La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« VELI SULLA TESTA, VELI SUL CERVELLO | Principale | MIRACOLO! »

19/10/07

Commenti

federica

Credo che in un'Italia così bigotta sia veramente impossibile...

zia elena

Caro Dragor,

tu sai già chi sarà, in Italia, il principale oppositore ad una simile proposta, vero?

L'istituzione Chiesa seguita da una mandria di pecoroni.

Zia Elena

Pim

Che in Francia sia un argomento dibattuto, lo dimostra un piccolo film uscito alcuni anni fa. "Uneasy Riders" ("Nationale 7")
di Jean-Pierre Sinapi racconta proprio la storia (vera) di un disabile che chiede di avere rapporti sessuali con una prostituta.
Da noi la questione non viene nemmeno considerata...

X

Caro Dragor, ogni tanto torno.

L'idea è interessante.. ma non saprei quanto possa essere efficace.

Si apprezza se stessi (anche sessualmente) quando siamo stati noi a "conquistare".

Tuttavia, non escludo nulla. Questa soluzione è pur sempre meglio del totale silenzio!

Gian Contardo

Caro Dragor,
accenno molto raramente alla cosa perché evidenziarla pubblicamente può essere un modo, voluto o involontario, di attirare si di me simpatie che desidero mi vengano in modo spontaneo, razionale e non emotivo. Ma questa volta, visto l'argomento del post, ne parlo: sono anch'io un portatore di handicap (spasticità).

Porto brevemente a conoscenza la mia esperienza personale riguardo al tema da te oggi affrontato.

Anch'io in passato ho vissuto la mia buona dosa, come dire?, di frustrazioni.

Poi, raggiunti i 40 anni d'età, mi sono meesso il cuore in pace, rimanendo nell'ambito di quell'onanismo che Santa Madre Chiesa naturalmente condanna.

Ho persino metabolizzato l'impossibilità di essere amato in senso lato, non solo da un punto di vista sessuale ma anche da quello ben più importante di costruire una vita di coppia insieme.
Diciamo che due rifiuti mi sono bastati e avanzati: non tanto per il rifiuto in sé quanto per le ipocrisie e le insensibilità che li hanno accompagnati.

Con un po' di saggezza e di autoironia, si vive bene lo stesso, concentrandosi sulle cose che si possono fare e si possono condividere.

Quando all'assistente sessuale, beh, il nostro amicone Camilo Ruini si opporrebbe con tutte le sue forze alla sua introduzione in Italia e ha l'influenza politica per farlo; quindi, non parliamone nemmeno.

Un cordialissimo saluto.

Gian Contardo

Post scriptum sarcastico. Ma Cecilia cos'è stata per Sarko? La moglie o l'assistente sessuale?

dragor

Gian Contardo, sono onorato per il tuo outing, è una testimonianza preziosa che vale molto più della mia. Però, con altrettanta sincerità, vorrei dirti che non sono completamente d’accordo con quello che dici. Non tutti hanno la fortuna di possedere le tue risorse, l’autoironia, la saggezza e la capacità di metabolizzare l’incapacità di essere amato. In ogni caso non mi sembra giusto che degli esseri umani siano obbligati a metabolizzarla. Tutti dovrebbero avere un’occasione. Ecco perché penso che sia giusto battersi perché anche in Italia si crei questa figura professionale, lasciando i vari Ruini liberi di assistersi da soli con i minorenni.
Un caro saluto

dragor (journal intime)

dragor

FEDERICA
Molte conquiste laiche all'inizio sembravano impossibili. Bisogna crederci

ZIA ELENA
In ogni caso vale la pena di aprire il fronte. Per il momento non ne parla nessuno. In ogni campo il sesso fa la figura del parente povero, tranne che nella pornografia e nella prostituzione

PIM
Si', questo film è passato su ARTE. Comunque non si puo' dire che il sesso per i disabili sia l'argomento del giorno...

