La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« LA MAFIA DEL NORD | Principale | IL RITORNO DI GLORIA »

25/04/08

Commenti

Amanda

Buongiorno Dragor, "ai miei tempi" queste cose a scuola io non le vedevo, o ero troppo addormentata per vederle? O forse non c'era ancora internet. Mah...

Se hai tempo di passare dal mio blog, leggeti il mio raccontino UMBERTO (e lo sai che io racconto sempre e solo storie)

Buon inizio giornata :))

luigi

Ma nel felice paese di bananland non si licenzia mica nessuno! Essere incapaci è la norma. Siccome tra le virtù del paese c'è il bigottismo ipocrita, ecco che il sesso è peggio di tutto.
luigi

Amanda

... storie VERE
(scusate, quando scrivo i commenti sono sgrammaticata e dimentico le parole per strada. O sarà l'emozione di scrivere nel blog di Dragor? :)))

misterfog

Chi si stupisce di questo? Il sesso di bassa lega non ha bisogno di inserire il cervello per farlo. Abbiamo visto dalla ultime elezioni che il cervello è l'optional meno richiesto ed usato in Italia.
Via quindi di voyerismo, povera Italia!

dragor

Amanda, queste cose si sono sempre fatte ma adesso sono più mediatizzate. La differenza è tutta qui.
Corro subito sul tuo splendido blog!

dragor (journal intime)

dragor

Luigi,soprattutto nella scuola la mancanza di professionalità significa dare agli incapaci la possibilità di perpetuare la loro stirpe. Ecco perché bisognerebbe sringere la vite anche sulla preparazione e non solamente sul sesso

dragor (journal intime)

dragor

Misterfog sono d'accordo con te. Pensa, secondo certi lettori perfino io tendo a staccare il cervello! :-))

dragor (journal intime)

luigi

Vero dragor ed i risultati sono di tutta evidenza.
luigi

misterfog

Se tutti staccassero il cervello come te, vivremmo in un mondo migliore. Continua così Dragor

marianna

Carissimo Dragor, sesso a parte, la scuola oggi realmente manca di qualificate professionalità.Tranne le solite eccezioni e le poche isole felici.
Ecco perchè ci troviamo ad avere dei giovani che non pensano(cosa gravissima) e sopratutto non sanno.
Ma voi avete idea di certe valutazioni che vengono fatte oggi agli esami di maturità, di fronte ad una versione di greco o di latino piena di strafalcioni? Io sì.
C'è da inorridire.Non pensate al vecchio lapis rosso e blu dei nostri insegnanti.
Oggi va tutto bene, anche il non senso.
E questo non è qualcosa di ieri. E' un sistema che va avanti in Italia da almeno 25 anni.
Come mettere argine?
Di sicuro non con le riforme ministeriali.Anche in considerazione dell'esecutivo che verremo a trovarci tra breve.
Ti abbraccio, se no mi arrabbio troppo.
Io(per quel che riguarda il sistema) devo dimenticare di essere stata insegnante.
A presto, affettuosamente.
Marianna.

Giovanni

Caro Dragor, quello che dici è verissimo, sarebbe splendido poter affermare nelle scuole la legge della conoscenza e del sapere, ma non è così semplice. Dopo 13 anni di scuola di mia figlia (5 elementari, 3 medie e 5 liceo classico) posso garantirti che le esperienze penose non sono mai mancate, professori disturbati di mente, ignoranti e fannulloni sono disgraziatamente la regola. A questi vanno associati studenti cafoni e genitori paganti pur di vedere il proprio figlio primeggiare. Personalmente posso dirti che in questa situazione è quasi impossibile portare avanti un discorso sano, per chi veramente vuole fare bene e senza “aiutini” è veramente infernale. Spesso gli stessi professori per garantire e tutelare i propri investimenti finiscono per metterti i bastoni fra le ruote agli altri.( segue più tardi)

Giovanni

Un semplice esempio, in tutti questi anni e soprattutto in quelli del liceo, ho dovuto personalmente pensare alla preparazione di mia figlia nelle materie scientifiche. Seguirla è stato sicuramente un piacere ma ho potuto toccare con mano, non solo l’ignoranza di questi docenti, ma spesso anche la loro arroganza. Inoltre anche di fronte ad una vera sommossa da parte di molti genitori che volevano CACCIARE il prof di matematica (con tanto di denunce e raccolta firme) l’istituzione scuola si è chiusa a riccio proteggendolo. Conclusione, tutto è rimasto invariato. Naturalmente mia figlia è stata fortunata che ha potuta avere tutto il necessario in casa, ma tutte quelle famiglie che debbono ricorrere ad insegnanti privati? Ti faccio notare che nelle classi di quel prof TUTTI sono costretti ad andare a ripetizione.

dragor

Marianna, si', mi sembra che si drammatizzi solamente per le questioni sessuali sorvolando sul più drammatico problema dell'incompetenza. E vorrei dire che anche i programmi, almeno da noi, sono fatti male. E' inconcepibile che un buon allievo esca dal liceo senza sapere niente del Congresso di Vienna o dell'editto di Nantes e non conosca nemmeno l'anno della battaglia di Waterloo ma sappia tutto sulla guerra fredda. Purtroppo questo è il caso, l'ho verificato decine di volte.
A presto, buona domenica
dragor (journal intime)

dragor

E' vero, Giovanni. E all'ignoranza degli insegnanti bisogna aggiungere, almeno da noi, quella di chi ha ideato i programmi. Con l'abbandono del metodo cronologico, gli allievi non hanno più una visione globale della storia e della letteratura, ma frammentaria, spezzettata e piena di lacune. I risultati si vedono. Mia figlia, che ha un'ottima media, non sa niente del Congresso di Vienna. Forse perché (cosi' mi ha spiegato un prof) si sorvola sull'epopea napoleonica per non offendere gli arabi.

Ciao, buona domenica

dragor (journal intime)

Gio

Ê tutto vero, ed è tutto molto triste.

Ivan

E all'incapacità di un professore si dovrebbe ovviare con una falsa accusa infamante come quella di molestie sessuali, che lo rovinerà per sempre?

Ivan

Non c'è nulla da fare. La scuola è un inferno. Una guerra di nervi. Cosa tanto più strana al di fuori della scuola dell'obbligo, ovvero in scuole che lo studente ha liberamente scelto di frequentare. Un insegnante non viene certo rispettato per la sua preparazione, ma solo (eventualmente) temuto per la sua cattiveria, oppure sbeffeggiato. O uno maltratta gli studenti, o sono loro che maltrattano lui.

I commenti per questa nota sono chiusi.