La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« ANCORA UN ANNO, JOURNAL INTIME! | Principale | TRISTI TROPICI »

02/01/08

Commenti

zia elena

In perfetta sintonia con il mio pensiero!

Zia Elena

marianna

Carissimo hai ragione tu ed ha ragione Aristotele.
Il sogno della PACE è un grande ed ambizioso sogno.Darsi da fare per trovare i mezzi per realizzarlo è comunque possibile. Ognuno di noi possiede un qualche talento.Spenderlo in tale direzione è fattibile. Voglio dire che se ciascuno facesse nel suo piccolo quello che sa fare per rendere il mondo migliore il mondo Un po' almeno cambierebbe in meglio.
Mi sono interrogata circa i sogni che più che altro chiamerei desideri.
In famiglia e nei rapporti con gli altri mi piacerebbe la serenità tutto l'anno e negli anni a venire. Senza limiti. Si può. Ogni giorno m'impegno per questo nelle piccole cose quotidiane per rendere più agevole la vita a chi sta intorno a me.Non è cercare un mezzo?
Nei miei rapporti con gli altri, amici ed amiche, cerco,ad esempio, di saper ascoltare e rispondere se un consiglio mi viene chiesto. Non è un mezzo questo per realizzare armonia e non lo scontro nelle relazioni umane?
Il grande sogno della PACE o comunque di una vita accettabile anche per chi si trova in una situazione di svantaggio non lo si può realizzare mettendo in evidenza all'attenzione dei più, che sono sempre troppo distratti, ciò che non va attraverso la scrittura, la musica, le arti figurative?
Io penso questo e mi adopero in tal senso.
Faccio bene o faccio male?
Un abbraccio Marianna.

piero

Ricambio gli auguri per un favoloso 2008. Piero

Teseag

Non illudiamoci: il sogno della PACE è pura utopia, lo dimostrano le vicende umane dalla protostoria in poi.
In natura forse soltanto nel mondo vegetale si incontrano forme di convivenza pacifica, ma in realtà nemmeno lì, infatti vediamo che ogni specie cerca di invadere il terreno dell'altra.
Tesea

dragor

ZIA ELENA
Grazie! Finalmente... :-))

MARIANNA
Si', credo che tutto debba partire dalla sfera personale. Battersi per la pace mondiale e non averla in casa mi sembra un contronsenso. Secondo me fai benissimo a proporti dei traguardi che sono alla tua portata e impegnarti per realizzarli.

PIERO
Grazie e spero di vederti più spesso sul tuo splendido blog!

TESEA
Io non sarei cosi' pessimista. La storia dimostra che si va verso periodi di pace sempre più lunghi e guerre sempre più rare, segno che gli uomini sanno fare tesoro dell'esperienza. Il secondo dopoguerra è considerato il più lungo periodo di pace della storia, tolte le guerre locali in varie parti del mondo. L'impressione d'instabilità è dovuta alla mediatizzazione che ha trasformato il mondo in un villaggio: se ammazzano una mosca in Australia, in Italia gridano alla guerra mentre qualche anno fa l'evento sarebbe stato ignorato.
Basta vedere l'Europa: questo paese dove un tempo non soltanto le nazioni ma anche le città si facevano la guerra in permanenza, oggi ha un governo e una moneta per tutti. E' anche grazie alla pace che l'Occidente conosce l'attuale prosperità. Se qualcuno ti avesse detto tutto questo nel 1945, lo avresti trattato da utopista, segno che l'utopia di oggi sarà la realtà di domani.

Grazie a tutti per i vostri commenti, a presto!

dragor(journal intime)

luigi

C'è tutto di vero ed esatto nel post. D'altronde è antico il detto "la via dell'inferno è lastricata di buone intenzioni". Ma la inconcludente verbosità nostrana è una malerba durissima da estirpare. Purtroppo.
luigi

guardami negli occhi

Concordo che il problema è il "come" quotidiano. Secondo me sognare è sperare. Sperare è non arrendersi. Non arrendersi è agire e andare verso il cambiamento.
"...segno che l'utopia di oggi sarà la realtà di domani."
E io desidero continuare a sognare...
Buonanotte Dragor,
Laura

Teseag

Caro Dragor,
speriamo davvero che si vada 'verso periodi di pace sempre più lunghi', anzi, direi permanenti.
C'è solo da sperare che le micidiali armi di distruzione di massa accumulate nei vari arsenali del pianeta, non facciano rimpiombare i sopravissuti , in un baleno, ai primordi.
Tesea

ilBuonPeppe

Buoni propositi per l'anno nuovo?
Son bastate le prime notizie a farmeli dimenticare.

http://www.pleonastico.it/modules/news/article.php?storyid=114
http://www.pleonastico.it/modules/news/article.php?storyid=115

ilBuonPeppe
www.pleonastico.it

I commenti per questa nota sono chiusi.