La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« NIZZA E LE CLÉZIO, UNA STORIA D'AMORE? | Principale | COME UCCIDERE UN CARABINIERE E VIVERE FELICI »

13/10/08

Commenti

marianna

Carissimo Dragor,il tuo è un gran bel post perchè sopratutto chiarificatore degli eventi verificatisi in Rwanda a partire dal 1990.
Che prima del genocidio del '94 ci sia stata quella guerra civile che ha visto ugualmente migliaia di morti, stavolta hutu, è cosa nota.
Quello che non va bene in Italia è che l'informazione non è obiettiva e, secondo me, piuttosto superficiale.
Chi conosce da noi la vera Storia del Rwanda?
E' facile pertanto imbonire la gente e raccontare quello che si vuole.Possibilmente la propria verità.In questo caso quella che il Vaticano vuole passi per versione ufficiale dei fatti.Visto che sono di casa da noi.
E' chi legge che invece dovrebbe porsi interrogativi. Se non lo fa, va bene tutto.
Partiamo dal comandamento "non uccidere".
Sono in torto gli uni e gli altri. Le motivazioni per cui si è arrivati agli scontri sono state senz'altro indotte. E qui le responsabilità sono di tutti:dai belgi, primi colonizzatori alla Chiesa di Roma. Se avessero lasciato in pace quella gente, se grossi interessi e politica non avessero avuto la meglio, forse si sarebbe conservata in Rwanda una certa pace sociale tra i diversi gruppi etnici.
Proteggere gli assassini poi è il colmo dei colmi.
Ma accade perchè quella verità(la propria) fa testo.
Io penso che non tutti i missionari sono sulla lunghezza d'onda di un Boscaini. Quelli che dissentono ci sono e come.E sono quelli che in Africa hanno vissuto gomito a gomito con la gente del posto.Si sono adoperati per loro.
Kagame non piace e non piaceva ai vari Boscaini per via di un'ideologia non conforme.E' più che evidente.
Ma da qui ad usare le armi, uccidere,essere complici di delitti ne passa.
Non ci sono giustificazioni, a mio avviso, per chi non ha capito o ha fatto finta di non capire. Specie se questa persona crede poi in una giustizia divina.
Quindi le cose vanno lette, studiate ed approfondite sempre.
Non ci sono colpevoli e/o innocenti solo da una parte.
Quella del Rwanda è una Storia di una complessità enorme proprio perchè ci sono stati dei morti e purtroppo ancora dei colpevoli a piede libero.
Speriamo che per gradi si arrivi a fare giustizia come è giusto che sia e che i colpevoli siano puniti.
E poi vorrei suggerire a "Nigrizia" di smettere d'essere tendenziosa nei confronti dell'attuale governo del Rwanda. E di lasciar lavorare chi al momento sembra avere a cuore solo l'interesse del Paese. Lavoro che non sarà facile, perchèle macerie materiali e morali nonchè le ferite ancora aperte sono ancora tante.
Un abbraccio.
Marianna

dragor

Cara Marianna,i vari Boscaini non fanno che riprendere la versione ufficiale della Chiesa che si puo' vedere nell'articolo dell'Osservatore Romano. Sono ligi al partito e si puo' vedere che usano addirittura le stesse parole. Se fra i missionari di ogni paese ci sono delle voci dissenzienti, non si manifestano e il silenzio è colpevole. Da parte cattolica, per quanto mi risulta, l'unico dissenso dalla linea ufficiale viene dalla rivista francese Golias.
Prima del 1994 non c'è stata nessuna guerra civile con migliaia di morti hutu. C'è stata una guerriglia promossa dal braccio armato del FPR (un movimento d'ispirazione panafricana nel quale c'erano molti hutu) cominciata nel 1991 che ha permesso al FPR di conquistare alcune posizioni nel nord del Rwanda e costringere il regime Habyarimana a negoziare. La caccia agli hutu è cominciata nel 1996 quando Kagame, stanco delle continue incursioni delle ex FAR e degli interhamwe rifugiati in Zaire con l'appoggio di Mobutu, ha passato la frontiera per combatterli. Ma in questo caso si tratta di una guerra legittima contro elementi armati, non di una persecuzione etnica come vorrebbero far credere i vari confezionatori di menzogne che la chiesa usa come cortina fumogena per nascondere i suoi crimini.
Ma nel mio post volevo sottolineare uno scandalo mostruoso che fa passare in secondo piano qualsiasi fatto di cronaca nera in Italia e nel mondo. Abbiamo un'organizzazione, la chiesa, che ha protetto e protegge alcuni fra i più efferati assassini della storia. Tutta l'organizzazione è mobilitata fino ai più alti livelli, visto che gli articoli dell'Osservatore Romano sembrano quelli della rivista estremista interhamwe Kangura. E non paga NESSUNO. Non si è visto un solo bianco giudicato dal TPI mentre la chiesa è colpevole fino alle più alte sfere. Ha pagato soltanto qualche esecutore come Seromba, ma non chi lo ha ispirato e protetto. E' uno SCANDALO. Invece di perdere tempo a parlare di razzismo per qualche episodio di cronaca, gli italiani dovrebbero prendersela con chi ammazza i neri a 2000 per volta e con i suoi protettori. Ecco il vero razzismo. Nessuno si muove perché quei morti sono neri e gli ispiratori del massacro sono bianchi. E hanno anche il coraggio di venire a farci la morale sul razzismo. Questo è il tema di attualità che dovrebbe essere sulla prima pagina di tutti i giornali.

