La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Il mistero del borgognone salato | Principale | Le donne sono meno intelligenti degli uomini? »

30/06/09

Commenti

Pim

Sorrido, perché la tua interpretazione della Bibbia sarebbe la gioia di ogni rabbino ultraortodosso di Me'a She'arim... :-)
Come afferma il cardinal Martini (ah, averlo avuto come Papa...), il racconto va letto sul piano simbolico perché così si esprimevano la cultura ebraica e dei popoli del medio oriente. E poi, lo sappiamo, Jahvè (o come diamine si scrive) è un dio incazzoso e vendicativo (sul piano psicoanalitico ci sarebbero da dire molte cose al riguardo).
Martini specifica quindi che il termine primogenito non fa comunque riferimento all'età: idem dicasi per la strage degli innocenti - che, con buona pace di tutti quanti, probabilmente non è mai accaduta. La sua divagazione spiega anche come i testi dell'antico e del nuovo testamento siano stati tradotti in maniera spesso imprecisa e lacunosa (è il caso del Padre Nostro, in cui non si parla di "indurre in tentazione" bensì di "preservare dalle tentazioni", concetto ben diverso).

Bonne journée, Dragor.
Pim

dragor

Pim, tutti conosciamo i salti mortali dei teologi per rendere presentabili testi che non lo sono, dando la colpa all'epoca, alle traduzioni e agli ebrei che non sono riusciti a concepire un dio più umano. Tutto questo è semplicemente ridicolo. Il testo è là, i morti sono morti, il genocidio è un genocidio. E questi genocidi biblici, metabolizzati dai cristiani (nel caso del post si tratta d'indottrinare un bambino) e dagli ebrei sono alla base di altri massacri. La realtà è questa. Non farti prendere anche tu da questo gioco perverso. Quel "probabilmente" di Martini, ovvero la differenza fra un genocidio reale e uno immaginario, è un capolavoro di cinismo. I cristiani credono in uno spirito che (forse) non ha fatto un genocidio. E il Diluvio Universale, allora? Considerati i precedenti, cosa vuoi che sia un piccolo genocidio di primogeniti?

Buona giornata, a presto

dragor (journal intime)

matzudaira

"L'interpretazione della bibbia" è mutata al mutare dei secoli, in un percorso che ha visto il clero procedere come un equilibrista su di una fune troppo lunga e la massa dei credenti/creduloni sperare che quest'ultima non si spezzasse.

Man mano che la scienza si evolve e consente di "smascherare" (se mai ce ne fosse stato bisogno), i falsi e le contraddizioni contenute nella bibbia, i credenti modificano l'interpretazione che ne danno, passando da quella letterale ad una metaforica. Salti mortali inutili ed estremamente pericolosi che rallentano l'evoluzione dell'umanità.

Alla base di tutto c'è un'insana follia volta all'autodistruzione come si può ben dedurre dalla frase emblematica di Kurte Wise, noto geologo cristiano americano: "se tutte le prove dell'universo andassero contro il creazionismo (fin'ora tutte vanno contro!!!), sarei il primo ad ammetterlo, ma sarei rimasto creazionista perchè è quello che la parola di Dio sembra indicare. E qui devo collocarmi".

Alberto

caro Dragor,se è vero che le religioni sono invenzioni dell'uomo, allora la Bibbia (almeno l'antico testamento) è frutto della mente del tuo popolo, che lo segue alla lettera ancora adesso.

"Occhio per occhio e tutto il mondo diventerà cieco!"

Mahatma Gandhi

Account Deleted

I salti mortali per far coincidere le scritture, che dicono alcune cose, e l'attuale dottrina della Chiesa, che ne dice altre, sono evidenti.
Non solo nelle parole del cardinale (il quale, tra l'altro, parla di piano simbolico, e ci sta), ma in generale nelle parole di tutti i sacerdoti.
Il problema è quando ci credi, alle bugie che dici. Lì diventi pericoloso.

