La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Ma quali radici? | Principale | La zia, il whisky, lo spinello »

26/03/07

Commenti

marianna

Carissimo buon inizio di settimana!Bellissimo post che cattura il lettore.Sono felice d'essere arrivata per prima e di aver trovato un bel fiore da cogliere.
Ho ascoltato la Missa Luba tanti anni fa a Napoli in una sala di registrazione.Qualcosa di indescrivibile per l'emozioni che è capace di comunicare. Poi, sempre Napoli,Tullio de Piscopo e le sue percussioni sono per me il "massimo".
Invidio chi sa fare musica e comunque ha una cultura musicale nel senso che sa tecnicamente leggerla e produrla.Io,sempre anni fa,sempre a Napoli, ho studiato danza classica ed adoro il balletto proprio perchè per me non c'è solo il risultato finale ma le legazioni dei passi che costituiscono la coreografia.Un po' come saper leggere poesia con analisi testuale.
Grazie degli input che mi dai e buon pranzo.Nel primo pomeriggio purtroppo c'è il dentista. Ma ci ritroviamo poi.Ciao. Marianna.

Antonio Cracas

In affetti non è semplice far apprezzare tempi diversi dal 4/4 (cassa in quattro e via: stunz,stunz, stunz,stunz), o quando proprio si "esagera" un 3/4. Bisogna aggiungere che grazie a Dave Brubeck qualcuno, ha potuto anche apprezzare un 5/4, perché, tutto sommato, Take Five è molto orecchiabile.
;))

Ciao
Antonio

dragor

Cara Marianna, che piacere sentirti. Sono contento che il post ti sia piaciuto. Buon dentista, a più tardi :))

dragor (journal intime)

dragor

Caro Antonio, l'idea mi è venuta mentre suonavo un tempo allegro di Bach e qualcuno lo ha preso per un adagio perché c'erano delle note lunghe, anche se io lo sentivo velocissimo. Ho capito che, in certi temi di Bach, il ritmo deve essere evidenziato con la percussione.

Ciao

dragor (journal intime)

marianna

E' tanto che non ti mando più poesie.Non posso competere con la musica.Eccoti la musicalità del verso:

Ha una sua solitudine lo spazio,
solitudine il mare
e solitudine la morte- eppure
tutte queste son folla
in confronto a quel punto più profondo
segretezza polare
che è un'anima al cospetto di se stessa:
infinità finita.

di Emily Dickinson

Stavolta una donna!
Mi ha rimandato alla Dickinson l'ultimo saggio di Steiner,pubblicato da Garzanti.
Buona notte. Marianna

marianna

E' tanto che non ti mando più poesie.Non posso competere con la musica.Eccoti la musicalità del verso:

Ha una sua solitudine lo spazio,
solitudine il mare
e solitudine la morte- eppure
tutte queste son folla
in confronto a quel punto più profondo
segretezza polare
che è un'anima al cospetto di se stessa:
infinità finita.

di Emily Dickinson

Stavolta una donna!
Mi ha rimandato alla Dickinson l'ultimo saggio di Steiner,pubblicato da Garzanti.
Buona notte. Marianna

dragor

Una poesia stupenda. Grazie.Ecco un bel fiore serale.
Ho sentito Tullio De Piscopo. E' venuto a Nizza è naturalmente è passato alla Cave Romagnan, tempio del jazz niçois. Credo che in Europa pochi possano stargli alla pari.

Buona notte, a presto

dragor (journal intime)

I commenti per questa nota sono chiusi.