La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Wojtyla > Ratzinger: 8 a 2 | Principale | I due stregoni »

23/03/09

Commenti

Alberto

E' proprio per questi motivi che molti anni fa ho definito l'Italia "il paese delle 100 mafie" (definizione su cui ho il copyright)

;-)

Pim

Dici cose vere e pienamente condivisibili. Gli ordini professionali sono zeppi di gente incapace, tanto da chiedersi come può essere arrivata sin lì (domanda retorica, naturalmente). Le barriere si alzano e si abbassano in base a chi deve passare, agli agganci che possiede. Professionalità e competenza non sono garantiti; la sopravvivenza della casta sì.

Bonne journée, Dragor.
Pim

castalia

Non so se c'entri con il post, ma credo che la mancanza di vera meritocrazia in Italia sia un grosso problema, gente capace è a spasso mentre incopetenti ricoprono le loro cariche ricevute tramite agganci e spinte, uno schifo, ma ormai ci sono talmente tante cose dell'Italia che mi schifano, che devo sforzarmi per ricordare cosa mi piace del mio paese...che tristezza :(

marianna

La cosa migliore, visto come stanno le cose, è andare a vivere in un Paese di cultura anglosassone.
Qualcuno comunque, a proposito proprio dei notai, mi diceva che anche in Austria le tariffe sono minime e non si lucra sugli onorari come in Italia.
Buon pranzo e un abbraccio.
Marianna

Eliane MICHELUZZI GUEGAN

Vous n'y allez pas par quatre chemins et comme vous avez raison, quant à la médiocrité malheureusement elle est partout et puisque vous vivez en France vous le constatez aussi bien que moi, Marianna pense qu'il serait mieux de vivre dans un pays Anglosaxon, je n'en suis pas persuadée.

dragor

Oui Eliane, la médiocrité est partout, mais en Italie elle est cultivée, protégée, chouchoutée. Les ordres professionnels sont un héritage des corporations fascistes et il n'y aura pas de progrès sans leur suppression radicale. Et dans la foulée il faudrait supprimer aussi certaines "professions" parasitaires.

Les Anglais n'en sont pas persuadés non plus. Ils sont presque tous à Nice :-)

Merci de votre visite, bonne soirée, à bientôt

dragor (journal intime)

dragor

Alberto, ecco perché non ho usato quel titolo anche se mi sarebbe piaciuto :-)
_____________________________________________________

Pim, è per questo che non bisogna credergli quando giurano che l'ordine serve a garantire la qualità professionale. Un bel niente,serve a proteggere la mediocrità
______________________________________________________

E' vero Marianna, il notaio non è una figura del tutto inutile. Ma dovrebbe stare dietro uno sportello, guadagnare 850 euro al mese e vendere i certificati al prezzo di 50 centesimi per la marca da bollo. Altro che stare in un ufficio con le poltrone di cuoio e far pagare la sua firma 1000 euro alla lettera.
______________________________________________________

Buona giornata a tutti, a presto

dragor (journal intime)


stefano de santis

Dragor,quel che dici è vero,ma se è necessario non è sufficiente.Vogliamo completare,visto che le caste che citi coostituiscono parte(minima)dell'elettorato di centrodestra? Tralasciamo i petrolieri,nota associazione a delinquere mandante dell'assassinio di Mattei,ed i pavenus del pane e della pasta.Poi c'è la lobby telefonica,che agisce a livello europeo,e che è capeggiata in Italia da quella TELECOM che possiede LA7,ovvero la piu' straordinariamnte faziosa delle TV di Sinistra.Poi ci sono le banche:NUNZIA PENELOPE(dell'"Espresso") in "VECCHI E POTENTI"e GIANCARLO GALLI in"LA GIUNGLA DEGLI GNOMI" ci forniscono un interssante casistica,ricca di particolari.UNICREDIT è pesantemente influenzate dall Sinistra estrema,BANCA INTESA è di "area Prodiana",MPS è di "area Dalemiana".Hai mai letto gli estratti conto di certe banche?No? peccato.Ci trovi "Spese"(non specificato),Competenze(quelle di chi ti vende Parmalat,Cirio ed Argentina)e "spese invio posta":le banche ti fanno pagare il loro dovere di informarti.Quando Fiorani tento' lo stesso trucco per finanziare le sue scalate,fu arrestato.Ma Fiorani era uomo di centrodestra,e grande amico di Fazio,avversario senza se e senza ma dell'Euro.Se dai fastidio all'Euro,se dai fastidio al potere delle Sinistre,ti trovi nei guai.

rottasudovest

io sono iscritta all'Ordine dei Giornalisti, che aborro, altrimenti non potrei lavorare. Al referendum ho votato contro l'Ordine, di cui non apprezzo il sistema di ingresso, anche perché a Roma ti possono bocciare emeriti sconosciuti dopo che tu per un paio di anni hai lavorato in un giornale (ergo il direttore che ti ha fatto lavorare è un incompetente), né ho ancora capito, a ormai 10 anni dalla mia iscrizione, a cosa serva (a parte gli 85 euro che devo pagare ogni anno). Mi dicono, se non ci credi non ti iscrivere. Grazie, non lo farei, ma se non mi iscrivo non posso lavorare come giornalista!!! il che è anche allucinante perché stabilisce una gabbia da cui non si scappa.
Cmq, condivido le critiche agli ordini, condivido il fatto che l'Italia sia un Paese di orticelli, in cui non si ha idea di libero mercato, concorrenza e competenza. Ma rimane il fatto che quando c'è stato il referendum per l'abolizione dell'Ordine dei giornalisti non si è raggiunto il quorum. Altro ergo: agli italiani non gliene frega niente. A dir la verità non ho ancora capito cosa preoccupi i miei compatrioti, oltre il fatto che Lippi non ha convocato Cassano, chiaro.

dragor

RSO, naturalmente i giornali si sono ben guardati dal dare risalto al referendum sull'abolizione dell'Ordine dei giornalisti :-) I miei amici giornalisti mi confermano che in Italia, per fare questa professione, devi passare sotto la forca caudina dell'Ordine. E tu mi confermi che la qualità professionale non costituisce un criterio fondamentale di ammissione

dragor (journal intime)

I commenti per questa nota sono chiusi.