La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« LA NOTTE DELLE BORSE VIVENTI | Principale | UNA STORIA DI DONNE »

16/10/08

Commenti

Fino

Dragor, hai fatto bene a citare la Francia e la Svizzzera. Mi sembra che anche in Germania dovrebbe esserci qualcosa di simile.
Purtroppo negli ultimi tempi in Italia ragionare serenamente è diventato impossibile.
Buona giornata e a presto
Fino

gobettiano

La questione esiste. In Italia ci sono numerosi esempi di sperimentazioni dagli esiti piuttosto interessanti. In Svizzera, che meglio conosco, le classi di inserimento sono strutturate con il concorso degli insegnati della classi dove i ragazzi poi andranno. Voglio dire che le classi di inserimento sono un passaggio di un globale percorso di inserimeto. Per quanto ad oggi noto la proposta leghista si limita alle classi separate e basta. La differenza che se questa solzuzione fa parte di un òiano globale di inserimento come in Svizzera è un contro. Altrimenti è tutta una cosa diversa.
Basta guardare il miserevole dietrofront che l'Europa ha imposto a questo disgraziato paese in materia di immigrazione e clandestinità.
luigi

dragor

Fino, come al solito in Italia prevale il muro contro muro. Ognuno resta fedele ai propri interessi politici e si rifiuta di affrontare il problema in modo pragmatico.
______________________________________________________

Caro Luigi, se ho letto bene, il sottogretario all'istruzione parla di classi d'inserimento e di classi-ponte. In breve, di classi sul modello svizzero e francese. Ma una parte dell'opposizione e dei media fa credere che si tratti di una separazione definitiva e lancia anatemi apocalittici. Tutto questo è una cortina fumogena che impedisce di affrontare il problema in modo pragmatico
_____________________________________________________

Grazie per la vostra visita, a presto

dragor (journal intime)

marianna

Carissimo Dragor, il problema è solo come verranno realmente gestite le classi per stranieri.
Io mi auguro che il personale docente sia all'altezza cioè bilingue e competente sotto il profilo didattico-pedagogico.Perchè insegnare a ragazzi stranieri non è facile e spesso in realtà dove non esiste neanche la figura del mediatore culturale.
Dall'esperienza della città dove vivo i ragazzi stranieri inseriti in classi normali, sia alle medie che alle superiori, non hanno quasi mai raggiunto i livelli dei loro coetanei italiani.
Ed io ho sempre pensato che i docenti non avessero le dovute competenze come è realmente nella maggior parte dei casi.
Qui abbiamo adolescenti nord-africani, cinesi, pakistani, senegalesi, bielorussi, ucraini , etc.
Un po' di tutto e con percorsi precedenti molto differenti.
Le famose funzioni-obiettivo sono servite solo ad elargire qualche spicciolo in più ai docenti.
Quest'anno, nella mia scuola, un istituto tecnico, la funzione obiettivo per stranieri è stata addirittura soppressa.
Motivo? Probabilmente il denaro è stato destinato ad altro.
La scuola, come dovrebbe essere, nonostante la buona volontà di alcuni docenti, resta un bel libro dei sogni.
Buon pranzo e un abbraccione!
Marianna.

dragor

Cara Marianna, come mi conferma mia figlia che ha fatto tutto il percorso scolastico, gli ultimi della classe, gli elementi più turbolenti e i primi ad abbandonare la scuola sono figli d'immigrati o anche cittadini francesi che pero' a casa non parlano francese. Vale a dire in larga parte arabi e portoghesi. Questa marginalizzazione non dipende soltanto dalla lingua, ma la lingua è un fattore importante. Se non conosci bene la lingua nella quale viene dispensato l'insegnamento, i risultati saranno sempre mediocri. Ecco perché le classi d'inserimento possono dare un contributo all'integrazione. Ovviamente con insegnanti capaci, ma questo è sottinteso. Con insegnanti incapaci non si possono istruire nemmeno gli indigeni.
Un abbraccio anche a te, buon pranzo, a presto

dragor (journal intime)

 resistenza enogastronomica

Mi sembra di buon senso il post di Fino dove parla di classi separate per materie specifiche e poi tutti insieme nelle attività di corollario.Parlando di "classi ponte" sembra quello l'intendimento della proposta.Staremo a vedere, ma bisogna anche avere il coraggio di provare a cambiare perchè,nella maggior parte dei casi, così non funziona.

Cordialità

X

Dragor, ti do completamente ragione.

Una piccola aggiunta:

Tutto il clamore suscitato, accuse di razzismo, apartheid, ghettizzazione, sono studiate a tavolino.

Ci scommetto: questo governo ha bisogno di far parlare di se, ed hanno i migliori analisti e consulenti per farlo.

