La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« VENDITORI DI SPERANZA | Principale | IL BACIO DELLA MORTE »

11/12/07

Commenti

irenespagnuolo

Dragor credevo di non avere traccia nel sangue di razzismo, pregiudizi, luoghi comuni e via dicendo.
Ma adesso questo sforzo ipocrita di fratellanza, buonismo ad oltranza, totale apertura e indignazione per qualsiasi verità che lontanamente evochi un senso di riconoscimento di una qualsiasi differenza mi nausea.

alex

E una questione di potere d'acquisto. L'italiano ha i mezzi per comprare la sua carna umana.
http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=13980&sez=HOME_INITALIA

Bonne journée, Alex

marianna

Caro Dragor non sono mai stata brava in matematica e perciò ti chiedo lumi.
Questi stranieri stuprano o no nella percentuale indicata dall'ISTAT?
Oppure i calcoli dell'Istat sono errati?
Comunque straniero o italiano lo stupro è qualcosa di orribile.Per chi lo subisce senz'altro, avolte anche tra le pareti domestiche.
Chi lo pratica dovrebbe fermarsi a riflettere invece e dirsi:"Io sono una bestia!". Tenendo presente che offende anche le bestie.
Ciao, A presto.Marianna
P.S. Stamane ero fuori.Per non mancare guarda a che ora ho fatto il post!

dragor

Cara Irene, credo che si possa lasciare da parte il buonismo senza per questo essere xenofobi. Nascondere le verità dietro la correttezza politica alla lunga si rivela controproducente.

dragor (journal intime)

dragor

E chi non li ha se la prende con la forza. Cosi' gli abitanti di Alba sono più puttanieri degli altri? Ciao Alex, grazie per la segnalazione,ma credo che gli albesi non ti saranno grati :-)

dragor(journal intime)

dragor

Cara Marianna, i dati dell'Istat sono giustissimi e in un certo senso confermano quello che si sospettava. In proporzione gli immigrati (il 3 per cento della popolazione italiana) stuprano 3,3 volte più degli indigeni. Questo vuole dire che se fossero numerosi come gli indigeni stuprerebbero in assoluto più del triplo.


Per quanto riguarda gli
stupri eseguiti su donne sconosciute, da soli commettono il 50 per cento del totale assoluto. Questo significa che in proporzione commettono questo crimine 16,5 volte più degli indigeni.Se fossero numerosi come gli indigeni, in assoluto lo commetterebbero 16,5 volte di più.

A presto, buona giornata

dragor(journal intime)

demata

I numeri sono stupendi ma facciamo un pò d'ordine.

Se ho ben capito, per l'ISTAT, le violenze sono un milione e 150 mila nel 2006, che corrispondono ad oltre 600.000 mariti, fidanzati, ex mariti, ex fidanzati.

Immagino che gran parte delle violenze non siano state denunciate, altrimenti avremmo avuto bisogno di 4-5 indulti ... e temo che almeno un 10% dei casi, come per tutti gli eventi, sia suscettibile di verifica.
Così considerato un ciclo di vita adulta di 55 anni (16-70) arriviamo alla terribile cifra di 3-4 milioni di stupratori in circolazione (1 maschio adulto su 10).
Capperi !

E arrivo al dunque.
Se consideriamo gli stranieri, il 10% degli stupri fa "solo" 120.000 donne violentate nel 2006 (e temo che qui si parli proprio di denunce).

