La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« IL VATICANO COME L'IRAN | Principale | EFFETTO OBAMA SU MISS FRANCE »

05/12/08

Commenti

tesea

Speriamo che gli auspici non siano utopia.
Tesea

peruviano volante

Dragor sai bene che sei in territorio minato: la non distribuzione della ricchezza è lo strumento che permette a una minoranza gestire e consumare l'80% delle risorse mondiali. solo il giorno in cui impareremo a rinunciare a qualcosa per darlo a chi non ha nulla il mondo cambierà veramente. oggi come oggi denaro (banche, multinazionali) e religione (fanatismo costruito ad arte), vanno a braccetto e muovono a piacimento i destini di miliardi di persone. sta a noi rompere questo circolo vizioso.

marianna

Splendido post! Autentiche verità!
I poveri sono molto più dignitosi dei ricchi ed onorano di sicuro gli impegni, se dai loro fiducia.
Questo in generale ovviamente.
I truffatori poi sono dappertutto, un po' di più però tra i ricchi, perchè chi più ha, più vuole avere.
Sono molto d'accordo con "peruviano volante".
Tra l'altro: post indovinatissimo nella Giorna Mondiale del Volontariato.
Per far riflettere tutti. A cominciare da me.
Un abbraccio affettuoso.
Marianna

Bera

Voglio bene a quest'uomo, veramente!
Per Peruviano volante:
quest'uomo ha spostato il problema e lo ha risolto...intendo dire: lui dimostra che chi ha le risorse non le deve DARE a chi ha di meno, le deve INVESTIRE in chi ha di meno.E' una differenza fondamentale.Dai alla gente gli strumenti per migliorare e lei migliorandosi ti farà vivere in un mondo migliore.Se fossi un riccone preferirei investire per aiutare la gente a vivere dignitosamente ad esempio come fanno in scandinavia piuttosto che tenermi tutto per me e dover investire in una milizia privata per proteggermi dai poveri come in certi paesi dell'Africa o del SudAmerica.Circa tre settimane fa uno studio di Moodys o Standard & Poor (scusami, non ricordo con precisione, comunque due enti NON sospettabili di simpatie a sinistra)dimostravano che: investire 1$ in riduzione fiscale rende alla ricchezza del paese 1,27$ mentre investire lo stesso dollaro nel Welfare (sussidi di disocupazione ad esempio) rende da 1,48$ a 1,64$.Come dice Yunus ci sono i mezzi perchè non ci sia più povertà si tratta di metterli in pratica. Ovviamente ci sarà sempre chi è più ricco di un altro, povertà non è non potersi comprare un BMW

gobettiano

Yunus è un genio benefico indiscutibilmente. E'colui che ha cominciato a perseguire il comportamento del rispetto vero per gli uomini.
Vorrei solo sottolineare che la storture peggiori che affliggono l'umanità non sono figlie dell'economia ma della politica. Ad essa infatti tocca il compito della redistribuzione così come il compito di determinare le regole entro le quali le attività economiche devono svolgersi.
luigi

homing pigeon

Dragor,

è una bellissima storia, un insegnamento ed un ammonimento a tutti i trafficoni professionisti della finanza creativa.

Ed insieme è un grandioso ossimoro che il creatore della banca dei poveri sia stato invitato a parlare a Montecarlo... Mi piace, mi piace.

Un pizzico d'invidia nei tuoi confronti che eri lì.

Grazie per averci raccontato di Muhammad Yunus.

a presto,
HP

I commenti per questa nota sono chiusi.