La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« MAGIA ROMANA | Principale | BEATO PIO XII »

09/10/08

Commenti

Pasquone

Caro Dragor,
le tue osservazioni colgono bene lo "scontro" tra moto e pedoni che imperversa nelle nostre strade. Altrettanto grave è quello con le auto, aggredite circondate sorpassate attraversate da spericolati motociclisti. Ovvero, macchine che travolgono - spesso sulle strisce od agli incroci regolati dal semaforo - i passanti e altri veicoli. E' la formula romana per arrivare presto al posto di lavoro, di residenza, di studio o di divertimento: veloci, ma non sempre sani. In certe vie (la Nomentana, dove abito, in particolare) sopra i pali della luce e sui segnali stradali potrai vedere degli "altarini" pieni di fiori e di scritte che ricordano le vittime di questa ripetuta tragedia del traffico. I romani lo sanno, imprecano e pregano: Dio ce la mandi buona! Auguri, Dragor, ed occhio!
Pasquone

marianna

Simpatico e realistico post!
Mi ricorda la Roma che ho conosciuto anni fa e che quindi rimane la stessa anche oggi e la mia Napoli, dove lo zig-zag è ancora più pericoloso sicuramente che a Roma.
Oggi gran temporale su Olbia, ecco perchè arrivo solo ora al tuo commento e ad inviare il mio post.
Buon pranzo.
Vado a leggerti in posta.
Marianna.

maxgiordani

Caro drag
Le "vespe" sono sostituite da tempo da altre entità killer: le Smart: velocissime, guidate da abilissimi piloti. Il trucco per sopravvivere l'hai scoperto tu: resti fermo e lasci al pilota l'iniziativa di schivarti.
Ma i piloti di vespe e Smart sono, in fondo, abili guerrieri del traffico di questa città. E' difficile sentire che una Smart o uno scooter abbiano investito qualcuno o che comunque creino pericolo. C'è invece una categoria universalmente riconosciuta come categoria di cerebrolesi. Sono cretini pericolosissimi e, precisamente guidano: (vediamo se indovini)
a- Panda bianche
b- Uno bianche
c- Golf nere

Indovinato?

Lontano

Bé, anche su Parigi la situazione è simile (purtroppo).
Inoltre, il perypherique e la tangenziale A86 sono note per moto e scooter che sfrecciano fra le ultime due file d'auto in coda.
Anch'io, ahimé, sono stato uno di questi fino a pochi mesi fa (ora abito nell'Oise ed il traffico è molto più calmo), per recarmi al lavoro dovevo attraversare la città da sud a nord e solo la moto mi permetteva tempi ragionevoli.

Lontano

Dimenticavo.
Pedoni o automobilisti non devono fermarsi o cercare di evitare i due ruote, l'importante è seguire un andamento regolare, senza cambiare direzione e/o velocità: il motociclista o scooterista può così cercare la traiettoria zigzagando un po' come in quel vecchio video-gioco della rana che attraversava la strada ;-)

dragor

Caro Pasquone, questi altarini li ho visti un po' dappartutto. Nel viale di Trastevere ho visto anche l'effigie di una Madonna circondata da ex- voto. Sembra che faccia trovar lavoro ai disoccupati. Ne sai qualcosa?
Un caro saluto

dragor (journal intime)

dragor

Cara Marianna, il fascino di Roma è proprio questo: la rivedi dopo anni ed è sempre la stessa, come quelle favole che si vorrebbe non cambiassero mai. Invece credo che Napoli sia più soggetta ai cambiamenti
______________________________________________________

Max, secondo me i cerebrolesi sono quelli che usano macchine enormi in città per puro esibizionismo. Fra le quelle che mi proponi, so che per un periodo la Uno è stata prediletta dai delinquenti perché facile da rubare. Le Panda (di ogni colore) di solito piacciono alle donne e le Golf nere... almeno da noi non mi sembrano associabili a una particolare patologia mentale. Aspetto lumi
______________________________________________________

Lontano, l'arroganza dei parigini al volante supera l'immaginazione umana. Ormai siamo al punto che, quando trasgrediscono, vogliono avere ragione lo stesso. Pretendono che la trasgressione diventi regola. Se non sei d'accordo, diventano violenti
______________________________________________________

Grazie a tutti per la visita, a presto!

dragor (journal intime)

Pim

Probabilmente non hai mai visto come i pedoni attraversano la strada al Cairo o a Damasco. Essendo rari i semafori e mancando praticamente le strisce, si gettano letteralmente in mezzo alle automobili in corsa costringendole a serpentine e inchiodate da brivido. Ti assicuro che, nelle occasioni in cui ho dovuto farlo anch'io, mi sono sentito davvero come un toro nell'arena...
Ciao, buona giornata.

maxgiordani

Caro Drag.
La Madonnina che hai visto (guarda il caso..) è una delle madonne alle quali sono devotissimo. E' a viale Trastevere proprio davanti il Ministero della PI.
Le Golf nere è la risposta esatta.
Se ti trovi a Roma, contattami via email. Ci prendiamo un aperitivo in centro.
Un saluto

M@x

dragor

Grazie per la precisazione, Max. A questa Madonna ho anche dedicato un post.

Faro' una ricerca sul QI dei proprietari di Golf Nere.

Grazie per l'aperitivo ma purtroppo ho già lasciato Roma. Pero' ho gettato una moneta nella fontana di Trevi, cosi' l'appuntamento è solo rimandato

dragor (journal intime)

homing pigeon

ciao Dragor,

arrivo in ritardo ma arrivo. Carino, umoristico, scritto benissimo questo post. Davvero gustoso. E molto vero.

Me lo sono letto e riletto, gustando similitudini e parole perfette che hai seminato qui e là con grande talento.

E' sempre un piacere leggerti.

a presto,
HP

dragor

Pim, l'ho visto, almeno al Cairo. Mi hanno ricordato i romani :-))
_____________________________________________________

Ciao HP, grazie per il complimento. Si', questo post è molto vero perché è vissuto. Al fianco di quella signora c'ero io. Avrei dovuto attraversare, ma non ho osato. Siccome nella zona non c'erano semafori, ho cambiato meta

A presto sul tuo blog

dragor (journal intime)

gobettiano

E' vero che apparirò un pò greve, ma il titolo del post dovrebbe avere un seguito...ovvero come curarsi la stitichezza.
luigi

I commenti per questa nota sono chiusi.