La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Di chi è la colpa? | Principale | La settima casa »

11/12/06

Commenti

Biz

Grazie Dragor per l'attenzione alle mie cosette.
Ora ho fretta e copincollo una risposta che ti ho dato sul mio blog.

Durante il sequestro della Achille Lauro, le autorità e il governo italiano valutarono che l'unico modo di non ottenere un massacro era la trattativa.
Si può discutere su quella scelta, ma tale fu, e probabilmente saggia.
La soluzione di questa trattativa comprendeva, per i sequestratori, l'uscita dall'Italia.
Se Craxi si fosse mangiato quella promessa della trattativa sarebbe stato per sempre un quaquaraquà, e non un uomo, e in tutto il globo terraqueo. E, quello che più conta, avrebbe dimostrato a tutto il mondo che l'Italia non aveva alcuna autonomia nelle scelte politiche. Avrebbe esposto l'Italia ad ulteriori attacchi terroristici, in realtà.
Fu appunto un uomo, proprio per questo, invece. In un certo senso, sacrificandosi per mantenere la parola data e difendere la dignità e l'autonomia di decisione, almeno a livello di principio, dell'Italia.
Non poteva, soprattutto, ammettere che persone che avessero commesso un reato in Italia venissero di fatto estradate, e giudicate da un tribunale di un altro paese (che, oltretutto, ha la pena di morte).

Sapeva benissimo che, per mantenere questa parola data, il suo governo sarebbe caduto, come puntalmente avvenne.
E, chissà, magari anche le disgrazie a venire sono state causate dal suo essere uomo in quel frangente, e non il solito fantoccio.

ciao

dragor

Caro Biz, grazie per il tuo commento. Credo che il confronto fra le due posizioni sia molto interessante per tutti

dragor (journal intime)

maxgiordani

caro Drag.
Mi spiace dirti che trovo le tue...come dire..."analisi" sempre piu povere.
Penso che la fretta sia cattiva consigliera: se non si ha niente da dire perchè sforzarsi a tutti i costi di inventare qualcosa? Non è che si vive di blog evidenziato non credi?

matzudaira

Anche in questo tuo commento Dragor, noto un certo fatalismo nel ritenere gli USA signori e padroni incontrastati del mondo, anche qui in Italia a casa nostra...
Si può discutere sulla validità della strategia scelta di concedere l'immunità ai sequestratori, ma lasciare che le leggi e le decisioni del governo italiano vengano ridicolizzate e non rispettate da una nazione straniera, qualunque essa sia, beh qui il caro Bettino ha tirato fuori quelle palle che un vero capo di stato deve avere, altro che Berlusconi e Prodi, sempre ginuflessi difronte al Bush o al Putin di turno...

X

Trovo la discussione interessante, sia da parte di Dragor che da parte di Biz. Purtroppo non sono informato sull'argomento.. tornerò più tardi.

dragor

Caro Max,
non faccio analisi. Ho soltanto espresso un'opinione su un argomento controverso. Se non sbaglio, a causa di questo episodio, è perfino caduto un governo. Se dissento dalla scelta di Craxi, evidentemente sono in buona compagnia.

Su un argomento controverso c'è sempre qualcosa da dire. M'interesserebbe molto sapere la tua opinione.

Per quanto riguarda gli argomenti, il problema di Dragor è l'abbondanza, non la mancanza. Basta guardare le categorie.

Journal Intime ha i suoi fedeli lettori che lo trovano anche quando il post non è evidenziato.

Se per te un venditore di aria fritta come Indro Montanelli è un maestro di pensiero... :))

Ciao!

dragor (journal intime)

dragor

Caro Matzudaira,
se qualcuno compisse un crimine nella mia casa e qualcuno me lo consegnasse, non starei a sottilizzare sulla nazionalità di questo qualcuno. Che sia americano o esquimese, direi grazie e accetterei il regalo.

ciao

dragor (journal intime)

gianniruotolo

Caro Dragor, sono assolutamente d'accordo e solidale con te. Craxi è quello che ha fatto scappare degli assassini. Gli americani hanno fatto male a non tirare giù l'aereo con i terroristi sopra, ma a quanto pare dare sempre e comunque addosso all'America pure quando non se lo merita, fa chic e soprattutto non costringe a usare il cervello.

