connessione molto deboluccia torni con il tormentone sulle malefatte, vere o presunte, di Maometto.
Ottima la descrizione di Cordoba, peccato per il finale.

La realta', secondo me, e`, che diverse religioni e culture in certi periodi coesistono con il pensiero e l'innovazione ed in altri no. Molte sono le cause. La loro ricerca richiede probabilmente molta fatica.

Prishilla

"affrontate la realtà con lo strumento della ragione" ... io la scriverei sui muri di tutte le civiltà del mondo questa esortazione!

dragor

I califfati di Siviglia, Granada e Cordoba sono fioriti finché l'islam è rimasto in disparte, dando un esempio di tutto quello che la civiltà araba avrebbe potuto fare senza il giogo dell'islam. Come ripeto, quando Al Mansour ha preso il controllo di Cordoba, ha immediatamente represso la sua vita intellettuale. In seguito il mondo islamico si è riempito di Al Mansour.
Quanto alle malefatte di Maometto, sono vere e documentate. Fra tutti i profeti, Maometto è considerato quello storicamente meglio conosciuto.
Ciao
dragor (journal intime)

Guizzo

Perché tutte le Mamma Rosa lombarde producono solo danni?
A parte gli scherzi credo che la frase che ha colpito Prishilla sia quella che dovrebbero adottare tutte le persone del mondo: affrontare la realtà con lo strumento della ragione. Eppure vi sono molte religioni che non affrontano il mondo in questo modo ma a nessuno viene in mente di sterminare gli altri...

Gustavo Rinaldi

Come fai a dimostrare che coloro che han reso grande Cordoba non fossero dei buoni mussulmani?

Guizzo

Grazie per la segnalazione del post di Biz, l'avevo perso. Sono intervenuto.

dragor

Grazie, cara Dolcyssyma. :)
dragor (journal intime)

dragor

Cara Prishilla, durante la Révolution Robespierre voleva sostituire al cristianesimo con il culto della dea Ragione. E gli hanno tagliato la testa...
dragor (journal intime)

dragor

Caro Gustavo, la prova è che hanno fatto grande Cordoba. Quando sono arrivati i buoni musulmani, rappresentati da Al Mansour, l'élite di Cordoba è dovuta scappare a Granada.
dragor (journal intime)

Gustavo Rinaldi

Ma questo non dimostra proprio nulla.
Chi sei tu per stabilire quali erano i buoni e quali i cattivi mussulmani?

irene

Grazie Dragor. Sinceramente mi mancavano alcuni "pezzi storici"...grazie, un post veramente interessante per me.
Ciao
Irene

dragor

Caro Gustavo, io non sono nessuno. Prova a chiederlo ad Averroès & C...
dragor (journal intime)

dragor

Grazie, cara Irene. :)
Ciao

m.g.

E da parte paterna, chi sei, Dragor? Che c'entri con l'Italia? Come fai a scrivere così bene in italiano?

E soprattutto, Prishilla e Dragor stesso, cos'è, la ragione? Cosa spiega la ragione?

dragor

Caro Marco, ho studiato l'italiano a scuola, poi i miei mi hanno mandato in collegio nel Tirolo italiano per farmi imparare in un colpo solo l'italiano e il tedesco. Sembra che la cosa abbia abbia funzionato per l'italiano...
E la mia moglie precedente era romana, cosi' ho imparato anche il romanesco. Se ti dicessi anche chi è mio padre, firmerei la mia condanna. Hai letto questo post? :))
La ragione è l'opposto dell'emozione.
Grazie, un caro saluto
dragor (journal intime)

m.g.

Scrivi troppo bene per non essere madrelingua. Mi rimangono dubbi. Ma è bello così!
Sul dominio assoluto della ragione non sono così d'accordo con te, ma scriveremmo mille post e non diremmo nulla di nuovo rispetto a quanto già non abbian detto secoli di pensatori.
Un caro saluto anche a te.

m.g.

Anzi, se mi concedi, ti dico che leggerei molto volentieri un tuo scritto ad oggetto: "Come sarebbe il mondo senza religioni". Sarebbe stato, o sarebbe. O sarà. Se hai voglia.

dragor

Caro Marco, nemmeno io sono d'accordo sul dominio assoluto della ragione. Penso che tutti o quasi i problemi dell'umanità derivino dal fatto che la gente si emoziona quando dovrebbe ragionare e ragiona quando dovrebbe emozionarsi. Se si riuscisse a tenere separate le due sfere e soprattutto a riconoscerle (ossia a non prendere l'emozione per ragione e viceversa) credo che il mondo sarebbe migliore. In ogni caso non ho difficoltà a raccogliere il tuo stimolante invito
e nei prossimi giorni scrivero' un post sul mondo senza religioni. Che, secondo me, sarebbe finalmente un mondo religioso.
Quanto alla lingua, non hai ancora visto come scrivo in francese. Presto faro' un blog su Nice-Matin, o magari su Le Monde.
Grazie, a presto
dragor (journal intime)

m.g.

