La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Lapidati | Principale | Ma quali radici? »

23/03/07

Commenti

maxgiordani

JOURNAL INTIME VI DICE OGGI QUELLO CHE ACCADRA' DOMANI
Drag
4 numeri sulla ruota di Roma. Grazie.
:-)
TLS
M@x

dragor

Caro Max, se li pubblico, vincono tutti e non ricuperano nemmeno i soldi della puntata... :))

dragor (journal intime)

enrico

lancet nella lista di lancet pero' la cannabis appare con tanto di danno fisico e sociale.

ad analizzare bene le tabelle appare in modo chiaro che la cannabis e l'alcol sono dannosi ciascuno con peculiarita' specifiche.

ovviamente tu non hai sostenuto l'innocuita' della cannabis, ma molti hanno preso il tuo messaggio nel senso di giustificarne un uso indiscriminato... faccio quindi questo apputo tanto per chiarezza e per basare sulla comprovata attendibilita di LANCET l'affermazione che l'alcol fa male, ma la cannabis pure.

a breve una risposta circa la valutazione delle fonti.

ciao

E.

Tesea

Caro Dragor,
grazie per la segnalazione: sono stata su 'La ballata degli impiccati' e così ho risposto suia a te che a X.
Buona notte
Tesea

dragor

Caro Enrico,
come ho detto in molte repliche, il mio è un post sull'assurdità di punire la detenzione di 500 mg della droga con minore impatto sociale e di lasciar correre la detenzione di qualche decina di litri della "droga" che produce un'autentica catastrofe sociale. E un post comparativo che denuncia l'incoerenza dell'uso di due pesi e due misure. Ma strano a dirsi, tutti si sono concentrati sulla cannabis e qualcuno mi ha perfino chiesto "che cosa c'entra l'alcool?". Questo dimostra come, nei confronti dell'alcool, cos) profondamente radicato nel costume, i cervelli si paralizzino al punto di non vedere o di dare per scontati gli enormi danni che produce. Mentre la cannabis(che secondo la classifica di Lancet è meno dannosa del normale tabacco, non parliamo dell'alcool) mobilita la paura del diverso e della sovversione. In effetti di solito gli alcolizzati sono conservatori e i drogati progressisti :)) Sia ben chiaro, io adoro il buon vino (ho anche scritto dei memorabili post sull'arte della degustazione) ma bevo con moderazione e di regola non fumo.
E anche lasciando da parte l'alcool, le normali sigarette producono più danni sociali che le droghe. Lancet docet. Ma quanti moralisti che condannano il joint poi si ubriacano mettendosi in lista d'attesa per una cirrosi epatica, un delirium tremens, un incidente stradale o un incidente del lavoro? O quanti fumano sigarette di Stato mettendosi in lista d'attesa per un cancro ai polmoni o alla vescica?

dragor (journal intime)

enrico

ovviamente il mio post di sopra non era riferito al tuo chiaro intento, ma agli svariati post dei cannivori incalliti.

personalmente il viziaccio che mi e' rimasto e' quello del sigaro, che comunque limito moltissimo.

lo so che fa venire il cancro alla gola.... e vabbe' un buon sigaro costa pure di piu' di un buon joint, ma a me piace quello: con un buon rhum.

tutto rigorosamente Dominicano. niente contro Cuba eh..

'notte.

E.

Pim

E' una non-notizia, nel senso che fa riferimento a dati noti da parecchio tempo. In ogni caso, come hanno già commentato altri blogger, il consumo di una sostanza che fa meno male di altre non è certamente raccomandabile...

dragor

Caro Pim, sarà una non-notizia ma sul mio post qualcuno mi ha dato perfino del "mercante di morte". Trascurando il fatto che si trattava di un post comparativo che non invitava affatto al consumo della cannabis ma faceva risaltare l'assurdità di punire la detenzione di 501 mg della droga meno dannosa (perfino del normale tabacco, secondo Lancet) e lasciar correre la detenzione di enormi quantità della droga che produce una catastrofe sociale. Come prevedevo, avendo studiato la questione sul campo, sono entrate in gioco le dinamiche moralistiche e giudicanti regolarmente mobilitata dalla droga che hanno falsato la percezione del problema e distolto l'attenzione dal tema proposto.
dragor (journal intime)

I commenti per questa nota sono chiusi.