La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« MAGDI ALLAM, INDIETRO TUTTA | Principale | FITNA, IL FILM PROIBITO »

29/03/08

Commenti

misterfog

Sono d'accordo con te. La libertà di espressione deve essere difesa ad oltranza. Inoltre non vedo perchè noi occidentali, pur tra le critiche, possiamo esprimere il nostro dissenso per il cattolicesimo e non verso le altre confessioni religiose. Credo però che in qualsiasi parte del mondo vi siano persone che sinceramente sono dalla parte della libertà di pensiero. ho fiducia nei singoli individui.Voglio pensare che ovunque ci sono persone dotate di cuore e cervello in grado di usare il proprio libero arbitrio. Buona giornata libero pensatore. Occhio a te, come a me, alle mille trappole

Pasquone

Caro Dragor,
è purtroppo comune chiamare Follia ed Odio ciò che per altri è Amore (verso Dio o gli Altri) e Ragione, temo però che sia spesso vero il contrario: essere accusati di seminare odio. quando ci si richiama alla ragione. Qual'è la causa di questo bisticcio, più fonte di lacrime che di risate? Non in un difetto di logica, ma in una contraddizione del comportamento umano: cercare giustificazioni generali, specie ammantate di divinità, ad impulsi particolari di sopraffazione, abbelliti come diritti irrinunciabili dell'individuo. C'è qualche rimedio all'egoismo, consacrato dalla venerazione di tanti adepti? Ne dubito, ma invoco l'amore per il prossimo (anche per quelli che non la pensano come noi e che magari ci odiano) e la democrazia (che non è il dominio della maggioranza, ma il riconoscimento dei diritti delle minoranze, quando accettino le regole democratiche). Ricordo che sia l'Islam che i Nazisti sono stati sul punto di vincere, ma sono stati fermati gli uni a Lepanto e sotto Vienna, cui ha fatto seguito un diverso ordine dell'est europeo; gli altri a Stalingrado, nelle Argonne e definitivamente sconfitti col giudizio di Norimberga. La Pace è un bene così prezioso che bisogna stare attenti a non comprometterla con la guerra totale tra sistemi politico-religiosi, ma neppure - te ne do atto - a metterla in pericolo con la cedevolezza o la resa. Penso che la discussione ed il dialogo possono aiutare ad affrontare il problema, che non è trascurabile e non può essere demandato alla destra estrema.
Pasquone

Grisostomo

Ma come fa a sostenere la libertà di espressione uno come te, che la darebbe a tutti meno a quelli che non gli sono simpatici?
Diavolerie dei pensieri contorti dei laicisti.
Va', va', povero untorello ...

dragor

Caro Misterfog, molte persone dalla parte della libertà di pensiero le trovi qui, sul mio blog. Come avrai notato, ci sono liberai pensatori come cristiani, ebrei e musulmani, tutti accomunati dall'apertura al dialogo e dal rifiuto della violenza anche nelle sue forme più subdole. Diciamo che si tratta di cristiani, ebrei e musulmani sui generis, che rifiutano i dogmi e preferiscono pensare.

Buona giornata anche a te e grazie dell'avviso :-)

dragor (journal intime)

dragor

Caro Pasquone, grazie per questo intervento pieno di umanità. Si', è difficile trovare il punto di equilibrio fra la guerra e il cedimento, ma secondo me bisogna zittire chi NON riconosce il diritto di opinione e quelli delle delle minoranza. Una democrazia non puo' suicidarsi dando la libertà a chi la uccide. E' un po' la situazione dell'Algeria, dive il FIS, che pure aveva vinto le elezioni, è stato messo fuori gioco da un colpo di stato militare

Ciao, buon weekend, a presto.

dragor (journal intime)

