La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Gli aeroplanini di Gheddafi | Principale | Fini e il "dono" della fede »

26/08/09

Commenti

marianna

No, caro Dragor! Sesana non è quello che dipingi tu..
Io non c'ero ma non credo ad una parola di quelle accuse infamanti che gli sono state mosse.
Il discorso è altro...
Torno più tardi.
So che sei mangiapreti ma in questo caso mi dispiace molto che tu parli così.
Buona giornata!
A dopo.
Marianna

dragor

Cara Marianna,io non dipingo niente. Ho solamente riportato i fatti (con il beneficio del dubbio, come puoi vedere). E ci sono tutti i link. Per provare l'innocenza di Sesana, non ti sembra che bisognerebbe dare una risposta a qualche domanda?
A presto, buon mattino

dragor (journal intime)

matzudaira

Stento a credere al dissenso di Marianna nei confronti di un post di Dragor.

matzudaira

Se è la polizia kenyota che scagiona completamente il prete allora è sicuro che sia colpevole. Chi ha avuto modo di visitare quel paese (come gran parte dell'Africa), si è reso conto del grave livello di corruzione dilagante in ogni istituzione pubblica, in primis tra le forze della polizia e l'esercito.
Quando si atterra a Nairobi e si consegna il passaporto per il controllo, di norma si inserisce al suo interno una banconota da 20 dollari. Questo evita controlli estenuanti, ritardi, perdita dei documenti e via dicendo. E' una regola non scritta che chi non rispetta subisce le sopracitate conseguenze. Non finisce qui ovviamente. Qualsiasi procedura doganale, o di importazione/esportazione, di immigrazione, lavorativa, anche la sola richiesta di un allacciamento di luce o gas richiede la mazzetta.
Tu vuoi comprare un terreno frontemare non edificabile per costruirci 8 villette da affittare ai turisti? Beh se paghi 10.000 euro (stipendio medio 100 euro mensili), all'ufficio del ministero preposto ottieni nel giro di due giorni tutti i permessi necessari.
Hai un contanier che arriva dall'Italia con all'interno delle macchine per la lavorazione dei latticini non dichiarate? Nessun problema, 500 euro al capo dogana ed il container non vinene nemmeno guardato da lontano.

Detto questo, figuariamoci se un prete pedofilo supportato nientepopodimenochè dal Vaticano non riesce a corrompere quattro poliziotti e fargli dichiarare che "L’implicazione del prete in questo tipo di azioni non è nemmeno lontanamente provata".

dragor

Matzu, il fatto che la polizia keniota scagioni Sesana non è indicativo, nel senso che non significa assolutamente nien te. Con un piccolo makabishi lo scagionerebbe in ogni circostanza. L'elemento sospetto è la terstimonianza di quel giornalista che non viene presa in considerazione. Si tratta di una testimonianza estremamente grave e circostanziata, come puoi vedere dal link. O si va a fondo della faccenda e si chiede una perizia per vedere se non ci sono trucchi o si accusa il giornalista di calunnia per essersi inventato delle foto che non esistono. Ma non si puo' fare finta di niente. La cosa è sospetta.
Quando ci sono di mezzo i preti, Marianna e io siamo spesso in rotta di collisione. Niente di straordinario

Ciao, buona serata

dragor (journal intime)

marianna

Ribadisco che Renato Kizito Sesana non è né un prete pedofilo, nè un approfittatore che si appropria del denaro delle donazioni.
Ha sempre lavorato bene e ovunque e con il Vaticano, per chi non lo sapesse, i missionari hanno ben poco a che fare.
Parlo di missionari ad gentes.Quindi di Congregazioni.
Ovunque ci sono "mele marce" ma io non credo una parola delle accuse che gli sono state mosse.
Potrei e posso essere smentita e lo so, ma per quel poco che conosco di Renato Kizito Sesana stento moltissimo a far pendere l'ago della bilancia in direzione dell'accusa di "colpevolezza".
Sono più incline a pensare ad una macchinazione politico-ideologica e che so io...per buttare fuori i missionari dall'Africa.
Quanto a quest'ultimo punto io mi trovo d'accordissimo con Dragor perchè i missionari, nel bene e/o nel male, in Africa hanno già fatto il loro tempo.
L'Africa è degli africani.
Credenze religiose incluse.
Marianna

