La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Caccia al blogger | Principale | Per favore, non tirate più i sassi »

05/05/09

Commenti

Pim

Torno brevemente sulla vicenda di due anni fa: a parte ancora il tono usato, Marco aveva degli indizi suggestivi e non delle prove. La Stampa reagì in maniera scomposta e poco persuasiva. A mio avviso, la vicenda poteva essere gestita molto meglio da entrambe le parti in causa, senza dover ricorrere alla soppressione dei blog che fu un gesto controproducente.
Per il resto: il mondo dei blogger crea ben più di qualche maldipancia al Potere, da chiunque sia esercitato. Altro che pluralità, libertà d'informazione e tutte quelle belle parole di cui si riempiono la bocca i politici. Siamo un esercito di volti invisibili, di gambe che vanno per direzioni imprevedibili, dita che riproducono parole incontrollabili. Ovvio che suscitiamo una certa apprensione, e la volontà di controllarci appaia evidente. Io ho idea che non sia possibile. Perlomeno lo spero...

irenespagnuolo

Io ho invece una strana sensazione Dragor...che gli italiani non leggano molto i blog, salvo quelli di autori famosi. Non conosco blogger noti che non siano "personaggi", insomma. E questo trovo sia piuttosto inquietante per la cultura e il costume generale...La rete qui è buona più per cercare sex e dintorni che per conoscere le voci di popolo, ahinoi.

Non direi quindi che suscitiamo molta apprensione, come pensa Pim.
Al più certi scatenamenti possono esserci contro Grillo o blogger di quella fama...non certo contro di noi, blogger "comuni".

Torno più tardi con calma.
ciao ciao
Irene

Antonio Cracas

Caro Dragor,

concordo con Irene: non sono i nostri blog a infastidire.
Tuttavia, come già sai, sono dell'idea che la libertà non dev'essere confusa con la licenza d'affermare ciò che si vuole sempre e comunque. D'ingiuriare, di colpevolizzare senza prove e fuori dalle sedi opportune.

Internet non può non tenere conto delle regole della civile convivenza: la libertà di ognuno cessa dove inizia quella altrui.

Ciao.

 dragor

Si' Pim, la vicenda poteva essere gestita molto meglio e mi dispiace che sia stata gestita in quel modo, perché vorrei riavere con noi i blogger che se ne sono andati. Per il resto è vero, siamo un popolo d'imprevedibili Ariel e infestiamo di incubi le notti di qualcuno che ci metterebbe volentieri la cavezza.

dragor (journal intime)

 dragor

E' vero Irene, i blog non sono molto letti e anche quelli di autori famosi sono meno letti dei giornali stampati, vedi il mio :-) Pero' credo che non occorrano molti lettori per influenzare l'opinione pubblica.C'è anche il bocca-orecchio. Voglio dire, comincia a far circolare una notizia sui blog. Forse non molti la leggeranno, ma ne parleranno e la notizia si spargerà a macchia d'olio finendo per creare un movimento d'opinione. Ne ho avuto un esempio con Crimen Sollicitationis, che il mio blog ha rivelato per primo in Italia.
Ciao, a presto

dragor (journal intime)

 dragor

Caro Antonio, forse un blog non infastidisce ma mille si'. Come dico a Irene, una volta pubblicata una notizia non circola solo sui blog ma viene ripresa dalla gente e si spande a macchia d'olio con il bocca-orecchio.
Sono perfettamente d'accordo, la libertà non va confusa con la licenza di affermare ciò che si vuole sempre e comunque. D'ingiuriare, di colpevolizzare senza prove e fuori dalle sedi opportune. Pero' mi sembra che tutto questo rientri nella netiquette, da me indicata in questo post come "l'unico limite che un blogger degno di questo nome si debba porre". Mi sembra che non ce ne dovrebbero essere altri. O forse si'?
Buona giornata, a presto

dragor (journal intime)

giac

ciao dragor
ho letto e non voglio nemmeno io riaprire un dibattito che considero chiuso

ciao!

marianna

Carissimo Dragor, il tuo post,molto interessante, mi ha informato chiaramente su ciò che deve fare e non deve fare un blogger.
Credo di starci dentro senza problemi anche se, a volte, verrebbe voglia di usare altri toni.
Professionalità comunque, secondo me, significa anche sapersi fermare al momento opportuno.
Provo con te rammarico di non avere più tra i nostri compagni di blog Marco, al quale va sempre tutta la mia stima.
A te...buon pranzo e un abbraccio.
Marianna

 dragor

Si' Giac. Ma andava citato per i nuovi blogger che non lo conoscono

Ciao, a presto

dragor (journal intime)

stefano de santis

Se l'Italia è al 40 posto tra i Pesi liberi,e se i blogger sperimentano quotidianamente questa assenza di liberta',vuol dire che di Italie ce ne sono due,ed una è abitata da marziani.Ho conosciuto il comunismo per 15 anni,le telefonate e la posta controllate dala polizia segreta,la stampa asservita alla propaganda di partito,gli attivisti anticomunisti arrestati per avere denunciato la corruzione e gli arbitri della Nomenclatura.Una cura che farebbe bene,ai marziani che credono che questo non sia un paese libero.

stefano de santis

Il TIMES? Gli articoli che vi sono inviati dall'intero territorio Italiano sui suoi blog,in particolare sul BRUSSELS BLOG, vengono cancellati automaticamente da un sistema automatico.Provateci,ad entrare nel Blog di Tony Barber,e scoprirete cos'è l'indecente violazione di diritti fondamentali.Poi scrivetegli a tony.barber@ft.com.fallo anche tu,Dragor,se scrivi dall'Italia.