Con i discorsi tipo "i torti non stanno da una parte sola" non si risolve niente. Qui c'è uno scandalo enorme che nessuno vede e che sto cercando di rivelare.

Un abbraccio anche a te

dragor (journal intime)

marianna

Sono con te quando dici che gli autori dei massacri non sono ancora stati puniti(Chiesa e non Chiesa) e concordo in pieno quando dici che è il più grosso scandalo.
Visto che niente sembra si possa fare, dire le cose come sono, informare correttamente è il minimo che si possa fare e tu lo stai facendo.
Indirettamente stai dicendo anche agli altri:aprite gli occhi!
Non è molto ma è già qualcosa.
A proposito della guerriglia durante la quale molte vittime sono stati hutu: cosa voleva questa forza panafricana contro la quale si è battuto Kagame. Combatteva per quali finalità?
Senz'altro per eliminare i tutsi dai posti chiave.
Ma spiegami meglio le ragioni del nemico.
Te lo chiedo perchè parecchio tempo fa una persona, un hutu, mi scrisse nel blog per dirmi che io ero di parte e non obiettiva.
Io sono convinta che ci sono stati molti hutu innocenti che sono caduti come poi succede in tutte le guerre.
Chiariscimi meglio le idee politicamente sulla parte avversa e su quegli anni che hanno preceduto l'ingresso dell'esercito del FPR.
Scusami. Non sono ripetitiva ma questa storia va chiarita. Anche se è chiarissimo, a questo punto, che i colpevoli la faranno franca.
Cosa che, secondo me, sconcerta poco l'opinione pubblica.
A dopo. Un abbraccio ancora.
Marianna

dragor

Cara Marianna, forse mi sono spiegato male. Il movimento d'ispirazione panafricana è il Front Patriotique Rwandais, nel quale accanto ai figli degli antichi rifugiati tutsi militavano molti hutu e il cui braccio armato era comandato da Paul Kagame. Si battevano per rovesciare il regime di Habyarimana e instaurare un governo senza discriminazioni etniche.
Per quanto riguarda gli anni precedenti alla presa del potere da parte del FPR nel luglio 1994 dopo una breve guerra e il crollo delle FAR nonostante la loro superiorità numerica e il sostegno della Francia, la situazione era invariata dal 1959 con la dittatura hutu al potere dopo l'indipendenza e sporadici massacri dei tutsi rimasti in Rwanda. Le acque si sono mosse a partire dal 199O quando il FPR formato dai figli degli esiliati tutsi in Uganda e da hutu dissenzienti ha cominciato una guerriglia impadronendosi di alcune posizioni nel nord del Rwanda. Nel 1991 sarebbe perfino riuscito a impadronirsi di Kigali se i francesi non avessero bloccato tutto con l'operazione Amaryllis, ufficialmente per proteggere i cittadini francesi, in pratica per fermare l'avanzata del FPR. Cosi' si arriva al luglio 1994 quando i 10.000 militari di Paul Kagame con una manovra a spirale prevalgono sui 50.000 delle FAR e prendono Kigali dopo avere liberato il resto del paese (meno la sacca controllata dalla Francia con l'operazione Turquoise) mettendo fine al genocidio cominciato il 6 aprile dopo l'attentato ad Habyarimana.