O l' ISTAT ha preso qualche "virgola" o viviamo in un paese di pazzi maniaci o tutt'e due.
Buona riflessione, ciao.

marianna

Anche a me questi numeri dell'Istat non mi convincono.E poi perchè gli stupratori dovrebbero essere stranieri in prevalenza?
Secondo me in Italia si vuole alimentare politicamente la xenofobia.
Non minimizzo i pericoli però......
Buona notte. Marianna.

dragor

Le statistiche dell'Istat non vogliono alimentare la xenofobia. Al contrario, vorrebbero combatterla dicendo che tutto sommato gli stranieri in assoluto stuprano meno degli indigeni. Ma resta il fatto, accertato dall'Istat, che gli stranieri, il 3 per cento della popolazione, commettono il 10 per cento degli stupri. Come dire che stuprano in proporzione 3,3 volte più degli indigeni. E sempre questo 3 per cento commette il 50 per cento in assoluto degli stupri su donne sconosciute, ossia in proporzione commette questo crimine 16,5 volte più degli indigeni. Questa non è politica, è matematica. E se la matematica è politicamente scorretta, non è colpa mia.

Goodnight, a presto

dragor (journal intime)

alex

Mais, est-ce que l'enquete prend en compte les données sur la prostitution ? (9 millions de clients en Italie). Ou suis-je le seul à considérer que la prostitution est un viol ?

Bonne nuit, Alex

Giovanni

Caro Dragor, quello che dici è ineccepibile, peccato solo che la gente comune conosca poco la statistica.

dragor

Alex, affirmer que la prostitution est un viol, cela relève un peu de Zola. La prostitution est une vente entre personnes consentantes. Ce serait un viol si la prostituée était contrainte, ce qui n'arrive pas toujours

Merci, bonne nuit

dragor(journal intime)

dragor

Caro Giovanni, soprattutto quando non vuole conoscerla...

dragor(journal intime)

Giovanni

Hai ragione Dragor, dove abito c'è un detto che dice (Tradotto in italiano): Non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire

demata

Oltre 100.000 donne stuprate da stranieri nel 2006, tant'è il 10%.di un milione e centosessantamila.

Son quasi 10000 al mese, 300 al giorno.
Vi pare possibile?

dragor

Caro Demata, secondo l'ISTAT nel 2006 in Italia 1 milione e 150 mila donne ha subito violenze. Per la maggior parte si tratta di stupri commessi da partner, mariti o fidanzati e non compaiono sui giornali perché sono considerati routine. Soltanto il 6 per cento è compiuto da sconosciuti. Da questa statistica, basata sulle denunce alla polizia,gli stranieri commettono effettivamente 300 stupri al giorno, ovvero il 10 per cento del totale. Ma essendo soltanto il 3 per cento della popolazione, risulta che stuprano in proporzione 3,3 volte più degli indigeni. Per quanto riguarda gli stupri su donne sconosciute, quelli che di solito hanno gli onori della cronaca, commettono il 50 per cento del totale, che in proporzione corrisponde a 16,5 volte quelli commessi dagli indigeni.
Puoi facilmente confrontare questi dati con quelli di tutta Europa. Come diceva De Vigny,invece di dire "buongiorno" alle donne, gli uomini dovrebbero dire "scusa".

Ciao, a presto

dragor (journal intime)

demata

Dragor , forse non riesco a farmi capire.

Per me è gravissimo il fatto che ci sia gente che arriva da un'altro paese e che "a casa mia" si mette a stuprare ben 300 donne al giorno.

Per quello che mi riguarda dichiarerei guerra (senza preavviso, alla Pearl Arbour) al paese che ci spedisce 'sta marmaglia.
Lo farei per difendere la dignità che abbiamo conquistato nei secoli; il razzismo non c'entra niente.

dragor

Caro Demata, siccome la maggior parte degli stupri avviene nell'ambito familiare, credo che più che altro stuprino le donne del loro paese. Ma è quella minoranza che stupra le sconosciute a comparire sui giornali e creare la psicosi. In questa specialità gli stranieri sono effettivamente soggetti a rischio, perché da soli coprono il 50 per cento del totale.

A presto, buona giornata

dragor(journal intime)

demata

Beh, che lo facciano con le connazionali non cambia il fatto che succeda sul territorio che il mio bisnonno ha liberato, mio nonno ha difeso, mio padre ha costruito.

E che voglio lasciare in condizioni decenti e sicure a mia figlia.
Ambiti familiari italici inclusi.

