La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« GLI INGLESI VISTI DA UN NIZZARDO | Principale | LA TETTINA DELLA VERITA' »

06/08/08

Commenti

Fino

L'ipocrisia è di Sarkozy che scarica all'Italia questo peso.
Costui non può dire a Napolitano ciò che deve fare.
La Petrella è colpevole,ma gravemente ammalata. La giustizia faccia il suo corso e lo faccia anche la pietà umana.
Buona giornata
Fino

gobettiano

Fioravanti e Mambro condannati a 5 ergastoli quali autori della strage di Bologna e di numerosi assassini, rapine, aggressioni e così via,sono da tempo a spasso a piede libero.
Non c'era bisogno dell'intervento di Sarkozy che chiede la grazia per la Petrella. Qualche anima buona sarebbe comunque saltata fuori. Mica è una rom o una immigrata che ha scippato una borsetta e quindi merita la galera!
luigi

irenespagnuolo

Fino e Luigi hanno scritto ogni possibile commento, a parer mio. Le giornate del terrorismo sono una parentesi ancora buia del nostro paese anche per questo, dragor. C'è una clemenza che non si spiega o si spiega troppo bene...
Concordo con il tuo finale: curiamola in carcere.
Irene

marianna

Carissimo, come scrive in particolare Irene, noi italiani vorremmo tutti saperne di più sugli anni del terrorismo. Invece emergono sempre e soltanto mezze verità.
Dispiace per le condizioni di salute della Petrella ma i parenti delle vittime, e sono tanti in Italia, cosa devono dire di fronte a questo genere di trattamenti? Che sia Sarkozy o Napolitano poi poco importa......
Le tue conclusioni mi paiono le più sensate.
Notte! Marianna.

dragor

Si', Marianna, la grazia a Marina Petrella sarebbe un insulto alle vittime, oltre che ai detenuti per crimini meno gravi e non graziati. Fra l'altro si potrebbe credere che un delitto commesso per fini "politici" è meno grave di uno commesso per altre ragioni. Cosi' Petrella deve scontare la sua condanna.
Buona giornata, a presto

dragor (journal intime)

dragor

Sarko che pretende di d'insegnare a Napolitano il suo mestiere dimostra come la Francia abbia nei confronti dei terroristi italiani un atteggiamento curiosamente protettivo, come se fossero perseguitati politici e non delinquenti comuni. Qualcuno dovrebbe spiegarli che l'epoca di Mussolini è finita
_____________________________________________________

Luigi, come giustamente osservi, più il crimine è grave, più cresce l'indulgenza. A scontare tutta la pena sono soltanto i ladri di polli o in generale chi non si considera un detenuto "politico".
______________________________________________________

Irene, se dai un'occhiata sui blog, vedrai che è tutto un coro di "free Marina". Come se l'omicidio potesse avere avere giustificazioni ideologiche e un brigatista fosse un "resistente" invece di un volgare assassino
_____________________________________________________

Grazie a tutti per i vostri interventi, buona giornata, a presto

dragor (journal intime)

I commenti per questa nota sono chiusi.