La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« In Italia i blogger sono liberi? | Principale | Guerra in cucina »

06/05/09

Commenti

Antonio Cracas

Caro Dragor,

fa molto “impegnati” parlare (giustamente) delle fochine uccise in modo ignobile per confezionare beni inutili. O prendersela con la Nike perché fa produrre dei palloni da calcio ai bambini (anziché assemblare armi come fanno altre nazioni), senza mai condannare la Cina che utilizza i bambini per confezionare fuochi d'artificio nelle scuole (ogni tanto ne salta una in aria).
E poi, “chissenefrega” se ogni tanto degli estremisti islamici, che si vantano d'avere il nucleare, e che vorrebbero fare sparire Israele dalla Terra, ammazzano qualche donna per adulterio. Non so se hai notato, l’Italia (per esempio) è tornata bigotta: molti giornalisti e migliaia di blogger si sono scandalizzati per un probabile divorzio tra il nostro Presidente del Consiglio e sua moglie.
Caro amico, condannare certi episodi, come fai tu, non crea consensi elettorali, ma solo rogne. Per qualcuno è molto meglio riempire i talk show con “gossipate” imbecilli che parlare d’argomenti veramente scottanti: costoro
ci tengono alla loro pelle di più di quella di chi potrebbe essere lapidato.

piras

Grazie Dragor, ho guardato il video ed è veramente tremendo..

Fino

Dragor,ma L'Iran è un paese civile? Ho molti dubbi.
Buona serata
Fino

Eliane Micheluzzi

C'est révoltant cela me donne envie de vomir et surtout de pleurer, quel pays et cela soi disant au nom de l'Islam, on se sent impuissant et desarmé devant tant d'obscurantisme et de cruauté.
Bonsoir Dragor

Synthetick King

ma l'essere umano è "umano" (ovvero dotati di doti umane)?

questo è il dubbio atavico...

 dragor

Si' Antonio, c'è una lobby per la quale il male è provocato solo dalla civiltà occidentale e per la quale qualunque orrore appartenente a un'altra cultura viene considerato in una dimensione relativa. Per questo insisto perché si usi lo stesso metro di giudizio con tutti. I diritti umani sono universali, non relativi. Dalla Cina, dall'Iran, dal Sudan e da altri paesi arrivano orrori che gridano vendetta,orrori istituzionali, codificati e considerati virtù ma le reazioni da noi sono sporadiche e frazionate, certamente non paragonabili a quelle di massa provocate dalle intemperanze degli USA e di Israele. Le lapidazioni non sono "errori" e "danni collaterali" ma volute da Dio e benedette dallo Stato. Questo dovrebbe far riflettere chi brucia le bandiere d'Israele ma non ne ha mai bruciato una iraniana.

Ciao, a presto

dragor (journal intime)

 dragor

Piras, a chi lo dici. Io me lo sogno di notte. Ecco perché, quando ho saputo della nuova lapidazione, ho provato il bisogno di scrivere questo post. Trovo scandalosa la passività con la suale lza comunità internazionale assiste a questi orrori senza alzare un dito

dragor (journal intime)

Osman

Non solo sassi ma parliamo dei 100 colpi di frusta per il reato di fornicazione fuori dal matrimonio.I Mollah non immagino mai che il frustato potrebbe anche essere un praticante BDSM.La punizione per lui sarebbe un bonus godimento!Gratis.

 dragor

Ciao Fino, che piacere risentirti. La civiltà iraniana è antichissima. Questo dimostra come la religione possa rendere incivile un paese civile. Per l'Europa è stato lo stesso, almeno finché la religione non è stata privata del potere temporale. Purtroppo nei paesi islamici questo deve ancora accadere, cosa che conferma l'equazione + religione = + inciviltà.

dragor (journal intime)

 dragor

Bonsoir Eliane, je suis heureux de vous revoir dans mon salon virtuel :-) Hélas le sujet d'aujourd'hui n'est pas de plus marrants, j'aurais bien préféré vous accueillir avec une histoire plus drôle. Malheureusement cette horreur n'est pas "soi disant" au nom de l'islam mais le vrai visage de l'islam, ce qu'il affiche quand il a le pouvoir, le verbe de Muhammad comme il est écrit dans le Coran. Ne vous y méprenez pas, l'islam de l'Arabe du coin n'est que sa version soft par force majeure.

