La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« LA CARICA DEGLI ABBRONZATI | Principale | I NUOVI BARBARI »

23/11/08

Commenti

Amanda

E' davvero terribile quanto è successo. E nonostante tutta l'attenzione dei media riservati a questi territori, le truppe militari del dopo 11 settembre, i volontari... insomma, nonostante tutti gli sforzi fatti da chi è andato in questi territori, possibile che non sia cambiato assolutamente nulla??
Noi occidentali siamo davvero così impotenti rispetto a questa cultura primitiva?
La mia paura è che alla fine vincano loro, i "machos barbudos" come li chiami tu...

marianna

Hai fatto benissimo, carissimo Dragor, a riportare ed evidenziare questo terribile, ennesimo episodio di violenza sulle donne, prodotto dell'Islam fondamentalista dei Talebani.
Sono convinta che per uno che arriva alla ribalta della cronaca, mille altri se ne verificano nel silenzio più assoluto.
Io ricordo l'impegno per la libertà dal burka delle donne afghane da parte di personalità del mondo culturale e politico come Emma Bonino e Dacia Maraini. E parliamo di parecchi anni fa.
Non cambia niente,nonostante gli sforzi della stampa libera che denuncia o degli intellettuali o politici che informano mezzo mondo.
Eppure qualcosa occorre fare che metta la parola "fine".
Il problema è il "come"?
E lì finiamo tutti solo per parlarci addosso.
Buona giornata!
Affettuosamente,Marianna.

gobettiano

L'episodio è davvero terribilmente emblematico di ciò contro cui occorre lottare. Ma insegnerà ad avere un approccio critico verso ciò che è stato finora fatto e come in Afganistan?
luigi

marianna

Sei un ottimista come me, caro Luigi. Io non ci credo all'approccio critico in quel contesto. Né da parte degli occupanti, né da parte degli occupati.
Lì è pieno medio-evo per gli autoctoni e per gli altri, gli stranieri.....la questione è molto relativa.
Un abbraccione.
Marianna

dragor

Cara Amanda, quando pensi che questa cultura primitiva fino a non molto tempo fa era diffusa in varie zone d'Europa, puoi capire come sia difficile sradicarla. In Europa il compito è stato facilitato dal fatto che faceva parte della tradizione ma non era codificata dalla legge. Mentre nei paesi musulmani che applicano la sharia,la legge islamica, è codificata dalla legge. Per combattere la legge ci sono due strade: 1) mettere l'islam fuorilegge 2) attuare una rigida separazione fra il potere civile e quello religioso con punizioni severe per chi sconfina
_____________________________________________________

Cara Marianna, hai detto bene: nonostante l'impegno degli intellettuali di mezzo mondo e perfino il criticato intervento militare, non cambia niente. Per una ragione semplicissima: che l'islam è sempre li', anche se i talebani sono stati ufficialmente cacciati dalle città. Ma continuano a fare la loro propaganda e i risultati si vedono. L'unica soluzione è una rivoluzione simile a quella francese con la totale distruzione delle strutture religiose, la messa al bando dell'islam e l'avvento di uno Stato rigidamente laico.
_____________________________________________________

Luigi, secondo me l'approccio critico dovrebbe essere questo: mandare i carri armati non basta se si permette all'islam di continuare a esercitare la sua influenza nefasta. Quello che sta succedendo è una prova di più che l'islam dev'essere cancellato dalla faccia della terra, almeno in quelle regioni dove i fedeli pretendono d'interpretarlo alla lettera
______________________________________________________

Geazie a tutti per i v vostri commenti e per la vostra visita. Buona giornata

dragor (journal intime)

I commenti per questa nota sono chiusi.