La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Iran, l'ultima speranza | Principale | Quei pazzi fra noi »

29/06/09

Commenti

Alex

Fai una vacanza in camargue ?
E vero ! I borgognoni erano salati durante la guerra dei cento anni ! Dappertutto, Non solo ad Aigues Mortes. Tuttavia, mi sembra una coincidenza con la filastrocca. A mio parere la filastrocca si riferisce ad Alexis Piron.
http://fr.wikipedia.org/wiki/Alexis_Piron
Bonne journée, Alex

homing pigeon

Ecco un altro dei racconti "alla Dragor".

Un misto di dolcezza, memorie, storia e mistero. Porto con l'abilità lessicale che pochi italiani avrebbero.

Bravo. E' sempre un piacere leggerti.

Ciao, a presto,
HP

homing pigeon

Sono sicuro che tu abbia capito ciò che intendevo, ma per chi leggesse e non conoscesse Dragor, la domanda è: ma davvero davvero sei francese? A leggerti, vien da pensare che tu non possa essere che italiano.

Di nuovo, ciao!
HP

Tesea

Penso che Madame Fournier abbia voluto edulcorare la storia del Borgognone adattandola anche alla sensibilità infantile di Minou.
Un tratto di delicatezza...
Tesea

marianna

Splendido racconto come solo tu, caro Dragor, sai realizzare.
Catturi il lettore tanto che io andrò di sicuro ad approfondire questa storia, che non conoscevo nei suoi particolari.
La guerra dei "Cent'anni" sì, ahimé, quale tormentone storico....
Grazie, allora, per questo stimolante richiamo.
Buona notte...Io sognerò la "torre".
Marianna

banjoman

Leggere i post di Dragor non e' mai tempo perso, e ancora una volta ne ho la conferma.

Continua cosi' che vai bene. Ti leggo sempre, anche se non scrivo piu' come una volta ma si sa, c'e' un tempo per tutte le cose... ora sono in un periodo che preferisco leggere e ascoltare in silenzio.

Un saluto da Max Banjoman

dragor

Caro Alex, la vacanza in Camargue risale al 2003 e non la dimentichero' mai. Sono caduto da cavallo e mi sono rotto un braccio. Non riesco a capire quale sia il rapporto fra la filastrocca e Alexis Piron, potresti illuminarmi?
______________________________________________________

Ciao HP. Devi avere un grande successo con le donne. Questo è il più bel complimento che abbia mai ricevuto! :-)))
_____________________________________________________

Cara Marianna, grazie dell'apprezzamento. Quella torre me la sogno anch'io, ma c'è una cosa che mi sembra di risentire anche di giorno: l'odore di acciughe. Da allora non sono più riuscito a mangiarne una.
______________________________________________________

Tesea, è possibile. Anch'io ho considerato questa ipotesi. Avrei potuto metterla in chiusura del racconto, avrebbe dato un tocco poetico. Ma ormai ero lanciato sul "noir"...
______________________________________________________

Grazie Max. E' un peccato che tu non possa scrivere più spesso. Quando ti sentirai, potresti pubblicare la storia di cui mi hai parlato, potrebbe essere molto istruttiva per tutti gli amici dei gatti. Ci penso continuamente.
______________________________________________________

Grazie a tutti per la vostra visita e i commenti. Buona giornata, a presto

dragor (journal intime)

gobettiano

Visti da sopra o da sotto. I versi della filastrocca sono emblematici nelle due diverse, opposte versioni.
Bella penna!
luigi

Alex

Volontiers. Je ne remets pa en cause ce superbe récit et l'explication des vers (je me méfie quand tu commences par : "caro Alex...). C'est seulement que les vers m'ont fait penser à Piron. Piron fut plus populaire que Voltaire en son temps. On l'appelait le bourguignon salé à cause de ses chansons et de ses pièces licencieuses et aussi pour sa capacité à lever le coude !
En lisant les vers, j'ai pensé qu'ils étaient légèrement obsènes et qu'ils parlaient du poète (l'équivalent grivois du : " je suis tombé par terre..). Le fait que le français soit très moderne me fait penser qu'ils ne sont pas très anciens.

Testament "salé" de Piron le bourguignon :
Je veux qu’après ma mort cent putains toutes nues
Soient, dessus mon tombeau, cent fois par jour foutues,
Et que les cordeliers, en chantant leurs offices,
Aient tous les vits bandants dans le cul des novices,
Et que les jacobines en prêchant leurs sermons,
En exhortant les vits, prêchent contre les cons ;
Et que sans consulter tant de législateurs,
On partage mon bien aux plus fameux fouteurs ;
Et qu’on donne mes os à mes apothicaires
Pour servir de canule à donner des clystères ;
Afin qu’après ma mort, ainsi que j’ai vécu,
Je sois encore utile au service du cul.
Alex

Alberto

Bellissimo racconto, complimenti

 dragor

Grazie per avermi letto, caro Luigi. E' vero, non avevo considerato questo particolare
_____________________________________________________

Alex, tu peux bien me faire confiance :-) La comptine aurait-elle un coté grivois? C'est possible, de salé on passe vite aux saloperies. Merci du testament de Piron, un grand classique du genre

dragor (journal intime)
_____________________________________________________________________

Grazie, Alberto. Sono contento che ti sia piaciuto
___________________________________________________________________________________

Grazie a tutti per la vostra visita e i vostri commenti, a presto

dragor (journal intime)

I commenti per questa nota sono chiusi.