Lo sanno quale sarà l'immagine risultante del governo a fine ciclo (di notizie): un governo che ha preso una decisione impopolare ma efficace.

In realtà, la situazione non cambierà di molto, o forse peggiorerà.

8 miliardi in meno alla scuola, non aiutano né l'istruzione né l'integrazione: ecco un fatto oggettivo sul quale ci possiamo basare per valutare l'interesse del governo nella scuola.

Con questa notizia sono riusciti a spostare l'attenzione su quest'argomento, poco interessante di per se (passare da corsi di italiano intensivi a classi separate), invece che lasciarla sui pesanti tagli che hanno mobilitato centinaia di migliaia di persone in questi ultimi giorni.

gobettiano

Dragor ripeto la questione è quella di percorsi globali di inserimento. Altrimenti continuando con provvedimenti spot, scoordinati e collegati, invece che integrazione si realizza ben altro.
luigi

Pim

Mia moglie insegna in un liceo del torinese, questa proposta della Lega l'ha fatta inorridire. Nella scuola italiana gli studenti stranieri non vengono gettati allo sbaraglio, bensì seguono un percorso di integrazione che comporta l'insegnamento della nostra lingua. A suo dire, in molti casi sono addirittura più tutelati di quelli italiani. Ho seguito la vicenda di un ragazzo rumeno che ha imparato ad esprimersi piuttosto bene, è arrivato all'Esame di Stato e ha conseguito una buona votazione.
Confinare questi ragazzi in classi apposite è del tutto inutile, anzi contribuisce ad isolarli ancor più.
Ciao Dragor, buona giornata.

dragor

X, si puo' anche disapprovare l'idea,ma su basi didattiche. Tirare in ballo l'apartheid mi sembra inutile e fazioso
_____________________________________________________

Certamente, Luigi. Il successo di un'idea dipende dalla qualità della sua attuazione. Con i provvedimenti spot non si va lontano
______________________________________________________

Pim, infatti ho citato lo studio svizzero in cui si dimostra che i bambini scolarizzati nelle classi normali imparano la lingua più in fretta. Con questo post volevo soltanto dire che il problema va considerato in una prospettiva didattica. Gridando anatemi e tirando in ballo il razzismo non si risolve niente
______________________________________________________

Grazie a tutti per i vostri commenti e per avere alimentato questo dibattito. Buona giornata, a presto

dragor (journal intime)

X

Dragor, non solo è inutile e fazioso tirare in ballo l'apartheid, ma è anche utile, paradossalemente, ai fini propagandistici.

lucyintheskywd

la proposta va vagliata da un punto di vista pedagogico, non ideologico: di per sè non è razzista. bisognerà vedere come verrà messa in pratica, cioè se le classi di inserimento saranno un passaggio finalizzato all'integrazione o determineranno una ghettizzazione degli alunni stranieri. io non condivido le polemiche aprioristiche di questi giorni, non accompagnate da proposte concrete per attuare la legge nella maniera più garantista per gli immigrati. anche altrove (http://current.com/items/89424262_cari_immigrati_imparate_la_lingua_italiana) ho letto riferimenti al modello svizzero.

dragor

Sono d'accordo, lucyintheskwid. Che le classi d'integrazione siano utili o meno, è una questione solamente pedagoica. Ma come rileva X, la questione è stata sfruttata per fini propagandistici: il governo la usa per distogliere l'attenzione da altri problemi, l'opposizione per dare addosso al governo. Che strazio!
_____________________________________________________

E' vero X, nella marea di polemiche si è finito per perdere di vista la questione centrale: le classi d'integrazioni sono utili o no?
_____________________________________________________

Pim, puo' darsi che l'inserimento non comprenda soltanto la lingua ma anche l'apprendimento dei codici culturali del paese di accoglienza. Almeno in Francia si pensa questo. Infatti le nostre banlieues sono modelli d'integrazione... :-))
_____________________________________________________

Grazie a tutti per i v ostri interventi, a presto, buona domenica

dragor (journal intime)

prof aurelio

ma secondo voi.. che cosa ne puo capire quella grande figlia di niente della scuola?.. ci sta dentro? ah? ditemi sa qualcosa della scuola? non insegna! non è una studentessa! non lavora nella scuola! vuole fare solo i comodi del governo! adesso anche queste classi per stranieri.. non si vergogna? se fossi uno straniero mi sentirei offeso.. mi sentirei tradito.. ho alunni stranieri certamente piu bravi di molti italiani.. e se si comincia cosi.. finiranno anche loro cosi.. messi in classi alternative.. ma non si vergogna.. deve viverla la scuola.. prima di dire qualcosa..

I commenti per questa nota sono chiusi.