Ti prego assolutamente di avvertirmi, nel caso del blog!
Che fine ha fatto il post sulla sorella di tua moglie?

dragor

Caro Marco, che occhio!L'ho ritirato perché qualcuno ha telefonato a mia moglie per dirle che penso troppo a sua sorella. Hai letto "Rwanda!", archivio di maggio? Ciao
dragor (journal intime)

Dolcyssyma

Uaaaaaaaauuuhh! Mi assento un giorno e trovo una biografia di Dragor (Grazie Marco per averlo stuzzicato ;))))

dragor

Cara Dolcyssyma,
c'è soltanto quello che sanno tutti... :))
dragor (journal intime)

Prishilla

Bè, anche se arrivo un po' in ritardo volevo aggiungere la mia risposta, tanto per fare quella che puntualizza (!). La ragione per me non è il contrario dell'emozione ma il desiderio e la volontà di trovare significati alle emozioni e la capacità di mediare fra emozione e azione.
Ecco qua, l'ho detto. Ciao a tutti!

m.g.

Caro Dragor, in tutta sincerità, che spesso attira i fulmini di Zeus ma che rimane per me la cosa più affascinante, ti devo dire che dei due post sull'amore, quello per la sorella di tua moglie l'ho trovato più partecipato emotivamente rispetto a quello per tua moglie. Ecco, l'ho detto. Non l'avrei fatto, se non avessi letto quanto hai scritto nel commento precedente.
E' un'impressione, solo mia. Infatti avrei voluto mettere il link, nel mio blog, a QUEL post, poi non l'ho più trovato, e allora ho scelto il second best.
Un caro saluto.

dragor

Caro Marco, il ricordo della sorella di mia moglie è legato al trauma provocato dalla sua morte, descritta in "Rwanda!". La differenza è tutta li'. A volte, quando si scrive, i sentimenti per i morti sembrano più intensi di quelli per i vivi, perché non si possono manifestare in altro modo.
Grazie di avere colto questa sfumatura.
dragor (journal intime)

Dolcyssyma

Io quando ho aperto questo blog ho preso la decisione di non mostrare i miei sentimenti. Sono consapevole che gli scritti relativi ai sentimenti sono i più intensi, sono quelli che vengono meglio, sono più partecipativi.

Il problema è che chi legge, se è una persona che ci conosce anche fisicamente, spesso può fraintendere lo scritto creando un mucchio di equivoci.

Lo scritto d'amore è una rivelazione del nostro intimo, quello che concediamo a poche persone. Tutti gli altri ci conoscono ma non sanno cosa c'è realmente nella nostra anima e soprattutto non comprendono che scrivere significa liberare la nostra creatività, anche quella sentimentale.

(Scusa il commento lungo Dragor, ho fatto come Prishilla, l'ho detto... ;))))

Dolcyssyma

e aggiungo che... ho molta voglia di scrivere d'amore nel blog, ma la mia timidezza me lo impedisce

dragor

Cara Prishilla, secondo la classica definizione freudiana, la ragione (ego) è la mediazione fra l'istinto (es) e il dovere (superego). Ti sembra accettabile?
Ciao
dragor (journal intime)

dragor

Cara Dolcyssyma, in certi commenti qualcuno ha detto che i sentimenti dovrebbero essere un fatto privato, che non dovrebbero essere esibiti in pubblico. Non sono d'accordo. Che cosa fa un artista, se non esibire i suoi sentimenti e condividerli con gli altri? Se non si condividessero i sentimenti, sparirebbe l'arte. Per lo stesso motivo non vedo un rapporto fra la timidezza e la decisione di non esibire i sentimenti. Ci sono scrittori e musicisti timidissimi che non fanno che esibire i loro sentimenti. Forse nell'arte trovano il coraggio che gli manca nei rapporti interpersonali.
Come vedi, i tuoi commenti sono più corti de miei... :)) Un caro saluto
dragor (journal intime)

Dolcyssyma

Pubblicare i miei scritti d'amore mi ha creato numerosi problemi "gravi" che qui non posso/non voglio dire.

Mi provoca molta sofferenza autocensurarmi a volte, ma poi penso che a volte la timidezza sia una buona ancora di salvataggio. Spesso uso la tecnica di scrivere in terza persona per mantenere un distacco.

Non mi censuro invece davanti ai bambini, tutto ciò che ho scritto su loro la redazione lo ha sempre messo in prima pagina (Tutti gli articoli su Tommy e Denise ad esempio). A dimostrazione che la scrittura emotiva è l'unica che realmente lascia un segno profondo in chi legge.

Ho approfittato del tuo blog per esprimere alcuni pensieri, non avendo tempo di crearne uno mio. Fino a martedì non potrò scrivere. Saluto tutti gli altri blogger e lettori BUON FERRAGOSTO a tutti :)))

I commenti per questa nota sono chiusi.