 dragor

Matzu, quando s'interpreta un testo sacro a piacere, in realtà si fa una scelta indipendente, usando il testo come copertura: questo è ateismo mascherato. Ecco perché la religione è una scuola d'ipocrisia. Come ipocrisia, io trovo agghiacciante ed emblematico quel "probabilmente" di Martini per assolvere il suo dio da un genocidio e renderlo più presentabile. Come dire: anche se lo ha fatto, non è poi tanto grave. A parte il fatto che sono profondamente immorali, questi sono discorsi da pazzi furiosi. E' un'indecenza che vengano pubblicati su un quotidiano a tiratura nazionale in modo non soltanto acritico ma apologetico

dragor (journal intime)



 dragor

Alberto, infatti nella replica a Pim riconosco il "merito" del mio popolo. Comunque non è esatto dire che tutti gli ebrei seguono la Torah alla lettera. Molti sono liberi pensatori, me compreso

dragor (journal intime)

 dragor

Stefano, le religioni sono costruite per dire tutto e il contrario di tutto in modo da avere sempre ragione (e sempre torto). La somma dà zero, ma dopo milioni di morti e secoli di ritardo nell'evoluzione della civiltà.

dragor (journal intime)

Alberto

Forse, per evitare guerre di religione, almeno su questo forum, sarebbe bene che ognuno criticasse le religioni sue…

Non mi sembra molto corretto attaccare i cristiani usando come pretesto un massacro compiuto da altri popoli. Il passo della Bibbia a cui ti riferisci contiene un fondo di verità storica. Gli Hixos, antenati degli ebrei, conquistarono l’Egitto alla fine dell’Antico Regno. Cinquecento anni dopo furono a loro volta conquistati e ridotti in schiavitù dagli egiziani. Poi riuscirono ad affrancarsi, ma non senza combattere. Secondo le più recenti teorie storiografiche, il passaggio del mar rosso altro non è che un errore di traduzione. In realtà si trattava del “mare di canne”, ossia una palude. Proprio lì gli ebrei tesero un’imboscata alle truppe mandate dal faraone Ramses II e nella battaglia morì proprio il primogenito del faraone, che era alla testa delle truppe.

Quindi la Bibbia in fondo diceva la verità, quando parlava del massacro dei primogeniti. La verità era un po’ nascosta, ma per chi sa leggere fra le righe… E, per la cronaca, ha ragione anche il cardinale Martini a sostenere che non si trattava di bambini.

matzudaira

Due giorni fa il Vaticano ha reso noto di avere recuperato i resti ossei di San Paolo in una tomba all'interno dell'omonima basilica. Ovviamente, non vi sono prove scientifiche che si tratti delle ossa dell'apostolo Paolo, ma anche se ve ne fossero non sarebbero altro che resti di un essere umano come altri. Il punto è che la Chiesa, che si è servita della scienza per poter recuperare le suddette ossa e datarle con la tecnica del carbonio 14, ha gridato al miracolo pretendendo il riconoscimento della veridicità del credo cristiano da parte del mondo scientifico.

E' incredibile come i credenti, in particolar modo gli estremisti, diano grande risalto e si inorgogliscano quando l'azione della stessa scienza, che altrimenti combattono agguerriti ad ogni piè sospinto, confuti una parte infinetesimale delle loro sciocche superstizioni dell'età del bronzo.
Si legga a tal proposito l'ennesima perla del quotidiano facho Il Giornale dal titolo emblematico "Quando la Scienza racconta le verità di 2000 anni di fede": "http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=362439".

Tesea

Io mi chiedo come Dio possa permettere la strage di tanti anima-li innocenti. A ominciare dagli agnelli.
Teseac

Amanda

Beata ignoranza!!
(è un modo di dire, che si usa quando si pensa che la mancata conoscenza di certi argomenti a volte è meglio :)))

Alberto

Ciao Matsu, grazie per aver portato a questo dibattito il tema di cui hai parlato. La notizia infatti è molto ghiotta…

Il Papa stesso, con il suo inconfondibile accento “germanico”, ha detto che si tratta di un individuo vissuto fra il I° e il II° secolo dopo Cristo. Se si trattasse davvero di S. Paolo, questo spiegherebbe molte cose… S.Paolo, infatti, dovrebbe essere contemporaneo di Gesù. Invece sembra essere vissuto almeno un secolo dopo. Sorpresi?

