La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« ONNIPOTENZA | Principale | IL DIARIO DI MINOU »

23/06/08

Commenti

marianna

Carissimo Dragor questo argomento mi fa indignare molto di più della piccola , si fa per dire, disavventura in cui sono incappata io con la Chiesa.
Trovo assolutamente ingiusto privare di un sacramento chi eventualmente non ha nessuna colpa,come ho già scritto nel precedente post, solo perchè ci sono delle regole e dei paletti o s'invoca la prassi. Che poi non è così. Intanto perchè non tutti i preti sono d'accordo su questo agire e pensano esattamente quello che sto dicendo io.Peccato non abbiano il coraggio di uscire allo scoperto!! E poi sicuramente avrai visto sul web don.Verzé dare la comunione a Berlusconi in altra circostanza.
Tira tu le conclusioni.
Un abbraccio e buona mattinata!
Marianna

Prihilla

Trovo assurdo che la Chiesa non modifichi mai le sue regole e contemporaneamente chiuda sistematicamente gli occhi davanti allo straordinario quantitativo di "eccezioni" che quotidianamente si fanno. Per me le regole o si modificano o si rispettano/si fanno rispettare, altrimenti è solo ipocrisia.
Poi c'è il discorso di come si permettano certe persone di dire alla Chiesa cosa fare, e questo è tutto un altro gigantesco capitolo...!

Buona giornata Dragor,
Prish

alex

Conseils pour les divorcés qui voudraient recevoir la communion.
1 Mariez-vous et divorcez plusieurs fois (autant en profiter !)...
2 Faites-vous nommer chanoine ou tout autre titre religieux. C'est le plus dur ! Le divorcé pour communier doit faire partie de la hiérarchie catholique...
3 Optionnel : si un de vos nombreux enfants se convertit au judaïsme, ça peut-être un plus dans votre dossier...
Si vous remplissez ces conditions, Ratzinger est pret à vous donner la communion lui-meme.

Ma dai, Silvio !!! Non hai mai sentito parlare del piccolo canonico...

Alex

gobettiano

Ma cari! La Chiesa è molto elastica nelle regole. E' solo questione di tassametro. Paghi bene? Se sei un infame vai in paradiso lo stesso. Sei un poveretto? Regole ferree ed implacabili con sicura destinazione all'inferno.
La porcheria della SacraRota è uno segli esempi più torbidi ed iniqui.
luigi

stelladineve

I divorziati PECCATORI? vanno contro i dettami dela Chiesa, è vero. Ma magari sono meno ipocriti di altre persone. Ci sono uomini che fanno la comunione,poi tornati a casa picchiano moglie, figli, mettono corna...i miei genitori sono divorziati, non sono peccatori. Sono persone che hanno avuto la sfortuna di non andar d'accordo, di veder naufragare il loro sogno , e hanno SOFFERTO. Ho presentato due situazioni estreme, ne sono cosciente. Ma è per meglio spiegare la mia posizione. In conclusione, è giusto che non possano avvicinarsi alla comunione, ma è ingiusto che siano giudicati "peccatori e impuri", magari sono solo sfortunati Non tutti gli Sposati sono i Buoni, e tutti i Divorziati i Cattivi. Che ipocrisia, gente!!! Stella, indignata

susanna

Ma e' semplicissimo: presto Silvio diverra' anche Papa, fondera' le due cariche in una per evitare sprechi, e ripristinera' la vendita delle indulgenze (tra i peccati condonabili ci sara' anche il divorzio, a patto di poterselo permettere )per finanziare la costruzione del ponte sullo stretto.

dragor

Cara Marianna, come vedi ho ripreso la tua osservazione sul post di ieri. Questa ingiustizia fa indignare anche me. Come sai, se fosse per me cancellerei tutte le religioni, ma visto che ci sono, tanto vale che siano oneste. La chiesa dovrebbe dare delle indicazioni chiare, non usare due pesi e due misure vendendo l'ostia al migliore offerente. Come puo' pretendere d'insegnare la morale, se poi contravviene alle sue stesse regole?
______________________________________________________

Prish, questo ci riporta al discorso sulle religioni fai da te che avevo fatto in un altro post. E' la chiesa che detta le regole e i fedeli devono attenersi. Se non sono contenti, che escano e si facciano un'altra chiesa. Pero' la chiesa deve rispettare le regole che ha dettato, visto che secondo la prassi le ha dettate Dio. Se comincia a violarle per prima, non puo' pretendere il rispetto da parte dei fedeli
______________________________________________________

Cher Alex, il y a quelque chose qui m'échappe, mais je ne suis pas un expert de questions religieuses. Comment se fait-il qu'un enfant juif est un plus dans le dossier?
______________________________________________________

Luigi, sono perfettamente d'accordo con te. Come ho detto, la chiesa vende l'ostia al miglior offerente
___________________________________________________
SDtelladineve, le tue situazione estreme sono eloquenti. Il peccato non puo' essere schematizzato nelle regole. Ci sono divorziati virtuosi e coniugi peccatori
______________________________________________________

Susanna, per quanto ne so la vendita delle indulgenze non è mai stata abolita. Prova ad andare a Roma in piazza San Pietro. Le vendono come le patate al mercato
______________________________________________________

Grazie a tutti per la vostra visita, buonanotte, a presto!

dragor (journal intime)

Alex

Ce n'est pas le fait d'avoir un enfant juif qui est un plus. C'est le fait d'avoir un fils qui est pret à se convertir au judaisme (peu importe la confession), non pas par amour de la religion juive, mais pour pouvoir épouser sa petite fiancée de confession juive. Dans mon commentaire c'est cette hypocrisie du fils qui devrait etre appréciée par le Pape.

Alex

misterfog

Un consiglio per coloro che vogliono divorziare, ma vorrebbero continuare a fruire dell'eucarestia: prendete una pistola e ammazzate qualcuno!, Vi passa il nervoso, magari ammazzate la causa del vostro nerovso (coniuge) e potete tranquillamente continuare a fruire dell'Eucarestia. Per la chiesa è molto meno grave l'omicidio del divorzio. Traete voi le conclusioni che più vi aggradano. Buona giornata!!!

I commenti per questa nota sono chiusi.