Bonne soirée

dragor (journal intime)

 dragor

Si' Osman, ma c'è un limite anche al sado-maso. Quelle frustate lasciano cicatrici indelebili. E poi non le dà una tizia con stivali neri, mutande di cuoio e cappello da ufficiale nazista :-)

dragor (journal intime)


 dragor

Synthetic King, dipende dal significato che diamo alla parola "umano". Secondo Bernard Shaw, le sole cose contro natura esistenti nel mondo animale sono state create dall'uomo: Dio e il pigiama. La lapidazione è una conseguenza di Dio.

dragor (journal intime.

Marcello Teofilatto

>Non capisco niente di hadith e surah.
Sì, si era capito.
>Questo dimostra come la religione possa rendere incivile un paese civile. Per l'Europa è stato lo stesso, almeno finché la religione non è stata privata del potere temporale.
Quindi per te la Shoah (compiuta quando la religione era già stata privata del potere temporale) è un atto di civiltà. Complimenti. Neanche il tuo amato Ahmadinejad sarebbe arrivato a tanto. Saluti. E studia, che non fa mai male. Ti consiglio "L'anti-islamismo spiegato agli italiani" di Sadi Marhaba e Karima Salama (edizioni Erickson).

pier luigi

Scusa la mia ignoranza ma io mi dovrei integrarmi con tutti le etnie che piombano in italia??davvero vivo un momento particolare credo nei diritti delle donne e vedo i miei ex compagni che non dicono nulla sulle donne islamiche e di come sono ridotte intellettivamente dopo secoli di sharia....non ci voglio aver niente a che fare con loro mi fanno senso,non li voglio vedere l'invasione è appena iniziata e io non la sopporto, non sopporto vedere sta gente farla da padrone a casa mia e i pirla muti.. si bravi fategli le moschee a sti merdoni lapidatori....tornero' a vivere in brazil dove certe cazzate dei veli e burka vari non esistono e se non righi dritto duri 20 o 25 sec. meglio le falelas delle nostre periferie con moschee.saluti

marianna

Carissimo Dragor, scusa l'ora ma prima non ce l'ho fatta!
Ho visto il filmato.Qualcosa del genere lo avevi già proposto in precedenza.
Questo di oggi mi sembra chiarissimo tanto che non sono riuscita ad arrivare fino in fondo.
Istintivamente si prova subito odio verso uomini capaci di comportarsi in tal modo.E farlo poi con estrema disnvoltura.Come fosse la cosa più normale del mondo.
Mi chiedo :coloro che sono favorevoli all'integrazione hanno mai visto o assistito di persona ad esperienze del genere?
Chi si dice favorevole alla costruzione delle moschee in Europa si rende conto della miccia, che accende in casa propria?
Sicuramente esiste un Islam moderato(vedi il sufismo) ma non basta per accettare tutto il pacchetto a scatola chiusa.
L'unica cosa da fare, e lo abbiamo detto mille volte, è che chi viene in casa nostra(Europa) accetti le nostre regole di Stati laici e mai confessionali, le nostre leggi e le nostre consuetudini culturali.
Quanto alle pratiche religiose tenga ben presente che esistono delle limitazioni e le metta in conto.
Del resto per noi occidentali nei Paesi musulmani è la stessa cosa.
Se tutto ciò non piace, allora resti allora a casa propria.
Anche se l'ospitalità è sacra, l'ospite resta sempre ospite.Deve sapere fin dove può o non può arrivare.
L'integrazione è lui che deve tentare di praticarla così come l'inculturazione.
Non viceversa.Nei loro Paesi toccherebbe a noi lo sforzo.
Ciò non vuol dire da parte nostra il non volere o sapere accogliere.
Accoglienza è una cosa, calarsi le brache, correndo grossi e inevitabili rischi, è un'altra cosa.
Buona notte!
Un abbraccio,Marianna.

pier

Sono immagini orrende, e' la prima volta che ne vedo e sono senza parole.

Da cattolico praticante mi riesce difficile condividere l'equazione + religione = + incivilta', per il difetto che ho di considerare sacra l'indipendenza decisionale umana da Dio stesso (principio del libero arbitrio), e che quindi l'incivilta' e l'odio nascano degli uomini, non da Dio. Anche Hitler diceva di agire in nome di Dio, ma sappiamo bene che era solo una scusa 'mediatica' di propaganda, un'alterazione; i sessantottini dicevano che Gesu' era il primo comunista, e via dicendo. La Chiesa del Medio Evo era molto peggio di oggi eppure la Bibbia e' la stessa.