Io no. Da tempo si sapeva (sono in molti a dirlo) che Saulo di Tarso (in arte S.Paolo) sia il vero fondatore del cristianesimo. Il fatto che sia vissuto 100 anni dopo Cristo rende la cosa assai più credibile, visto che il cristianesimo non è altro che un’invenzione letteraria.

Come Robert Luis Stevenson ha scritto il suo famoso romanzo “Dr. Jekill e Mr. Hide” ispirandosi ad un personaggio realmente esistito un secolo prima, così Saulo di Tarso ha creato questa religione basandosi sulla storia di Gesù, un profeta morto sulla croce per aver tentato una ribellione contro i farisei, per mitizzare la sua figura e farne un dio.

Nei primi vangeli, infatti, Gesù è un uomo, ha fratelli e sorelle. Solo col tempo diventa un dio (figlio unico, generato da una vergine, morto e risorto dopo 3 giorni). S.Paolo era un uomo di cultura, conosceva certo molte religioni. Come quella di Mitra, per esempio. Curiosamente anche in questo caso il protagonista nasce da una vergine, muore e risorge dopo 3 giorni. E non è l’unica religione che presenti queste “coincidenze”.

Con il concilio di Nicea, Costantino spazza via tutti i vangeli in cui si parla di Gesù come un essere umano e lascia solo quelli che conosciamo oggi, che lo rendono un Dio.

Una bella storia, no? Peccato che nessuno ci farà mai un film…


 dragor

Alberto, io non attacco i cristiani tirando in ballo massacri compiuti da altri popoli. Il massacro m'interessa relativamente. M'interessa soprattutto come viene percepito dai cristiani, visto che considerano quei testi alla base della loro religione. Cosi' secondo Martini abbiamo un dio che "probabilmente" non ha fatto un genocidio (come dire che, anche se lo avesse fatto, non sarebbe poi tanto grave, tanto più che ha ammazzato anche adulti e non solo bambini). Ecco la morale che scaturisce dalla sua percezione.

dragor (journal intime)

 dragor

Matzu, i cristiani si fanno la scienza come Berlusconi si fa le leggi: ad hoc. Quando il carbonio 14 ha dimostrato che la Sindone risaliva al 13° secolo, hanno detto che quell'analisi non era valida. Poi hanno pagato un sedicente scienziato russo per provare che la Sindone risaliva all'epoca di Gesù e di colpo il carbonio 14 è diventato validissimo.

drgaor (journal intime)

 dragor

Tesea, non soltanto lo permette ma lo esige. E dopo avere creato questo mostro, i teologi c'informano che è buono. Ecco perché non si rispettano gli animali.

dragor (journal intime)

 dragor

Amanda, forse è per questo che nella chiesa ci sono tanti beati

dragor (journal intime)

 dragor

Alberto, probabilmente non era accusato soltanto di ribellione ma anche di omosessualità. L'ambiguità sarebbe evidente anche oggi, figuriamoci in un luogo e in un'epoca dove era punibile con la morte. Ecco perché, da buon governatore rispettoso delle tradizioni locali, Pilato si è rimesso al giudizio degli ebrei.

dragor (journal intime)

castalia

Dragon, siamo in Vaticalia, è normale che un giornale a tiratura nazionale dia spazio all'indottrinamento delle genti! Cosa ti aspettavi?
Non vedo l'ora che arrivi il giorno in cui gli uomini non sentiranno più il bisogno di credere a un dio, fa lo stesso quale.
Se non ci fossero state le religioni ci si sarebbe risparmiati un sacco di guerre e di morti.
Ma prima o poi sono sicura che l'uomo riuscirà a liberarsi di queste superstizioni, spesso mi chiedo come possa la gente crederci, quale vuoto devono riempire?
Comunque appena ho un po' di tempo la bibbia me la leggo eh, deve essere uno spasso, mille volte meglio di stephen king! :))))))

castalia

DragoR, scusa, mi è scappata una N nel commento precedente!!!

I commenti per questa nota sono chiusi.