La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Una storia d'amore? | Principale | Siamo tutti interisti »

30/08/09

Commenti

matzudaira

I nemici dei miei nemici sono miei amici, direbbe qualcuno.
Io credo invece che nel caso Il Giornale vs Avvenire (alias Berlusconi vs parte dei lettori cattolici di un giornale del Vaticano infastiditi dai comportamenti libertini di un anziano premier convinto che le mignotte vadano a letto con lui perchè affascinante), si dovrebbe essere equidistanti ed imparziali e semmai aprofittare delle debolezze dei due contendenti per aprire gli occhi a quella mezza Italia, che non si è ancora resa conto di chi ci governa e di chi sono i signori al di là del Tevere.
Quindi ben vengano le controquerele e il lancio di fango sull'avversario, tutto ciò per quanto incredibile in un paese civile, in Italia può giovare alla democrazia.

Alberto

Dragor, ti ho mandato una mail

Alberto

Caro Dragor, non capisco questo tuo mettere continuamente in relazione omosessualità e pedofilia. I pedofili non sono necessariamente omosessuali, e ovviamente gli omosessuali non sono tutti pedofili. O no?

dragor

Si' Matzu, prendiamola come una catarsi dalla quale forse uscirà un'Italia migliore.
_____________________________________________________

Alberto, non c'è nessuna relazione. Boffo è gay, i preti sono pedofili. Ma quello che lo rende il degno direttore di un fogliaccio ipocrita come l'Avvenire è il fatto di essere un delinquente e un bugiardo. L'omosessualità è una questione privata, la delinquenza e la menzogna sono vizi pubblici. E anche la pedofilia, visto che è proibita dalla legge.
______________________________________________________

Ciao a tutti, buon lunedi', a presto

dragor (journal intime)

gobettiano

L'informmativa presunta pubblicata dal feltri era una bufala. La sentenza c'è. Ma con questo sistema, se un pentito di mafia, un assassino fa scoprire altre vicende criminali che a loro volta vengono verificate, si potrà ben dire che quel pentito è un assassino ma questo non rende falso ciò che ha detto.
luigi

I commenti per questa nota sono chiusi.