dragor

Cara Marianna, spesso i pedofili sono persone insospettabili. Persone che abbiamo sotto il naso tutto il giorno, nelle quali riponiamo una fiducia assoluta. In questi giorni, da noi, tiene banco sui media la dimissione del sindaco di Vence, accusato di avere violentato il suo nipotino di 7 anni. E' un buon padre di famiglia, un cattolico praticante, presidente di varie associazioni culturali. Tutti gli avrebbero dato la comunione senza confessione (espressione nizzarda). Eppure...
Con questo non voglio dire che Kizito sia colpevole. Per me le accuse dei suoi collaboratori valgono come l'assoluzione del capo della polizia: meno di zero. Per soldi, chiunque puo' mentire. Ma, come dico, c'è la testimonianza del giornalista (leggibile nel link) che dichiara di avere visto le foto nel computer. La magistratura ha fatto come se non esistessero. Non ha promosso un'indagine sulle foto e non ha accusato il giornalista di calunnia. Ha semplicemente ignorato l'affare, come se fosse troppo scottante per essere trattato. Come se si volesse sorvolare su una prova capitale. Non ti sembra un elemento sospetto?
Non conosco Kizito, ma ti do atto che puo' sembrare la persona più onesta del mondo. Se devo essere sincero, mi sembra simpatico. Mi limito a ragionare come farebbe qualsiasi investigatore.

Un abbraccio, buona notte, a presto

dragor (journal intime)

matzudaira

Qual'è lo scopo di andare in Africa in veste di missionari? Non potrebbero costoro fare le stesse cose da uomini comuni? La risposta è ovviamente no! No perchè quello che vanno a fare non è aiutare i poveri africani, ma bensì è sfruttare le debolezze di costoro (siano esse economiche o culturali), per propri interessi che non hanno nulla a che vedere con l'emancipazione di questi popoli, bensì la loro colonizzazione e irrigimentazione tra le fila dei cattolici.

Parlando di cose più vicine a casa nostra, pare proprio che Fini sarà il prossimo leader del PD, od almeno è quello che vorrebbero gli ormai pochi elettori del maggior partito di opposizione (fantasma). Lo stesso presidente del Parlamento viene trattato dai suoi alleati di partito come il vero leader dell'opposizone. Leggete un po' come rispondono alle sue lecite e giuste preoccupazioni in merito alla deriva clericale in cui il nostro paese (unico tra le nazioni occidentali non musulmane), sta lentamente ed inesorabilmente scivolando.

http://quotidianonet.ilsole24ore.com/2009/08/27/223438-biotestamento_replica_fini.shtml

Tesea

Fini?
La Camera è troppo piccola, meglio il Quirinale.
Tesea

marianna

Carissimo Dragor, in posta ti ho inviato il blog di Kizito Sesana.
Vorrei che tu lo legessi e, se vuoi, inserissi il link.
A Matzudaira dico che effettivamente non occorre essere missionari per andare in Africa e dare una mano alle popolazioni locali.
Lo fanno molti volontari di ONG.Lo fa il nostro amico Andrea di Torino, che è in Kenya con la sua fidanzata, un'infermiera kenyota appunto.
E come lui tanti altri, giovani e meno giovani.
E questi non vanno ovviamente confusi con i cooperanti, che sono altra cosa.
Andrea, e quelli come lui, vanno e fanno e non subordinano il loro operato all'indottrinamento di nessun genere...
Io di ragazzi, uomini e donne così ne ho conosciuti tanti.Li stimo.
Personalmente piacerebbe anche a me e forse un giorno accadrà.
Per ora il mio amore per l'Africa è dare notizie di quelle realtà ogni giorno, perchè il mondo sappia.
Un po' pochino,dirai?
Ma penso serva comunque anche a qualche "navigatore" distratto.
Toujours les petites choses-diceva Balzac.
Ed io ci credo.
Un abbraccio affettuoso come sempre.
Marianna

dragor

Grazie cara Marianna, ho letto il blog e gli ho anche scritto. Speriamo che non gli venga un colpo.
Concordo sul fatto che non occorre essere missionari per aiutare gli africani. Li sto aiutando anch'io :-)
Con il tuo splendido blog fai certamente più di molti missionari.

Un abbraccio, bon mattino, a presto

dragor (journal intime)

dragor

P.S. Ho provveduto a inserire ilo link, cosi' tutti si potranno leggere il mio commento. Ma idea che sarà censurato

dragor (journal intime)

dragor

Matzu, la dichiarazione d'intenti è contenuta nel nome che si sono dati: missionari. Ma quale missione? Quando si va in un altro paese, non si ha nessuna missione da compiere se non quella di guardarsi intorno e imparare qualcosa. "Missione" significa violenza sulla cultura locale. Significa dire: "la tua religione e la tua civiltà non valgono niente, devi accettare le nostre." Ecco che cosa significa "missione". Dovrebbe essere proibita per legge, come fanno certi governi che proibiscono le sette e il proselitismo (per favorire il loro, accidenti). Nessuno ha il diritto di dare lezione in casa d'altri

dragor (journal intime)

dragor

Tesea, anche il Quirinale è troppo piccolo. Meglio il Vaticano

dragor (journal intime)

matzudaira

Appunto Marianna, concordi con me che i missionari sono utili solo a se stessi, mentre le persone che veramente vogliono il bene per l'Africa ci vanno senza la copertura del Vaticano.

I commenti per questa nota sono chiusi.