Mi permetto di aggiungere quindi che anche sull'equazione - religione = - incivilta' ho dei dubbi. Ogni azione, pensiero, credo, religioso o laico che sia, portata all'eccesso e' male. Anche la religione che professo se portata agli estremi (per esempio letterali, contraddicendo quindi l'Universalita' e l'adattabilita' anche temporale della Bibbia) farebbe del male. Agli uomini e a Dio.

Mi domando solo se in paesi come l'Iran la religione sia solo una scusa per tenere il popolo a livelli culturali medievali. Vedi la Russia. Metterei anche l'Italia, devo dire, perche' riconosco che esiste una sorta di sudditanza forzata mista a folklore tradizionale, piuttosto che una convivenza mutuale ma indipendente.
Grazie per il filmato.

 dragor

Marcello Teofilatto, non ho detto che tutti i crimini vengono commessi in nome delle religioni, ma che in nome delle religioni si commettono crimini. In ogni caso i nazisti dicevano Gott mit Uns, segno che per loro Dio legittimava anche il genocidio. E non c'è da stupirsi. Un Dio che per punire qualche peccatore ti distrugge tutta l'umanità con un diluvio puo' fare proseliti. Quanto ad Ahmadinejad, se leggesse questo post gli verrebbe un colpo e sarebbe un bene per tutti. Cerchero' di procurarmi "L'antislamismo spiegato agli italiani", ma il video inserito nel post non ti sembra una spiegazione eloquente?

dragor (journal intime)

 dragor

Pier Luigi, l'islam va fermato in Europa altrimenti arriverà aznche in Brasile. Ha una vocazione particorlarmente espansionista. Vaz combattuto come ideologia, perché sarà inutile combattere il terrorismo, la discriminazione, il razzismo e la violenza dell'islam finché si lasceranno circolare i suoi testi e si permetterà l'insegnamento nelle sue scuole. E non dimentichiamo che i suoi poraticanti sono le prime vittime

dragor (journal intime)

 dragor

Marianna, io non provo odio per i lapidatori. Sono vittime di un'ideologia insana, come gli Hutu genocidari. Credono di fare bene perché gli hanno insegnato cosi'. Chi sono loro per opporsi a Dio? E' l'ideologia che va combattuta, non chi la pratica. L'islam è un'immensa menzogna che va smascherata, altrimenti continuerà a fare proseliti e saremo sempre al punto di partenza. Tornero' su questo argomento per mostrare come viene considerata la lapidazione dai rappresentanti del cosiddetto islam moderato. Secondo le statistiche, il 30 per cento dei musulmani in Francia e il 60 nel Regno Unito è favorevole alla lapidazione. Ecco perché dobbiamo combattere questa ideologia con tutte le nostre forze e fare in modo che da noi non abbia mai il potere temporale.
In ogni caso, come è stato più volte rilevato in Franc ia, l'integrazione e l'inculturazione passano attraverso una rinuncia almeno parziale all'islam. Un musulmano praticante non s'integrerà mai perché il suo modello è in rotta di collisione con il nostro. In Inghilterra è permesso che si creassero isole musulmane autogestite e si è visto il risultato: quartieri integralisti dove si predica l'avversione per il paese ospitante e la civiltà occidentale in genere. Lo stesso è accaduto nei Paesi Bassi.
Un abbraccio, good night

dragor (journal intime)

 dragor

Pier, laicismo significa ragione ed equidistanza, quindi distanza dalle ideologie estremiste e fanatiche di qualsiasi natura. Ma se ai bambini s'insegna che un Dio buono e amorevole ha distrutto l'umanità con il diluvio solamente per punire qualche peccatore, da grandi potrebbero essere tentati di fare altrettanto. Gli entra nel DNA. Ecco la radice della violenza.

Buona notte

dragor (journal intioe)

marianna

Dragor caro, continua pure a parlare del tema, specie in relazione all'Islam moderato.
Lo chiedo perchè quest'ultimo potrebbe essere un falso pretesto per dire che noi ci sbagliamo e che non è tutto nero come sembra.
Proprio l'esperienza inglese, che i più dovrebbero conoscere, non può lasciarci indifferente e non farci pensare che stiamo maneggiando "esplosivo" ad alto potenziale.
Buona giornata! Un abbraccio.
Marianna

gobettiano

Non c'è dubbio che è la religione islamica ancora oggi un flagello della civiltà umana. In un certo modo il cattolicesimo è cambiato, si è evoluto e comunque le società si sono abbastanza emancipate. Nei paesi islamici no. Ed è questo il fronte su cui occorre lavorare.
luigi