Ciao.

Alex

Un homme viole une femme c'est un crime ; le plus odieux des crimes. Mais, un homme viole une femme après l'avoir payé (ce qui reste à démontrer) et ce n'en serait pas un. Dans les deux cas la femme n'est pas consentante. Dans le 2e, elle est également en position de faiblesse ; elle n'aurait jamais accepté la relation sexuelle et le type n'aurait jamais pu coucher avec elle, s'il n'y avait eu cet échange d'argent. Son consentement est vicié. Elle est obligée d'accepter, si elle refuse, elle va subir des violences, des représailles de la part du souteneur, de la mafia...Les autres, les étrangères, sont dans une situation d'esclavage dans un pays étranger, sans papiers, sans argent...Ou est le contrat dans le cadre d'un réseau de prostitution, le contrat protège le faible ce qui n'est pas le cas ici. Le contrat est passé entre le client et une tierce personne, la prostitué n'est que l'objet du contrat.
Quant à la prostitution non contrainte, je n'y crois pas.
Zola, vraiment ?
http://www.dailymotion.com/relevance/search/prostitution+est/video/xvvak_le-trafic-de-femmes-en-moldavie_news

Bonne journée, Alex

avvocato del diavolo

so che la fonte non è proprio "ortodossa" ma sarebbe interessante anche verificare questi altri dati:


http://maschiselvatici.blogsome.com/2007/11/22/violenza-maschile-prima-causa-di-morte-per-le-donne


http://antifeminist.altervista.org/risorse/dati_dv.htm

dragor

Alex, la prostitution libre existe. Les prostituées ne sont pas toutes des Fantines ni des filles de l'Est ou d'Afrique poussées à la prostitution avec le mirage d'un emploi.Il y en a qui se prostituent sans maquereau en toute liberté dans des studios cossus pour s'acheter des biens de luxe. C'est un choix comme un autre

Ciao, bonne soirée

dragor (journal intime)

Biz

Credo che le obiezioni di Demata siano assai fondate:

"i numeri sono stupendi ma facciamo un pò d'ordine.
Se ho ben capito, per l'ISTAT, le violenze sono un milione e 150 mila nel 2006, che corrispondono ad oltre 600.000 mariti, fidanzati, ex mariti, ex fidanzati."

E' del tutto evidente che si cerchi di far passare per stupro anche una pacca al sedere.
E siccome lo stupro è una cosa brutta e seria, non sono affatto d'accordo con questo approccio sensazionalistico.
Io non ci credo che 1 cittadino su 10 ha commesso uno stupro.
E' una palla. E allora, perchè discutere di palle?

dragor

Biz, la "sensazione" della statistica dell'Istat (fondata sulle denunce alla polizia) era che gli stranieri c'entrano "solo" per il 10 per cento, quindi le campagne xenofobe sono ingiustificate. Sono io a dimostrare che in proporzione stuprano più degli indigeni.

Se ti sembrano palle, dovresti sapere che la violenza è prima causa di mortalità delle donne. Ne uccide più del cancro. Evidentemente non sono soltanto pacche sul sedere.

dragor(journal intime)

avvocato del diavolo

"dovresti sapere che la violenza è prima causa di mortalità delle donne"

insomma!! qualcuno faccia una indagine che levi ogni dubbio perchè circolano dati contrastanti, vedasi quelli sotto:

.......................


da:
http://maschiselvatici.blogsome.com/2007/11/22/violenza-maschile-prima-causa-di-morte-per-le-donne

L’ultimo dato ISTAT sulle cause di morte è del 2002
In quell’anno morirono in italia 560.390 persone, di cui:
maschi: 279.296
femmine: 281.094

Nella classificazione ISTAT l’omicidio e le lesioni (mortali, evidentemente) provocati INTENZIONALMENTE da altri corrispondono al codice descrittivo BE 77 (“Omicidio e lesioni provocate intenzionalmente da altri”, appunto), a sua volta ricompreso nella classe BE 71-78 (“Cause esterne dei traumatismi e degli avvelenamenti”), così composta:

