La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« EVVIVA L'ABBRONZATO | Principale | PAURA DI MORIRE »

22/01/09

Commenti

marianna

Carissimo Dragor, la tua spiegazione me l'aveva data tempo fa Osman.
Infatti io non immaginavo una posizione del genere per Lincoln anche perchè i nostri libri di Storia esaltano il fatto che abbia liberato gli schiavi e lì fanno l'apologia del personaggio.
Non avendo approfondito la cosa, non potevo saperlo.
Che non lo sappia Obama è un po' grave.
Però questo ci dice che, se anche il suo staff lo ignora, la scuola negli USA non è migliore di quella in Europa o in Italia.
Buon pomeriggio.
Marianna

Amanda

Ciao Dragor, possibile che Obama non lo sapesse? O ha fatto un discorso nominandolo solo per coinvolgere di più il pubblico?

sariddus

Negli USA ben pochi sanno che la cosiddetta guerra civile tra Sud e Nord fu scatenata da una decisione di Lincoln seguita immediatamente alla sua elezione a presidente. Quando Lincoln fu eletto presidente, passò immediatamente, con l’accordo del Congresso degli Stati Uniti, la Morrill Tariff (la piú alta tassa d’importazione della storia degli Stati Uniti), piú che raddoppiando i tassi d’importazione dal 20% al 47%. Questa tassa significò la bancarotta per molti cittadini del Sud.

Gli stati del Sud rifiutarono di pagare e il Nord decise di invadere il Sud. Lo schiavismo non interessava a nessuno. Poi al Nord venne bene cercare di portare gli schiavi del Sud dalla propria parte al fine di rendere la vita difficile al Sud.

In seguito si invento` la leggenda della guerra fatta per liberare gli schiavi. Tutte balle. Anche al nord c'erano gli schiavi, e con la scusa di liberarli vennero mandati a crepare sui campi di battaglia. Sitratto` di una guerra per motivi economici, esattamente come per la guerra di secessione.

dragor

Si' cara Marianna, mi sembra di ricordare l'intervento di Osman. L'apologia del personaggio dipende dal fatto che consideriamo il progressismo del 1858 come se fosse quello di oggi, mentre andrebbe rapportato all'epoca. Ecco quello che intendo per spirito dei tempi. Giudicato con lo spirito di oggi, Lincoln sarebbe un bieco razzista. Ma nel XIX secolo le sue posizioni lo hanno fatto passare per progressista. In fin dei conti nessuno lo ha visto prendere a frustate un nero

Buona notte, un abbraccio, a domani

dragor (journal intime)

marianna

Ottima spiegazione Sariddus!
Poichè è questa solitamente la mia lettura dei fatti storici(il mio storico preferito in Italia è stato Armando Saitta, sui cui libri mi sono formata)puoi suggerirmi una storia( e quindi l'autore) di una Storia degli Stati Uniti con questo taglio? Grazie.
Te ne sarei grata.
Marianna di Jambo Africa

dragor

Amanda, secondo me lo sapeva benissimo. Ma ha preferito rifarsi allo stereotipo di Lincoln, non al vero personaggio. In fin dei conti doveva vendersi e Lincoln è un un buon veicolo pubblicitario

Buona notte, a presto

dragor (journal intime)

dragor

Ciao Sariddus, sapessi come ci sono mancati i tuoi post in questi giorni. Dietro alle grandi cause umanitarie ci sono sempre i soldi e Lincoln non ha fatto eccezione. Ma un paese ha bisogno di miti attorno ai quali aggregarsi proprio come una religione.

Ciao, a presto. Spero sempre di ritrovarti negli "USA visti dagli USA".

dragor (journal intime)

Amanda

Caro Dragor, non ti trovo su wikio elenco post, o sono io che leggo male?
Buonanotte :)

I commenti per questa nota sono chiusi.