La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Allez Ségolène! | Principale | Good news »

20/11/06

Commenti

Pim

Un con de glace... questa è strepitosa!
:-)))
Per il resto sono d'accordo. Da anni si parla di un tunnel sotto il Mercantour. Fare il Tenda e la Val Roya è divertente, ma due ore e trequarti di viaggio sono eccessive per una distanza tutto sommato breve...

montgolfier

un con de glace...

strepitoso, neanche a inventarlo

ciao dragor, un saluto

Mont

dragor

Caro Pim, il retroterra naturale di Nizza è quello servito dalla Route Napoléon e dalla Route du Sel, che portano rispettivamente a Grenoble-Chambéry-Genève e a Torino. Ma quel connard (con rafforzato) di Napoléon III ha fatto passare tutto il traffico ferroviario per Marsiglia e noialtri siamo diventati una specie di enclave...
ciao
dragor (journal intime)

dragor

Caro Mont, il gelataio ha risposto le con ça se goûte chaud, Monsieur. E un altro tizio ha osservato: si vous n'avez pas une capote à fourrure...
A noi Niçois piace scherzare
Ciao!
dragor (journal intime)

Piero

Non ti angustiare caro Dragor, anche in Sardegna la principale strada che collega l'Isola é rimasta ai tempi di Carlo Felice ed infatti si chiama Carlo Felice: più di così.....Ciao, Piero

dragor

Caro Piero, siamo vittime del colonialismo franco-italiano
Ciao!
dragor (journal intime)

Antonio (terzomillennio)

caro Dragor,
da giovedì scorso ho realizzato un sogno, ho preso casa non lontano da Nizza, e dopo aver letto questo post, essendo torinese, mi sentirò maggiormente a casa.

Ciao
antonio

Guizzo

Caro dragor, adesso che i Campioni del Mondo siamo noi, volete ritornare italiani?

dragor

Caro Antonio, sqrà un piacere averti come vicino. Cerchero' di non fare troppo rumore quando suono l'organo :))
dragor (journal intime)

dragor

Caro Guizzo,
no, vogliamo vincerla con la nazionale del Comté de Nice
dragor (journal intime)

patrizio

Proprio sicuro di quanto scritto? Proprio certo che i nizzardi comprino la Stampa? Ci giurerebbe su questo entusiasmo che i veri nissart (nissart, non nicois) hanno per Torino, il Piemonte l'Italia? Nessun dubbio che la Stampa sia l'unico giornale italiano a Nizza? (ce ne sono almeno altri due, o forse tre contando il Petit Nicois, diretto da un piemontese...). E per di più a me sembra proprio che square Alsace-Lorraine non esista proprio a Nizza... Va bene fare la riverenza alla grande, inimitabile, amata Busiarda, però...

dragor

Caro Patrizio, lo square Alsace-Lorraine è quello splendido giardino delimitato da rue Victor-Hugo, boulevard Gambetta, rue Guiglia. Sul lato di rue Victor-Hugo angolo Gambetta c'è un kiosque. E' vero, ci sono dei giornali niçois (o nissart, come si dice nella lingua di Mado) in italiano, ma hanno un carattere locale e mi sembra che non siano distribuiti dappertutto. Mentre La Stampa è un quotidiano nazionale che non soltanto ha pagine di cronaca locale ma tratta gli avvenimenti mondiali, quindi è l'ideale per chi vuole coltivare la conoscenza dell'italiano e nello stesso tempo tenersi al corrente. Molti miei conoscenti la comprano e io scrivo sul suo blog, come puoi vedere.
A proposito, che cos'è l'amata Busiarda?
Grazie, ciao
dragor (journal
intime)

patrizio

ah sì ho capito, conosco anche l'edicola, non abito lontano da lì.

PS come non sai cosa è la Busiarda? Era il nomignolo, non troppo affettuoso, con cui i vecchi lettori della Gazzetta del Popolo bollavano la Stampa (che peraltro era il giornale che si leggeva a casa mia)

dragor

Caro Patrizio, non sono torinese. La mia conoscenza ha dei limiti... :))
ciao
dragor (journal intime)

Torinese

Vistando la mostra dedicata all'Assedio di Torino del 1706, ad esito del quale l'esercito Piemontese riuscì a prevalere sui Francesi nel quadro della Guerra di Successione Spagnola (e tale evento comportò per gli Stati Sabaudi il passaggio da Ducato a Reame con Vittorio Amedeo II), si nota una bella riproduzione del Porto Sabaudo di Villefranche-Sur-Mer non distante da Nizza.
La Contea di Nizza è stata Sabauda ed unita al Piemonte sin dal Medioevo così come la Savoia. Il processo di unificazione italiana imposto da Cavour comportò purtroppo la separazione dal Piemonte di terre culturalmente e storicamente sorelle. Ma i legami storici non possono essere recisi: prima o poi risorgono. Ed ecco il progetto di creare una Macroregione Europea che promuova la collaborazione sul piano istituzionale, sociale, culturale ed economico tra Piemonte e Val d'Aosta e le Regioni oltralpine tra cui il Nizzardo e la Savoia.
Speroma.
Cerea da Turin

marianna

Mi è parso di capire,caro dragor,che abiti e vivi a Nizza.Adesso so anche che suoni l'organo.Dunque ami la musica.Quali sono ituoi autori preferiti? A proposito di Nizza caratterizzala un pò di più perchè,pur avendo girato parecchio,è una città che non conosco.Grazie.CiaoMarianna

dragor

Cara Marianna, sono Niçois (o Nissart, come si dice chez nous). Adoro suonare l'organo in chiesa, come ho scvritto in un post

http://dragor.blog.lastampa.it/journal_intime/2006/09/i_migliori_si_t.html

e il mio autore preferito è Bach, come puoi leggere nella descrizione (sempre che il link funzioni, in ogni caso il post è nell'archivio di settembre). Suono anche il pianoforte, il flauto e il sax tenore. Il jazz è l'altra mia passione

http://dragor.blog.lastampa.it/journal_intime/2006/10/cave_romagnan.html

archivio di ottobre.

Sull'architettura niçoise ci sono dei post fotografici nell'archivio di agosto. In ogni caso scrivero' ancora sulla mia città. Non chiedo di meglio!

Ciao

dragor (journal intime)

I commenti per questa nota sono chiusi.