BE(71-78)E - CAUSE ESTERNE DEI TRAUMATISMI E DEGLI AVVELENAMENTI
BE 71 Accidente stradale da veicolo a motore
BE 72 Altri accidenti da trasporto
BE 73 Avvelenamenti accidentali
BE 74 Cadute accidentali
BE 75 Accidenti causati da incendi e da fuoco
BE 76 Suicidio e autolesione
BE 77 Omicidio e lesioni provocate intenzionalmente da altri
BE 78 Altre cause esterne dei traumatismi e degli avvelenamenti

Per omicidio e lesioni provocate intenzionalmente da altri (BE77) sono morte in Italia, nel 2002, 560 persone, di cui
Maschi: 401
Femmine 159

Le cause di morte sono state, in valori assoluti:
1)Malattie del sistema circolatorio: 131.472
2)Tumori: 69.672
3)Altri stati morbosi: 21.173
4)Malattie dell’apparato respiratorio: 15.324
5)Disturbi psichici e malattie sist. Nervoso org. Sensi: 14.765
6)Malattie dell’apparato digerente: 12.234
7)Cause esterne dei traumatismi e degli avvelenamenti: 10.667 (di cui omicidi 560, ripartiti come più sopra)
8)Sintomi, segni e stati morbosi mal definiti: 3.640
9)Malattie infettive e parassitarie: 2.147

Fonte: http://www.istat.it/dati/dataset/20051107_00/

AVVOCATO DEL DIAVOLO, BIZ E NUOVI COMMENTATORI: PER VEDERE IL SEGUITO DEI COMMENTI E LE RELATIVE RISPOSTE, CLICCATE SULLA PICCOLA LINEA CHE VEDETE QUI SOTTO

Biz

Se l'avvocato del diavolo dice la verità (e mi pare proprio che lo faccia), allora sono i PM che sono luciferini :-)

dragor

Andro' a fondo della cosa. Comunque il mio post riguarda gli stupri e mi sembra che in questo caso non ci siano dubbi. Ne' per la quantità dei casi, considerata la nota riluttanza delle autorità a riconoscere uno stupro, né per la maggioranza relativa di stranieri

dragor (journal intime)

luigi

Sommessamente. Se riflettessimo sul fatto che qui in Italia l'illegalità diffusa piccola e grande va in coppia con assoluta inefficienza dei sistemi di prevenzione-repressione e con la certezza per i rei di NON scontare alcuna pena quand'anche per mero caso fossero beccati, forse potremmo occuparci davvero della soluzione del problema.

dragor

Avvocato del Diavolo, grazie per l'interessante segnalazione. L'ho anche usata per un post

dragor(journal intime)

monycorre

Premesso che l'attenzione deve essere spostata sulla vittima, ovvero sulla donna che anche se fosse solo una ad essere violentata in tutta Italia è la sua dignità che è calpestata e che invece andrebbe protetta, i tuoi numeri e le tue deduzioni sono del tutto sbagliate, come è stata sbagliata l'attenzione mediatica alla infelice frase della Sabbadini. Le statistiche servo a capire i fenomeni, non a strumentalizzarli. Gli stranieri in Italia sono 3milioni e passa, secondo l'ultimo rapporto Caritas-Migrantes. La popolazione immigrata è fatta soprattutto da maschi di età compresa tra i 20 ed i 40 anni, l'età dove si stupra di più. La Sabbadini ha fatto un calcolo empirico sbagliato che alimenta la convinzione che la minaccia provenga dallo straniero. Gli stupri sono commessi in casa per l'80%, e per il 70% da mariti, amici, conoscenti. Il 94% (novantaquattro!!!) delle violenze non è mai denunciata. Sui giornali finiscono quasi sempre in prima pagina gli stranieri, quasi mai gli italiani. Mony corre

I commenti per questa nota sono chiusi.