La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Saviano ha plagiato? | Principale | Nuòstra-Dama-de-Nissa »

27/03/09

Commenti

stefano de santis

E'questo,il guaio:che quelle rivoluzioni arrivano.Mi ricordo come se fosse ieri quando erano di moda le minigonne(Rivoluzione Inglese,piuttost):se c'era un cessone con le gambe da calciatore potevi stare tranquillo che le ostentava come se fosse una mannequin.Se c'era un cessetto con le gambe come stuzzicadenti,pure.Dunque,quanto al machismo che viene dalle banlieue,non c'è bisogno di un'arma che scoppia in mano,come la gonna:basta un uso ben calibrato del manganello e delle manette.E in qualche caso della pistola d'ordinanza.

Alex

Souhaitons au contraire que cette révolution réussisse en France et ARRIVE en ITALIE. Et, que les hommes cessent de vouloir toujours controler ce que peuvent ou ne peuvent pas porter les femmes.
Alex

 dragor

Stefano, la gonna non serve a combattere il machismo ma ad affermare il femminismo. Per la racaille delle banlieues c'è il gendarme Sarko con il cannone ad acqua, la flash ball e il taser.

dragor (journal intime)

 dragor

Alex, souhaitons aussi qu'elle arrive a Nice. La "ville qui bouge" arrive toujours la dernière. Il me tarde de voir des cuisses

dragor (journal intime)

Tesea

Ha ragione Stefano: poveri noi, cosa ci toccherà di vedere zampettare! Dovrebbe essere vietata la mini quando le gambe di chi la indossa non sono due capolavori.
Tesea.

matzudaira

Mi spiace Dragor, ma in questo caso è la Francia ad essere "indietro" rispetto all'Italia. Infatti moltissime mie compagne di scuola prima e mie colleghe di lavoro poi, indossavano ed indossano regolarmente gonne sopra il ginocchio. Chiaro che se vai in Sicilia o Calabria forse la realtà è più simile a quella della tua cara Francia.

 dragor

Tesea, qui non si parla necessariamente della mini. La gonna puo' essere declinata in tante versioni

dragopr (journal intime)

 dragor

Matzu, aspetta che le vostre periferie siano a maggioranza araba e poi ne riparleremo

dragor (journal intime)

stefano de santis

Aspettiamo le periferie a maggioranza araba,Dragor.Ma non rassegniamoci in anticipo.Se la minigonna,oltre ad affermare il femminismo,serve a metterli in fuga proporrei una svendita di minigonne a prezzi di realizzo.Certo che se sotto quelle minigonne spuntano le gambe di Maldini,ci rimette l'affermazione del femminismo e si rischia di fallire nel liberarci dal machismo da racaille.

Patricia

Ciao Dragor, quando ho visto "entre les murs", mi faceva tanto pena quel povero prof ancora tanto giovane e pieno di belle speranze, che gliel'avrei passata volentieri, non una pistola perché mi fa orrore, ma una bella fionda magari...Evidentemente il regista de "La journée de la jupe" deve avere avuto il mio stesso sentimento... Per quanto riguarda i pantaloni, non trovo che mortifichino la femminilità, al contrario, e soprattutto liberano dall'odiosa corvée invernale delle maledette calze che si smagliano in continuazione ;-)
Buona serata, Dragor

piras

Sicuramente il writer è un uomo. O un maschio. Scegliete voi. Ciao!

grigio

Ma se si diffonde nuovamente la moda della minigonna se sotto di essa spunteranno due prosciutti o due stuzzicadenti, pazienza, gireremo la testa dall'altra parte... ma almeno avremo qualche probabilità di vedere un bel paio di gambe!
Forse non ci capiterà più di vedere qualche bel sederino strizzato in un paio di pantaloni aderenti, ma forse ci guadagneremo.

Alberto

Ciao Dragor, volevo segnalarti un servizio trasmesso ieri sera da "Le Iene": nella città del Cairo c'è un intero quartiere di persone che vive riciclando i rifiuti. A MANI NUDE.

Perchè fanno questo? Perchè non trovano altro mestiere per sopravvivere. Infatti sono considerati come dei paria, degli intoccabili. La loro colpa? Essere cristiani in un paese musulmano.