marianna

Carissimo Dragor, buon giorno.Anche se è quasi ora di pranzo. Il sabato è peggio degli altri giorni per quanto concerne spesa e lavori di casa.
Fatta questa premessa, per te che mi conosci, ovvia ti ringrazio per il pezzo da te pubblicato nei commenti del post di ieri. Io spero sia solo servito a far capire chi sono i musulmani e che cos'è l'Egitto di Mubarak.
Tu ne avevi comunque già parlato.
A proposito di ciò che scrivi oggi ti dico chiaramente il mio pensiero.
Non sono quella che fa di tutta un'erba un fascio perchè ho rispetto degli altri a qualunque paese o credenza appartengano. Però ho avuto modo di seguire quello che accadeva in Italia e a Torino dalla metà degli anni '80.Ricordo la grande disponibilità della Chiesa verso i musulmani in arrivo ed anche la stessa da parte delle associazioni di volontariato. Le riviste invitavano appunto all'accoglienza ed alla conoscenza dell'altro. Cose giuste di per sè.Poi con il passare del tempo si scoprono grosse magagne perchè addirittura c'è collusione con forze terroristiche ed normalissimo incitare da parte di imam rozzi ed ignoranti alla violenza.Queste cose le abbiamo lette e sentite tutti.Ora io dico non sarebbe stato meglio essere prudenti in partenza? Anche perchè da parte della Chiesa non è che non si sapesse i trattamenti riservati nei paesi musulmani ad aderenti ad altre confessioni religiose?
Allora è proprio voler andare a cercare grane.
Non penso che ci fosse la folle idea di pensare di convertirli.Anche perchè, anche giovanissimi(ne ho incontrati spesso in nave) sono loro che fanno proselitismo quando incontrano delle ragazze, ad esempio.
Ti saluto al momento e ti auguro buon pranzo. A più tardi.
Affettuosamente Marianna.

dragor

Grisostomo, è falso affermare che darei la parola a tutti meno a quelli che non mi sono simpatici (ovvero che la pensano diversamente da me). La prova è che sul mio blog tutti hanno il diritto di parola, tu compreso. Troverai chi approva e chi dissente, cristiani, musulmani ed ebrei più o meno allineati. Non darei il diritto di parola soltanto a chi non riconosce questo diritto, come quelle persone e quelle ideologie che si nascondono dietro il sacro per paralizzare il cervello della gente e squalificare alla base ogni critica.

Ciao, buon weekend

dragor (journal intime)

dragor

Cara Marianna, buon giorno. A dire il vero la chiesa avrebbe potuto alzare la voce non soltanto contro il trattamento riservato dai musulmani alle altre confessioni religiose, ma anche contro quello riservato ai musulmani che sono le prime vittime di questa ideologia assassina. Invece non lo fa perché tutti hanno paura delle minacce o di perdere il petrolio e la correttezza politica ha preso il posto della critica. La prova è la condanna dell'ONU e il ritiro dal Web del film Fitna (una parola araba che significa contrasto, perché nel film parlano dei musulmani pentiti) che denuncia la violenza dell'islam paragonandolo a Mein Kampf. Come puoi vedere, avevo linkato il film ma appare un messaggio per dire che il film è stato ritirato a causa delle minacce di morte. Un episodio gravissimo, che conferma l'intolleranza di questa ideologia e la sua assoluta chiusura al dialogo. A questo punto la domanda è: si puo' tollerare l'intolleranza?

A presto, buon appetito

dragor (journal intime)

misterfog

Per fortuna c'è di tutto. Se fossimo sempre d'accordo su tutto cosa ci scriveremmo a fare? W la libertà di essere diversi e dircelo, e anche di pensarla nello stesso modo se capita.Se fossimo tutti ebrei, o cattolici o quantaltro sai che noia. W la libertè! a Bientot

tesea

Non è che a volte si confonde la libertà di parola e di espressione con la mancanza di educazione?
Tesea

dragor

Tesea, si puo' criticare in modo anche violento ed essere educatissimi. Prendi me, per esempio. a meno che tu non confonda la paralisi del cervello con l'educazione. In questo caso, viva i maleducati.

La vera maleducazione è la censura

Sapevi della festa dei blogger nel locale di Irene a Novara? Sarà ripresa per TV, ecco il link.

http://www.lastampa.it/blog/bloggerconvention.asp

C'è anche HP, la tua passione... :-)

dragor (journal intime)

marianna

Carissimo Dragor, grazie per il link della convention.
Alle 18,00 ero fuori casa.Alle 19,15 sono arrivata in tempo per ascoltare Fino , Antonio e Montgolfier(credo). La ricezione video ed audio non è granchè però complessivamente si riesce ad avere un'idea.
Impressioni a caldo: Irene ottima padrona di casa,Fino molto argomentativo, Antonio stile Stampa. Il terzo molto timido e per questo molto molto essenziale. Il contesto: sembrava d'essere al collegio docenti a scuola.
Peccato che non ci hanno dato la possibilità di assistere all'aperitivo. Magari avremmo potuto apprendere le ricette di qualche nuovo coktail.
Torno dopo.
Speriamo di vedere altri amici.
Un abbraccio e grazie della premura, che ho molto apprezzato.
Marianna.

Osman

Ciao Dragor

Mein Kampf è stato scritto da un cristiano al nome del cristianesimo...
2+2=4

Osman

I commenti per questa nota sono chiusi.