Tesea

Biz ha ragione: credo anch'io che le disgrazie a venire del Presidente Craxi siano state determinate da quello e da altri suoi atteggiamenti sempre sulla stessa linea.
Tesea

antonio (terzomillennio)

Caro Dragor,

avanti tutta con l'analisi, il Sommo Poeta scrisse:
"Fama di loro il mondo esser non lassa;
misericordia e giustizia li sdegna:
non ragioniam di lor, ma guarda e passa."

Sempre più tuo amico
antonio

Pierpaolo

Sarò un idealista, ma ritengo che se un uomo da la sua parola, questa debba essere mantenuta, altrimenti perde di valore. Se si accetta di trattare con dei terroristi e si arriva a promettere loro l'immunità, purtroppo questa deve essere garantita e gli si deve concedere di tornare in patria, secondo gli accordi.

Concordo invece con te su un altro punto: se uno commette un crimine in Italia e poi riesce a sfuggire alle maglie della giustizia e questa stessa persona viene poi in seguito riportata in Italia da un paese straniero, non si può far altro che ringraziare il paese straniero (qualunque esso sia) e processare giustamente il colpevole.

Ciao
Pierpaolo

matzudaira

Dragor un fatto evidente è che tu ignori l'importanza della legge... uno stato senza legge non è uno stato, come non lo è uno stato che non fa rispettare le proprie leggi. Certo che se mi uccidessero il figlio, io come padre, cercherei di linciare l'assassino, ma è evidente che se ogniuno cercasse di farsi giustizia da sè vivremmo nell'anarchia.
L'uccisione del cittadino americano è avvenuta in Italia e questa nazione sovrana, tramite il proprio governo, ha preso una decisione (giusta o sbagliata). Il tentativo degli USA di stravolgere questa con la forza non può essere ammesso in un paese sovrano, a meno che non si tratti di una colonia... ma forse questo è il sogno di Gianniruotolo?

dragor

Caro Matzudaira,
si', l'uccisione del cittadino americano è avvenuta in Italia. Ma gli americani hanno dirotttato l'aereo al largo della Tunisia, quindi in una zona internazionale, e l'hanno costretto ad atterrare in una base Nato, pure territorio non italiano.

Hanno preso come un insulto il fatto che l'Italia, invece di ringraziare per il regalo, abbia lasciato fuggire il terrorista. L'Italia aveva mantenuto la parola data ai dirottatori. La cattura era avvenua DOPO, in zona internazionale, quindi l'Italia aveva il DOVERE di arrestare e processare Abu Abbas.

Mi sembra che Pierpaolo la pensi pressapoco allo stesso modo.

Per Tesea: come prima disgrazia, a causa di quella scelta ha fatto cadere il governo

dragor (journal intime)

dragor

Caro Matzudaira,
si', l'uccisione del cittadino americano è avvenuta in Italia. Ma gli americani hanno dirotttato l'aereo al largo della Tunisia, quindi in una zona internazionale, e l'hanno costretto ad atterrare in una base Nato, pure territorio non italiano.

Hanno preso come un insulto il fatto che l'Italia, invece di ringraziare per il regalo, abbia lasciato fuggire il terrorista. L'Italia aveva mantenuto la parola data ai dirottatori. La cattura era avvenua DOPO, in zona internazionale, quindi l'Italia aveva il DOVERE di arrestare e processare Abu Abbas.

Mi sembra che Pierpaolo la pensi pressapoco allo stesso modo.

Per Tesea: come prima disgrazia, a causa di quella scelta ha fatto cadere il governo

dragor (journal intime)

X

Ho cercato un po' di informazioni sulla vicenda. Non ho potuto fare a meno di essere affascinato dalla storia (un po' sfortunata in realtà) dell'Achille Lauro.

Mentre è apprezzabile la volontà di processare in Italia i sequestratori, è invece riprovevole mettere in libertà il mandante, qualunque fossero le promesse.

Il vero coraggio di Craxi è stato quello di dire boiate. Considerava Abu Abbas un semplice testimone, mentre era chiaro da subito che fosse il mandante.

Il tribunale di Genova lo ha riconosciuto colpevole solo in seguito, condannandolo all'ergastolo.