Il servizio lo trovi qui:

http://www.video.mediaset.it/mplayer.html?sito=iene&data=2009/03/27&id=5200&from=iene

Eliane Micheluzzi Guégan

Enfin la jupe revient, cela me plait bien, c'est beau de voir de jolies jambes n'est-ce pas messieurs ? C'est tellement plus agréable que de voir ces filles boudinées dans leurs pantalons.
J'ai vu le télefilm "la journée de la jupe " que j'ai appréciée.

gian49

Elogio della gonna si', della minigonna no!! E' spesso antiestetica, viene, purtroppo, da molti interpretata come la divisa di una "che ci sta", non e' igienica, fa vedere troppo e, alla lunga, il maschio non si arrapa piu'.... Molto meglio una gonna lunga e, magari, aderente..

marianna

Io adoro le gonne, corte o lunghe indifferentemente.Ho fatto a suo tempo danza classica e me le sono sempre potuto permettere.
Oggi adopero i pantaloni in autunno -inverno per combattere l'umido di Olbia.
Dovete sapere che questa città è sotto il livello del mare in alcuni punti, con escursioni termiche molto fastidiose e le artrosi anche tra i giovanissimi non si contano......
Comunque è certo che la gonna è sinonimo di femminilità!!
Buona serata.
Marianna

Sonia

W le gonne, d'estate però, che in inverno sono freddolosa... ciaooooooooo

Tesea

Anch'io, freddolosissima, in inverno circolo quasi sempre in pantaloni. Adoro però la gonna, quella lunga, in particolare, che mi rende ancora più alta e slanciata.
Tesea

matzudaira

Sono ben poche, direi rare, le volte che ho visto una bella donna o ragazza indossare delle gonne. Spesso si vedono delle cozze alte un metro e quaranta inguainate, senza ragione apparente, in calze di seta e gonne pericolosamente vicino al linguine. Purtroppo ciò spesso è sufficiente, ad una folta schiera di "machi" di ogni età, per essere atratti da queste abominevoli creature.
Dove sono le vere donne? E dove sono i veri uomini?

 dragor

Stefano, la minigonna non mette in fuga gli arabi. Sono piuttosto gli arabi che mettono in fuga la minigonna
_____________________________________________________

Patricia, io credo che i pantaloni non mortifichino la femminilità quando sono una scelta. Ma la mortificano quando si devono portare per causa di forza maggiore
_____________________________________________________

Alberto, in un vecchio post avevo parlato della situazione dei cristiani in Egitto.L'impressionante documento che mi segnali è una buona occasione per tornare sull'argomento. Grazie.
___________________________________________________

Elaine, les messieurs sont ravis de cette victoire de la féminité, même si parfois les jambes laissent un peu à désirer :-)
______________________________________________________

Gian49, non sarà pratica ma su certe donne fa un certo effetto.
____________________________________________________

Marianna, hai avuto la fortuna di non insegnare in una scuola di banlieue. Forse avresti fatto come la prof de "La journée de la jupe" :-)
________________________________________________

Sonia, ma come facevano le donne d'inverno, quando non potevano portare i calzoni?
______________________________________________________

Tesea, ecco una buona alternativa ai tacchi
____________________________________________________

Matzu, si nascondono nei calzoni :-)
___________________________________________________

Grazie a tutti per la vostra visita e i vostri commenti, a presto

dragor (journal intime)


stefano de santis

E' vero Dragor,che gli Arabi e gli Islamici in genere mettono in fuga le minigonne.Tra le tante cose che riferisce sul suo"GLI ULTIMI GIORNI DELL'EUROPA",Robert Lacqueur,onesto storico Americano di tendenza liberal,afferma che nei quartieri Turchi delle citta' tedesche le donne tedesche vestite all'Occidentale(non necessariamente in minigonna) vengono avvicinate da individui che le invitano minacciosamente a non tornare nel quartiere cosi' vestite.In quei quartieri,diciamolo gia' che ci siamo,i bambini tedeschi non possono giocare nei parchi pubblici:viene loro impedito di accedere alle ad altalene,girotondi,etc.Servono ai turchi.

I commenti per questa nota sono chiusi.