X
Ciao, ben tornato. Mi sembra che tu dia del sesso un'interpretazione un po' riduttiva. Qui si parla di un contesto di affetto e tenerezza,mentre la conquista, anche se effettuata con la seduzione, presuppone una dose più o meno camuffata di violenza

Grazie a tutti per i vostri commenti, buona giornata, a presto

dragor (journal intime)

Gian Contardo

Caro Dragor,
quando si parla di laicità (indipendentemente dal fatto che uno creda o no in Dio) si deve partire dal presupposto che le proprie esperienze non devono diventare norma per nessuno.

A me è capitata la "metabolizzazione" (francamente, capitata più che voluta o ricercata) ma non voglio affatto dire che sia una cosa valida per altri.

Nel merito, sono d'accordo con te.
L'assistente sessuale sarebbe un'ottima istituzione. Ovviamente, da noi si scontrerebbe con quel bunker rappresentato da Eminenz e dai suoi ultras.

X

No dragor, mi fraintendi.

Intendo dire, mi sentirei forse umiliato ad andare con una donna della mutua che viene con me solo in quanto è il suo mestiere.

Tuttavia, sono tornato sul tuo blog per informarti del fatto che tra breve dovrai registrarlo all'autorità per le comunicazioni, produrre dei certificati, pagare un bollo.

Non solo, ma probabilmente dovresti rispondere in caso di reato di omesso controllo su contenuti diffamatori ai sensi degli articoli 57 e 57 bis del codice penale in caso io venissi a scrivere qualche commento troppo cattivo.

Se non ci credi, fai un salto sul sito di Repubblica:

http://www.repubblica.it/2007/10/sezioni/scienza_e_tecnologia/testo-editoria/testo-editoria/testo-editoria.html

marianna

L'argomento è delicato ed interessantissimo.
Quando insegnavo mi è capitato di avere nelle classi ragazzi portatori di handicap,soprattutto autistici e down.Alcuni vivevano l'età della pubertà con una certa esuberanza che imbarazzava i colleghi,specie le colleghe.Addirittura da parte di quest'ultime c'era il rifiuto di entrare in quelle classi.
Dico questo per sottolineare che il problema esiste ed è più vicino di quanto si possa immaginare.Con questi ragazzi, con queste persone veniamo a contatto ormai quotidianamente.Secondo me non possiamo chiudere gli occhi.
Che poi in Italia sia quasi impossibile pensare a soluzioni come quelle da te indicate è certissimo.
L'egoismo ed i falsi moralismi possono produrre e producono danni irreversibili talora.
Occorrerebbe demolire muri d'indifferenza. Non è semplice.
A presto. Marianna.

zia elena

Si, si, certo che vale la pena comunque di aprire il fronte, non intendevo certo dire che non si debbano portare avanti proposte in questo senso pensando all'opposizione che farà la Chiesa!

Zia Elena

marco.giacosa

ovviamente a favore dell'assistente sessuale, ci mancherebbe

dragor

GIAN CONTARDO
Prima o poi il bunker salterà. E' già saltato tante volte...

X
Secondo me il paragone non va fatto con una persona in grado di scegliersi liberamente il proprio partner, ma con una condannata alla solitudine. Un po' di sesso e di affetto da parte di una persona umanamente motivata, anche se pagati dalla mutua, sono meglio di niente. Di solito i beneficiari si dichiarano soddisfatti.
L'informazione di Repubblica è molto inquietante, merita sicuramente una mibilitazione generale da parte dei blogger. Domani lancio l'appello. Grazie della segnalazione

MARIANNA
E' uno dei tanti tabù presenti in Italia, molti dei quali legati al sesso. In Italia i portatori di handicap non sono seguiti da insegnanti specializzati in classi speciali?

MARCO
Hai letto l'articolo segnalato da X? Ecco un vero pericolo per la libertà di espressione

Grazie, ciao a tutti, a presto

dragor (journal intime)


Gian Contardo

Ai miei tempi i portatori di handicap erano inseriti in classi normali, insieme a tutti gli altri studenti.

Anzi, ai miei tempi non c'erano nemmeno gli insegnanti di sostegno.

Poi hanno istituito questa figura di docente.

Fino a quando quella gentildonna di Letizia Moratti non ha pensato bene di cancellare con la sua riforma 700 incarichi di insegnanti di sostegno dalle scuole pubbliche.

