La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Arabesco | Principale | Caccia al cacciatore »

30/01/10

Commenti

Pier

Nel '79 al ministro della P.I Spadolini del Partito Repubblicano scrissi una lettera.
Prima di lui solo G.Martino del PLI nel '59 e poi G.Berlinguer PCI/PDS dal '98 al 2000 interrupero la lunga lista di ministri DC.
A Spadolini chiesi di avere in ogni classe la foto del P.d.Repubblica in carica che ogni tanto c'era oppure no,la bandiera Italiana ed una carta geografica del mondo con stampate le bandiere di tutti gli stati della terra e nelle classi superiori anche una copia della Costituzione Italiana e della Carta dei diritti dell'uomo dell'ONU.
Ovviamente senza crocefisso che già non era sempre presente!
Il buon Spadolini neppure mi rispose.
Tra l'altro sono sicuro, assolutamente, che i cittadini Italiani se ci fosse un referendum, preferirebbero la mia proposta. Il fatto è che i politici amano essere più realisti del re e non vogliono correre il rischio di inimicarsi i vari PII, Benedetti e Bagnaschi.
Da DX a SX e da Nord a Sud.
Pier

Alex

Hai scritto un post limpido ! Incredibile ! la sinistra italiana preferisce due decreti fascisti del 1924 e del 1928 alla Convenzione Europea dei diritti dell'uomo ! Ma, qualcuno l'ha letto a sinistra la sentenza del tribunale di strasburgo ? I tre articoli del disegno di legge non cambiano niente, sono proprio gli "argomenti" presentati dall'avocato del governo italiano al tribunale. Già la prima volta, il rappresentante italiano ha preso un fracco di legnate quando ha tentato di spiegare che il crocifisso era "privo di significato religioso". Disperato e in piena confusione, il povero alla fine ha lasciato : "Quanto a sapere se un insegnante sarebbe libero di esporre altri simboli religiosi in un’aula
nessuna disposizione lo proibirebbe". (insomma ha detto tutto e il contrario di tutto !). Il povero è uscito in stracci e volete rinviarlo dinanzi al tribunale con gli stessi argomenti ? Italiani popolo di martiri !
Alex

dragor

Caro Pier, se in Italia la Repubblica non è difesa nemmeno dai repubblicani, tanto vale ordinare una messa da requiem per la laicità
______________________________________________________

Alex, non c'è da stupirsi che la sinistra sostenga i decreti fascisti, vista la sua connivenza con le dittature fasciste islamiche. E' vittima del calcolo elettorale e della correttezza politica.In questo caso ha sposato la tesi dei berlusconiani. Possiamo soltanto sperare che a Strasburgo non ci siano cedimenti e che il ricorso venga respinto al mittente. Ma anche in questo caso, cercheranno di arrampicarsi sugli specchi
_____________________________________________________

Grazie a tutti per la visita e i commenti, buon lunedi', a presto

dragor (journal intime)

marianna

Anche qui, mi trovi d'accordo. Nessun simbolo di nessuna confessione.
Anche se personalmente non mi sono mai sentita turbata dalla presenza del Crocifisso nelle aule scolastiche o negli uffici.
Anche perché ultimamente di Crocifissi in giro se ne sono visti veramente sempre meno.
Specie negli edifici scolastici nuovi.
Olbia è una città giovane e molti sono gli edifici scolastici e no di nuova costruzione.

Ciao, a presto.
Marianna

dragor

Cara Marianna, io invece mi sentirei turbato. A me il crocifisso fa lo stesso effetto di un tizio fulminato sulla sedia elettrica o decapitato con la ghigliottina. Alcune sentenze di tribunali italiani e francesi hanno vietato l'esposizione d i ricostruzioni di questo tipo di condanne a morte. Perché la crocifissione divrebbe lasciarci insensibili? E' una tortura come un'altra,qualcosa che è bene non far vedere ai bambini in un luogo di studio, dove l'atmosfera dovrebbe essere serena. In oltre il fatto di colpevolizzare la gente con questo macabro simbolo provoca un'alterazione collettiva della coscienza di cui la gente ormai non si rende più conto perché è generalizzata. L'eccezione, in questo caso, diventa uno stato di coscienza normale. E non basta. Come simbolo politico-religioso, il crocifisso rappresenta una fazione. Io non potrei mai studiare in un luogo colonizzato da una fazione, non potrei farmi giudicare in un tribuinale con il simbolo di una fazione, non potrei farmi curare in un ospedale con il simbolo di una fazione. Se non condivido quei valori,che cosa significa? Che sarei discriminato come studente, come imputato o come malato?

Buona notte, a presto

dragor (journal intime)


I commenti per questa nota sono chiusi.