Il bello è che poi abbiamo avuto la faccia tosta di chiedere agli americani l'estradizione, quando lo hanno catturato in Iraq.

matzudaira

Dragor..appunto, gli americani hanno dirottato l'aereo...da democratici che sono....

maxgiordani

Dragor
Sei sempre piu sorpreso di scoprire che noi italiani spesso non lasciamo che siano gli USA a decidere sulle nostre questioni.
Ti sorprenderai sempre di piu vedrai. Il periodo del servilismo, per adesso, è finito.
Tutto si poteva contestare a Craxi meno che fosse persona che sapeva assumersi le responsabilità di decisioni che lui stesso prendeva in assoluta indipendenza.
I tuoi giudizi sui personaggi storici sia essi giornalisti, politici o papi sono, d'altronde, abbastanza noti per essere a volte risibili (il papa è un assassino, Montanelli è un coglione, Craxi un cretino etc).
Vedo anche che i proseliti aumentano.

Illuminaci Dragor. Chi sarà il prossimo coglione di turno?

Un saluto.

dragor

Caro Matzudaira,
in tutti i paesi democratici si dà la caccia agli terroristi. Oltre a tutto la vittima era un cittadino americano

dragor (journal intime)

dragor

Caro Max,
come ho detto in un altro commento, se qualcuno commette un crimine in casa mia e qualcun altro me lo consegna, non m'interessa se sia americano o esquimese. Accetto il regalo e dico grazie. Tu vedi qualcosa di servile in tutto questo?

Non ho mai detto che Craxi fosse un cretino. Ho detto che era un codardo e una canaglia. I coglioni sono Garibaldi e Che Guevara. Di Montanelli ho detto che era un facho. Non confondiamo gli aggettivi.

Per il prossimo coglione di turno, sono aperte le scommesse :))

Ciao!

dragor (journal intime)

maxgiordani

(tento di provocarti ma...niente!)

matzudaira

Dragor qui non stiamo valutando la bontà della decisione del governo Craxi di concedere l'immunità (e comunque non ci sono prove che dimostrino come l'uso della forza non avrebbe causato la reazione dei terroristi, magari con decine di morti tra i passeggeri italiani tipo Monaco 72).
Il punto è che uno stato straniero ha deciso deliberatamente e platealmente di non rispettare una decisione presa dal nostro governo e lo ha fatto in modo sprezzante ed arrogante usando mezzi militari su cieli e territorio italiano. Questo non è ammissibile!

dragor

Caro Max

ci vuole ben altro... :))

dragor (journal intime)

dragor

Caro Matzudaira (non sbaglio più il tuo nome, l'ho inserito nel correttore automatico eh eh), il governo italiano ha fatto benissimo a promettere l'immunità. In quelle circostanze non c'erano alternative. Ma gli americani hanno dirottato l'aereo in zona internazionale e non erano vincolati da nessuna promessa. Oltre a tutto erano il paese del morto. Mi sembra che abbiano esercitato un loro diritto.

La base di Sigonella era della NATO.

Quando agli italiani, avevano mantenuto la promessa lasciandoli abbandonare la nave. Non erano responsabili di quello che sarebbe successo in seguito. Se un altro paese li catturava glieli consegnava, erano erano tenuti ad arrestarli.

Infatti qualche anno dopo hanno emesso un mandato di cattura per Abu abbas quello specifico fatto. Quando si pensa che lo avevano già in mano...

Certo, a questo punto si tratta da vedere da che parte si sta. Con i terroristi o con l'Italia?
Se si sta con i terroristi, è ovvio che l'intervento americano sia visto come un'ingerenza indebita.

Ciao!

dragor (journal intime)



marianna

Non mi è mai piaciuto Craxi e con lui Blair e l'ex cancelliere tedesco.Ciao Marianna

matzudaira

Marianna e Gargamella ti piace?
Scusa l'ironia, ma che c'entrano "l'ex cancellere tedesco" (a chi ti riferisci a Schröder o Kohl?)e Blair con Craxi? Sono due periodi distinti, sono personalità politiche distinte di paesi distinti... Mah?

Dragor non ci provare... Il tuo tentativo di "o con gli USA o con i terroristi" oltre che ad essere iper-inflazionato è veramente grossolano...

zonter

L'atteggiamento di Craxi in quel momento secondo me non poteva essere diverso perchè - e la cosa venne fuori anni dopo - l'Italia aveva siglato con l'OLP degli accordi segreti fin dal tempo di Moro e non poteva violarli a meno che non volesse far diventare l'Italia teatro di attentati. Trovo risibile affermare che gli USA avrebbero dovuto abbattere l'aereo in volo... e l'equipaggio? I terroristi non sapevano pilotare.

I commenti per questa nota sono chiusi.