E poi ha pure avuto l'impudenza di manifestare tutto il suo dispiacere al riguardo.

dragor

Gian Contardo, è chiaro che i portatori di handicap hanno diritto a un accompagnamento scolastico personalizzato. Non capisco con quali argomenti Letizia Moratti possa sostenere il contrario, se non con un risparmio economico sulla pelle di una parte degli allievi

dragor (journal intime)

marianna

I portatori di handicap in Italia sono nelle classi regolari ed hanno un insegnante di sostegno per un numero di ore limitate.Per cui,in base all'handicap ed alla disponibilità della scuola di avere un certo numero d'insegnanti di sostegno,questi ragazzi sono seguiti.Nelle altre ore,quando nonc'è l'insegnante di sostegno, sono affidati all'insegnante di classe.
Io ho avuto due autistici ed una ragazza con grave ritardo mentale. Ti posso dire che facevano più gli insegnanti delle ore curriculari con loro che non quella di sostegno. E poi da parte delle compagne e compagni un grande spirito di collaborazione.Naturalmente, come ho detto prima, c'erano colleghi che proprio non volevano le classi con portatori di handicap e, se vi erano costretti, c'era un razzismo manifesto nel loro discorrere del caso. Un'autentica vergogna! Credimi.
E non è finita. Un autistico, per esempio, non deve cambiare con frequenza luoghi e persone perchè la cosa lo disturba.Lo fa divenire aggressivo. Ebbene in tre anni di scuola media o cinque di superiori non immagini la girandola d'insegnanti nonchè talora il cambiamento nello stesso anno scolastico per via dell'avvicendamento legato alle nomine.
Uno strazio per i ragazzi e soprattutto le loro famiglie.
Questo è il quadro.
A più tardi. Marianna

marianna

Dragor io non trovo questo spazio URL. Anche sotto i commenti del mio post compare come qui da te.
Inoltre nel "scrivimi" c'è solo nome e cognome e non l'indirizzo di posta elettronica. Vedi un po'.Ciao Marianna.

giac

ho letto, dragor
aspettiamo le definitive disposizioni di legge
è uno scandalo già solo che abbiano pensato una cosa simile
internet riduce le distanze tra le classi sociali
e questo è ciò che temono di più

dragor

Marco, non soltanto riduce le distanze fra le classi ma permette un'informazione non conformista. E si sta cercando d'imbavagliarla!

dragor (journal intime)

marianna

Non ci riesco,Dragor, con questo maledetto url!
Urlo io di disperazione se non mi soccorri.Marianna

dragor

Marianna, è semplicissimo. Devi solo copincollare l'indirizzo WEB del tuo blog nello spazio URL che vedi sopra il quadrato in cui scrivi i commenti e poi cliccare su "vuoi che il sistema riconosca automaticamente le tue impostazioni personali?", in modo da non doverlo riscrivere ogni volta. Puoi copincollarlo dal tuo blog oppure dalla mail in cui te l'ho spedito. Fammi sapere, a presto

dragor (journal intime)

marianna

Probabilmente non so copincollare.
Io me lo sono anche copiato su word ed ho fatto seleziona tutto e poi copia; sono andata su url nel mio blog per incollare. A questo punto il cursore non segna su url. Perchè? Boh!
Riprovo con rabbia. Marianna

dragor

Cara Marianna, per copincollare l'indirizzo non devi selezionare tutta la pagina ma solo l'indirizzo. Premi il tasto destro del mouse e tira una striscia nera sull'indirizzo, oppure fallo con Maiuscolo + freccetta laterale. Poi non devi incollarlo sul tuo blog ma sullo spazio URL che vedi sopra il quadrato sul quale scrivi i commenti. Puoi aprirlo su qualsiasi blog cliccando su "commenti".