Prima e dopo la presa del potere non c'è mai stata una discriminazione degli hutu in quanto tali, che sarebbe contraria ai principi panafricani del FPR, un movimento politico e non etnico nelle cui file ci sono molti hutu. Ma nel 1996 gli assassini hutu delle ex FAR e delle formazioni interhamwe sono stati inseguiti in Zaire perché cercavano di riorganizzarsi e sferravano periodiche offensive contro le popolazioni vicine alla frontiera. Questa situazione ha lasciato degli strascichi che durano ancora.

Un abbraccio, buona notte, a domani

dragor (journal intime)


Pier

Considerandomi cattolico non posso che sentirmi offeso dai commenti dell'osservatore Romano, sopratutto perche' all'epoca Giovanni Paolo II aveva chiaramente detto che del genocidio erano responsabili anche dei cattolici.

OT: certo e' che se fossimo in tanti cosi' bravi a smascherare i fattacci del governo come facciamo con quelli del Vaticano l'Italia sarebbe un posto piu' pulito. ;-)

dragor

Pier, mi sembra che anche con il governo si vada giù di brutto. Il fatto è che con il Vaticano non c 'è mai stato un Mani Pulite

Buoona notte e grazie per la visita

dragor (journal intime)

marianna

Carissimo Dragor, ti ho fatto lavorare molto ma, chiarire ulteriormente fatti e concetti, non guasta.
In occasione del decennale del Genocidio ruandese, quindi nel 2004, così scriveva il giornalista Gad Lerner, in una sua rubrica, su Nigrizia.
"Tutto sommato non è male che il decennale del genocidio ruandese sia trascorso in sordina, se non altro ci siamo risparmiati una indigesta dose di MAI PIU', lacrime di coccodrillo, meditazioni colte.
Perchè la lezione amara dei dieci anni di guerre africane(1994-2004) seguite al genocidio sta proprio nell'evidente ripetibilità dello sterminio, nella persistente impermeabilità delle nostre coscienze.
Prima del genocidio degli ebrei, nel cuore dell'Europa, eravamo convinti che l'esportazione della nostra civiltà valesse-magari per il loro bene- anche deportazioni e stragi delle popolazioni colonizzate.Da quando abbiamo riprodotto in casa nostra la pratica dello sterminio(soluzione finale), la questione si è posta in termini più imbarazzanti. E' già un piccolo passo culturale in avanti. Adesso chiamiamo genocidio anche ciò che è accaduto in Cambogia e in Ruanda. Ma non siamo capaci di esplorarne le ragioni profonde e dunque di contrastarne efficacemente la ripetizione. Il nuovo caos mondiale(anni della guerra irachena)al contrario ci distrae da tale necessaria riflessione".

Ho voluto riportartelo, caro Dragor, perchè io mi sono soffermata molto sul concetto "esplorare le ragioni profonde per contrastare efficacemente la ripetizione".
Se per un colpo di bacchetta magica sparisse la Chiesa di Roma con tutte le sue diramazioni(missionari inclusi), tu credi davvero che il problema sarebbe risolto una volta per tutte?
Sono proprio loro le sole
ragioni profonde da esplorare ? Senza la Chiesa di Roma niente più ripetizioni di conflitti, stragi, morti ammazzati?
Tu pensi veramente così?
Io non li assolvo ovviamente quando è evidentissima la prova della loro colpevolezza o collusione ma ritengo che le cause di tanto male, morte e sofferenza siano da ricercare anche altrove.
Ad esempio nel cuore dell'uomo, al di là delle etnìe, delle credenze religiose e politiche.
Oggi, che più di ieri, c'è nell'aria e nelle coscienze della gente la consapevolezza globale della pace, siamo, purtroppo, ancora impotenti a fronteggiare questo benedetto male, che sono le guerre. Perchè?
Riflettiamoci.
Un abbraccio affettuoso e buona notte.
Marianna

dragor

Cara Marianna, non mi piace molto l'approccio mistico di Gad Lerner che alla fine lascia le cose al punto di partenza. La filosofia e la psicanalisi c'insegnano che i mostri sono in noi, possiamo solamente riconoscerli e gestirli. Le peggiori violenze sono commesse da chi si considera virtuoso, depositario del bene e della verità. La storia ci dice che dietro gli stermini di massa c'è sempre un'ideologia. Solo il libero pensiero educa al rispetto. Le religioni monoteiste sono fra le ideologie più pericolose. Non dico che la chiesa di Roma sia la sola responsabile, ma con più libero pensiero e meno ideologia ci sarebbe sicuramente qualche genocidio di meno.
Un abbraccio, buona giornata, a presto

dragor (journal intime)

I commenti per questa nota sono chiusi.