stefano de santis

Dragor,nel libro che ho gia' citato(GLI ULTIMI GIORNI DELL'EUROPA) Walter Lacqueur sostiene che l'islam in Francia(ed in genere in Europa) non è un problema.La guerra la stiamo vincendo perchè gli Islamici di seconda e terza generazione hanno ereditato dalla religione dei loro padri l'odio per l'Occidente,ma hanno ereditato dall'Occidente l'amore per la vita sregolata,l'alcol,la droga,il teppismo.Pertanto gli islamici radicali e pericolosi sono pochi,tra i giovani,poichè l'adesione alla religione di Maometto richiede la pratica della virtu',non quella del rock e della droga.E fare la guerra ai teppisti non è poi cosi' difficile.Basta averne voglia e non farsi ricattare dalla Gauche,che li considera vittime della societa' borghese.

Tesea

Siamo proprio sicuri che prima dell'avvento del Cristianesimo il mondo antico fosse del tutto civile? E i combattimenti all'ultimo sangue al Colosseo erano indice di civiltà? E la carneficina delle centinaia di migliaia di povere belve trafugate dall'Africa per il divertimento dell'Urbe lo era?
Tesea

 dragor

Cara Marianna, il problema è che le minoranze estremiste tendono a prevalere sulla massa pacifica, dato che manca una guida centrale. Accade anche in Italia, dove i Fratelli Musulmani sono già considerati dal governo gli interlocutori ufficiali della comunità islamica
______________________________________________________

Luigi, il cattolicesimo è cambiato perché la società laica lo ha rimensionato con una rivoluzione che ha fatto uscire l'Europa dal medioevo. Ai paesi islamici manca una rivoluzione di questo tipo. Da sola la chiesa non avrebbe mai rinunciato al potere temporale con le conseguenti vessazioni e non lo farà nemmeno l'islam
______________________________________________________

Stefano, non condivido l'analisi di Lacqueur. La maggioranza dei musulmani non non odia affatto l'occidente e vuole soltanto vivere in pace. Ma c'è una minoranza fanatica che riesce a imporsi. Siccome manca una guida centrale, è lei a imporre gli imam che fanno prediche antioccidentali e impongono una versione rigida dell'islam con tutte le conseguenze del caso.

E la Gauche non ha torto, considerando gli immigrati arabi vittime della società borghese. Se in Francia ti chiami Mohamed, non hai le stesse possibilità di Louis. Faticherai a trovare lavoro, non potrai pagarti un affitto di mercato, ti troverai ghettizzato in un quartiere HLM dove diventerai facile preda degli estremisti e potrai precipitare nella delinquenza. Conosco arabi che hanno fatto il passing assumendo nomi cristiani nella speranza d'integrarsi meglio.
___________________________________________________

Tesea, a parte le inciviltà che citi (ma rapportiamoci all'epoca), a quei tempi la lapidazione era in uso presso gli ebrei. Da allora la società occidentale, ebrei compresi, ha fatto qualche progresso sul piano dei diritti civili. Ma qualcun altro è rimasto a quello stadio. Devi ammettere che una persona lapidata nel 2009 fa una certa impressione
____________________________________________________

Grazie a tutti per i vostri commenti e per avere animato questo dibattito,buon pomeriggio, a presto

dragor (journal intime)




gian49

Si', ma anche i bambini uccisi a centinaia dagli israeliani a Gaza qualche mese fa suscitano sentimenti forti, almeno tra le persone normali, non credo tra i sionisti...

Marcello Teofilatto

Caro Dragor,
Grazie per la risposta e scusa per il ritardo. Ma debbo citarti nuovamente:
>Per l'Europa è stato lo stesso, almeno finché la religione non è stata privata del potere temporale.
Questo vuol dire che, per te, la laicizzazione della società dovrebbe portare a una minore violenza. Due guerre mondiali sono lì a smentirti. Non basta certo appigliarsi alle scritte sui cinturoni per definirle guerre di religione. Allora forse il problema non è la violenza causata dalla religione, ma la violenza tout court.
>Se ai bambini s'insegna che un Dio buono e amorevole ha distrutto l'umanità con il diluvio solamente per punire qualche peccatore, da grandi potrebbero essere tentati di fare altrettanto.
Certo, se si sostituiscono a Dio. Come fanno certi laicisti.

I commenti per questa nota sono chiusi.