dragor

Stefano, la classifica non è sulla libertà dei paesi ma sulla libertà di stampa. Si ritiene per esempio anomalo il fatto che il primo ministro sia proprietario di giornali e reti TV. Poi c'è il fatto che gran parte della stampa cosiddetta indipendente è in realtà asservita ai partiti politici.
Sappiamo che l'Italia è un paese libero se confrontato con quelli dell'elenco di CPJ, ma ci battiamo perché lo rimanga. Infatti c'è chi lo vorrebbe un po' meno libero.
Quanto al Times, faro' un controllo.
Ciao, buon pomeriggio

dragor (journal intime)

Amanda

Ciao Dragor, i blog influenzano eccomeeeee... Il primo anno di vita di "Amanda Love, vita in ufficio" era su Kataweb/Repubblica e le cose che ho scritto su come gli imprenditori gestiscono i soldi (aprile/dicembre 2006) hanno fatto tantissimo rumore, tanto che avevo molti detrattori (imprenditori col senso di colpa?) e un paio di persone hanno aperto dei blog intitolati "Io odio Amanda Love". Avevo un tutor di Kweb che controllava che nessun altro facesse casino in internet contro di me, perchè ero già pronta con le denunce.
Ho chiuso il blog su Kweb perchè lavorando "davvero" 10/12 ore in ufficio, non avevo tempo di gestire tutti quei lettori, e sono rimasta a scrivere solo su LaStampa. Dopo di me sono stati aperti molti altri blog che raccontano la vita in ufficio, ma credo che pochi siano stati così dettagliati come lo ero io...

Un altro esempio è il blog aperto OGGI "brinda con papi" (brindaconpapi.blogspot.com) con le foto photoshoppate del brindisi Noemi/Berlusconi, che ha già migliaia di visitatori in poche ore, e vedrete che ne parleranno all'estero.

 dragor

Stefano, su W la Merica c'è un tizio che vuole farti causa...

dragor (journal intime)

 dragor

Grazie Amanda, mi aggiungo subito alle migliaia di visitatori :-)

dragor (journal intime)

Amanda

Dragor, quella di Raffaele è cattivissima, supera tutte le altre (è con Fritz ed il Papa...)

matzudaira

E' ovvio che quando le maggiori reti private e la quasi totalità delle reti pubbliche, più altre decine di quotidiani e settimanali sono al servizio di un individuo e del suo ristretto gruppo di amici, la libertà di informazione viene lesa e la realtà dei fatti manipolata. Se poi colui che detiene tutto questo potere mediatico è anche il primo ministro (o forse proprio questa è la ragione per cui lo è), allora pare ovvio a tutti, tranne agli imbecilli, che in Italia la democrazia è in pericolo.

 dragor

Matzu, forse gli imbecilli preferiscono la dittatura

dragor (journal intime)

 dragor

Amanda, infatti anche il Corriere della Sera ha ripreso qualche foto. Quasi quasi domani ne riprendo una anch'io...

dragor (journal intime)

stefano de santis

Dragor,hai controllato?Per TIMES ho inteso il FINANCIAL TIMES.Se ti colleghi dall'Italia,puoi leggere ma non scrivere.Compare YOU NEED TO BE LOGGED IN senza altre iastruzioni.Non puoi collegarti.Se scrivi dalla Francia,oltre al messaggio compare una serie di istruzioni.C'erano sul blob di chi scrive dall'Italia fino a Marzo,poi sono sparite.Quanto alla querela,in quel post c'è abbastanza per garantire 150 anni di manicomio a chi l'ha scritto.Ho amici avvocati in Forza Italia che sono capaci di spaccare un capello in 2000 pezzi.Ma non li disturbo certo per certe pinzillacchere.

 dragor

Stefano, you need to be logged in è per gli iscritti. Chi non è iscritto deve cliccare su sign up, poco sopra il riquadro, e scrivere tutti i suoi dati scegliendo la formula che più gli conviene. Allora avrà accesso ai servizi passando per log in.

Ciao, buona giornata

dragor (journal intime)

Luigi

Consideratoil monopolio mediatico incivile che regna in Italiettistan,i blog, credo, resistono abbastanza anche ai tentativi che l'incompetente retrogrado di turno prova a mettere in campo. E non faccio nomi per non farmi venire il voltastomaco.
Ma attenzione! La vulgata idiota corrente è cheiblog siano di sinistra o comunisti, fai tu. Quindi considerato che leggi oscurantiste,intolleranti ed infami stanno allegramente approvando in Parlamento a suon di fiducia, c'è da aspettarsi di tutto.
In ogni caso, credo che la netiquette di un blogger debba essere l'educazione, il rispetto e magari la chiarezza del ragionamento che propone. E già ce n'è davanzo.
luigi

matzudaira

Dragor è evidente che gli imbecilli preferiscono la dittatura mediatica.
Sotto video dell'ennesima dimostrazione di quanto il nostro paese sia sceso in basso con questo primo ministro:
http://it.video.yahoo.com/watch/5011193/13330682

stefano de santis

Gli imbecilli preferiscono la dittatura mediatica?E allora Matzudaira si acoomodi,e si legga tranquillamente REPUBBLICA.

I commenti per questa nota sono chiusi.