La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Incidenti alla romana | Principale | Vendetta »

22/10/06

Commenti

Filippo

Vabbè, dragor, però sbagli il tiro sulla Fallaci. Ha espresso le sue convinzioni, non è mai stata una bigotta. Ma, nel momento di crisi, solo la Chiesa le ha parato il culo. Certo, la Chiesa l'ha fatto per i suoi interessi. Ma, allora è circonvenzione di anziana, malata e isolata; non certamente che lei è bigotta. Perché colpire i protagonisti senza potere? La Fallaci s'è guadagnata quell'importanza da sé, la Chiesa no. La Fallaci non s'è mai arricchita, la Chiesa si'. La Fallaci esprimeva le sue opinioni "controcorrente", la Chiesa non è mai stata nemmeno un filo controcorrente.

E poi, ma che c'è di tanto assurdo in quel che dice la Fallaci? Se togli la rabbia, la violenza verbale e gli eccessi, il problema politico denunciato rimane. La società musulmana è impregnata di idee non democratiche. Seminate e coltivate dai dittatori della regione, d'accordo, ma sempre non democratiche sono. Non sarà IL problema piu' importante del mondo, certo, ma sempre vere sono le cose che dice.

A me sembra che la dirompenza della Fallaci sia sovrastimata. Diceva cose piuttosto ovvie in modo violento e/o incisivo.

dragor

Caro Filippo, sono d'accordo: la società musulmana è impregnata d'idee antidemocratiche e la Fallaci ha fatto benissimo a denunciarle, a parte i suoi eccessi verbali che hanno fatto passare in secondo piano la verità delle affermazioni. Del resto l'ho detto anche nel mio post su di lei. Ma nello stesso post ho anche indicato i suoi cedimenti clericali, molto gravi per una sedicente libera pensatrice. E lasciare tutto ai preti è tipico dei bigotti che cosi' sperano di guadagnarsi un posto in paradiso, qualunque cosa abbiano detto o fatto da vivi.
Quanto al fatto che non si fosse arricchita, la cosa mi sembra un po' discutibile. Con quello che costano i loft a New York...
Un caro saluto
dragor (journal intime)

Pim

Vabbe', non è che poi abbia lasciato un gran patrimonio... di idee, intendo... e tantomeno letterario...

I commenti per questa nota sono chiusi.