A presto, fammi sapere

dragor (journal intime)

marianna

ho ancora riprovato ma dopo essere riuscita a far entrare lo scritto quando ho dato il comando Vuoi....., è sparito tutto ed è ritornato l'identificativo del mio computer.
Marianna

marianna

Non potrebbe essere lo stesso problema per cui dal mio omputer non riuscivo a creare il blog?
E' un dubbio che mi viene.Perchè il copincolla non c'entra.Lo faccio.
Marianna

marianna

Ancora un altro interrogativo:
a) nel mio blog quando vado in archivio ad ottobre non mi dà tutti i post, l'ultimo è quello della Repubblica democratica del Congo?
Salvati ci sono tutti ma perchè non compaiono tutti quando si scorre il video?
Fammi capire. Grazie e buona notte, vista l'ora. Marianna

Pasquone

Il sesso ha più significati di quanti ne attribuiscano i preti: è alla base della riproduzione, ma anche della determinazione del ruolo dell'individuo nel gruppo e soprattutto dell'affermazione di sè stessi e del legame di coppia. Può darci la felicità, ma anche la sofferenza. Segna le fasi della vita, perché esiste prima ed anche dopo l'epoca della completa potenza. Il sesso è egoista ed altruista, bello e dannato, ci sublima ma a volte ci avvilisce. Non escludiamo dal sesso chiunque ne abbia bisogno, perché vuol dire estrmetterlo con cattiveria dal fondamentale rapporto che unisce uomini e donne. Grazie Dragor di aver intrapreso un'altra civile battaglia!
Pasquone

Sariddu

Per Marianna
Scusate se intervengo, ma a me pare che Marianna copincolli il numero di identificazione e non l'URL. Comunque l'URL puo` anche essere scritto manualmente, non e` necessario copiaincollarlo. Anche a me e` capitato che usando il copia incolla la faccenda non funzioni sempre.

marianna

Cosa ti è accaduto,Dragor, che non ricevo tue notizie?
Fammi capire. Marianna

marianna

Srivo per rispondere a Sariddu.
Quando metto il puntatore per scrivere in URL mi segnala lo spazio sottostante ossia vuole scrivere in http...
E questo sia che copincolli sia che faccia manualmente.
Mi auguro che questo commento venga letto perchè non compaiono nel blog di Dragor e solo quando io riscrivo un nuovo commento e posto, compaiono a me.
C'è di sicuro qualcosa nel TypePad che non funziona.
Anche perchè con Tesea mi pare sia accaduta la stessa cosa due giorni fa.
Grazie di tutto e a Presto.
Marianna.

irenespagnuolo

Caspita che post mi ero persa, distratta da una giornata frenetica come venerdì 19 (mio compleanno!)...
Mi piace il taglio che hai dato al pezzo e sarei davvero favorevole all'assistente sessuale. Purtroppo le resistenze qui sono troppe, l'hanno ben fatto notare gli altri commentatori.
Ma in ogni caso vale la pena di parlarne, anzi è necessario proprio per abbattere almeno il muro di silenzio sull'argomento...
Splendido l'intervento di Gian Contardo. Ma anch'io penso che non tutti abbiano (e debbano avere) le risorse umane e intellettuali per "superare l'affronto di non poter avere una vita sessuale" (non ricordo chi avesse pronunciato questa frase ma la cito tra virgolette perchè non è mia).
Ciao Dragor
Irene

luigi zoppoli

In ritardo. La società civiledovrebbe preoccuparsi di supportarechi è svantaggiato e/o portatore di handicap.Puramente e semplicemente. Il che include, come ovvio, anche la sfera sessuale oltre che quella emotiva ed affettiva. Il nostro è però un paese ipocrita e clericale,per cui si pretende di risolvere tutto a chiacchiere e con inviti a "godersi" un inferno terreno in attesa del paradiso. Trovo osceno tutto questo.

indignato

Che schifo!

Gli handicappati ma non solo loro, TUTTI GLI UOMINI, hanno bisogno di AMORE non di sesso.

Di AMORE!

Il sesso è solo una naturale conseguenza.

Prostituzione x gli handicappati = farli sentire più soli e SENZA VERO AMORE.

Ed essendo più fragili finirebbero nella depressione più grave che non si può nemmeno immaginare.
C'è gente che della frustrazione sessuale che riversa sugli altri perchè non sa immaginarsi che possano esistere persone senza le loro stesse manie sessuali.

La gente ha bisogno di AMORE, quando ve lo metterete in testa? Non di farsi spremere il "coso' come fosse una pompetta. Siamo esseri umani o macchine?


I commenti per questa nota sono chiusi.