La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« NICE WAR | Principale | EVVIVA L'ABBRONZATO »

20/01/09

Commenti

gobettiano

Trovo assai condivisibile che allevare figli vuol dire insegnar loro l'utilizzo del cervello, trasmettergli l'amore per la lettura, lo studio, la cultura come strumenti utili per il LORO modo di pensare e vivere.
Capita sovente che i figli vengano invece considerati e trattati come "oggetti" propri, prolungamento si se stessi ma in senso deteriore.
luigi

dragor

Si' Luigi, secondo me è essenziale insegnare ai bambini a non accettare niente a scatola chiusa e a mettere tutto in causa, in poche parole a pensare con la loro testa e a fare le loro scelte. Tutto il contrario dell'educazione che si dà comunemente.
dragor (journal intime)

marianna

Carissimo, non bisogna insegnare mai una fede acritica.Nè a figli,né a nessuno.E' terribile.
Poi i due termini a ben pensarci si escludono.La fede è accettazione incondizionata dettata da un sentimento.
Se questo sentimento lo metto al vaglio della ragione, la cosa può anche andare.Diversamente siamo nell'aniticamera del massimalismo.
Buon pranzo e un abbraccio.
Marianna

marianna

Scusa: Anticamera.Ho sbagliato per fretta. I musulmani si apprestano alla tavola!!
Marianna

dragor

Marianna, se metti la fede, al vaglio della ragione, non c'è più fede. La fede è autoreferenziale, non si puo' mettere in causa. Ecco perché è pericolosa. Sopprime lo spirito critico e fa confondere il desiderio con la realtà

dragor (journal intime)

girasole

Sono d'accordo con quello che dici. Credo sia necessario dare ai bambini gli strumenti attraverso cui affrontare le realtà che li circondano, la capacità critica, d'indagare, di farsi domande, di cercare risposte. Anche se le loro conclusioni potrebbero essere diverse dalle nostre. Fare questo è molto più difficile e scomodo che fornire un qualcosa di già preconfezionato e indiscutibile. Anche perchè è necessario possederli questi strumenti, per poterli trasmettere a qualcun altro. E qui spesso...casca l'asino.

I commenti per questa nota sono chiusi.