La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Ci hanno rubato la chiesa russa! | Principale | Mi piace lo string »

11/02/10

Commenti

Alex

Un fiume di applausi per Berlusconi ! Il governo italiano e iraniano ci hanno allestito un'opera teatrale in cui Berlusconi ha recitato il suo ruolo senza tremarella. Il governo iraniano ne esce rinforzato e Berlusconi ritrova un po' di credibilità internazionale. Chiedo il bis !

Caro Berlusconi, invece di perdere tempo a chiacchierare, agisci !
I fatti :
In 2008, Italy's trade with Iran was valued at $7.3 billion up from $4.6 billion in 2007. As of 2009, bilateral trade exceeded $8 billion, making Italy Iran's largest trading partner in the European Union.
Alex

Antonio Cracas

Che dire di più, caro Dragor.
E' rincuorante trovare ogni tanto qualcuno che non vive con il paraocchi (retaggio del comunismo), e che abbia voglia di guardare in faccia la realtà.

Non per nulla, come dici tu, la Sinistra continua a perdere consensi; perché (perlomeno in Italia) nonostante si sforzi nel dimostrare che ha chiuso con una certa rigidità mentale (retaggio della sua estrazione politica) è diventata nazistoide, e non solo nei confronti degli avversari politici.

Buona giornata.

Antonio Cracas

Vedi Dragor, come volevasi dimostrare.

Al tuo amico Alex, per esempio (e non sarà certamente l'unico) non gliene frega nulla dell'Iran, delle dittature, delle torture: il suo problema è BERLUSCONI!!

Chissà cosa vorrà dire con l'agisci. Non credo che vorrebbe vedere uno sbarco delle nostre truppe in Iran...

Mah?! Poveri noi.

Fino

Dragor, dire che Berlusconi è stato irresponsabile, non vuol dire sostenere l'Iran. Forse una certa sinistra lo fa e commette un errore madornale.
C'era un articolo di Caracciolo, un osservatore acuto di geopolitica che diceva che l'Irana è una pedina importante in Afghanistan e che certe posizioni come quelle di Berlusconi, il quale parla e straparla, potrebbero mettere i seria difficoltà i nostri soldati laggiù.
Ovvio che l'Iran è uno stato totalitario e sanguinario.
Un'ultima cosa, Dragor e non me ne volere. Se non sbaglio anche tu avevi datto che Istraele aveva fatto bene a fare ad attaccare Gaza.
Essere per Israele non significa sempre e comunque darglir agione.
Berslusconi ha fatto un'altra clamorasa gaffe: ha fatto un parallelo tra Gaza e la Shoah.
Sappiamo bene e a ragione che gli israeliani considerano unica la Shoah.
Buona giornata e a presto
Fino

Fino

Dragor, ovviamente non ho pensato minimamente che tu eri a favore su ciò che ha fatto Israele con i bambini palestinesi.
Ciao
Fino

Ivano

La sinistra quando deve commemorare la Shoa parla di ebrei, ma per tutto il resto parla di israeliani, come se si trattasse di due popoli diversi.
E' da quando sono un ragazzino che questa cosa mi fa sorridere. E' difficile essere solidali e allo stesso tempo essere in opposizione con la medesima gente, ma evidentemente la politica può questo ed altro.
Oltre ogni coerenza.
Bel pezzo, Dragor, sintesi di (quasi) tutte le contraddizioni della sinistra.

dragor

Fino, io insisto a dire che la reazione israeliana contro Gaza era moralmente giustificata. Qualunque paese avrebbe reagito a un lancio quotidiano di razzi. Ma insisto a dire anche che quello di Gaza è stato un massacro inutile e crudele. Non si spara contro i civili nemmeno quando vengono usati come scudi umani e soprattutto non si fa il gioco di Hamas che non chiede di meglio per screditare Israele e bloccare il processo di pace.
Quando ci sono di mezzo gli islamici, si trova sempre una ragione per non muovere le critiche più elementari. Perché si arrabbiano,perché i soldati rischiano in Afghanistan, perché bisogna a rispettare le culture diverse. E' come se fosse stato firmato un secondo patto di Monaco e si sa a che cos'ha portato Monaco. Secondo me le dittature vanno denunciate sempre e comunque. A che cosa serve mandare i militari a "esportare democrazia" in Afghanistan se poi si chiudono gli occhi su tutto il resto?

Ciao Fino, a presto

dragor (journal intime)

dragor

Antonio, secondo me Alex non critica per principio quello che ha detto Berlusconi ma fa notare una contraddizione fra le sue parole e la sua politica. A che cosa serve denunciare i crimini dell'Iran se poi con questo paese si fanno affari per miliardi di dollari? 7,3 miliardi nel 2008, più di 8 nel 2009 (quindi in crescendo, al di là di tutti i proclami), cosa che fa dell'Italia il primo partner commerciale dell'Iran nella CEE. E io condivido questo richiamo alla coerenza. Con i criminali non si negozia e al diavolo la realpolitik.

Buona serata, a presto

dragor (journal intime)

dragor

Giusto Alex, i proclami non bastano se non sono accompagnati dai fatti. Decretate un bell'embargo finché l'Iran non si deciderà a rispettare i diritti umani e saranno più credibili. Si perderanno dei soldi ma si salverà qualche vita

dragor (journal intime)

dragor

Be', Ivano, non tutti gli ebrei sono israeliani e non tutti gli israeliani sono ebrei. Ma questa non è una ragione per condannare ebrei e israeliani a una seconda shoah, come vorrebbe buona parte del miliardo e mezzo di musulmani esistente al mondo, per non parlare dei cristiani

Ciao, buona serata

drahor (journal intime)

Edelweiss

Cacciato lo Scià, ora non gli vanno bene nemmeno i successori.
Il vero pericolo non è per i mercenari che abbiamo mandato in Afganistan, ma posswibili ritorsioni, alle parole del Premier, con atti terroristici in casa nostra.
Edelweiss

marianna

Carissimo Dragor, io trovo lucida e ben articolata la tua analisi dei fatti con relative conseguenze prevedibili per l'Italia.
Non approvo l'operato di certa sinistra di casa nostra, che prende certe difese senza rendersi conto che esse potrebbero trasformarsi in un autentico boomerang.
Non subito magari.
Ma nel tempo sicuramente sì.

Buon proseguimento di serata e complimenti vivissimi per l'HP.
Un abbraccio.
Marianna

Pier

Ogni tanto, anche se lo fa con il termine "sviolinare" vedo con approva l'operato di SB e le parole chiare sull'IRAN mentre il costante filo islam-arabismo della SX traspare anche da quanto afferma il lettore EDELWEISS.
Vorrei ricordargli che noi in Afaganistan abbiamo dei soldati e non dei "mercenari" . Poi anche che loro di SX sono capaci di fare la voce grossa con l'US che sanno non reagirà in alcun modo mentre temono le "ritorsioni" con attentati terroristici dei gentiluomini sunniti di Iran, Hezbollah, ecc.
Pier

dragor

Edelweiss, il problema è che i successori sono al potere da quasi 40 anni e truccano le elezioni per restarci. Se dovessi sorbirti il PD o il PDL per 40 anni, credo che scenderesti in piazza anche tu

dragor (journal intime)

dragor

Cara Marianna, oggi il mondo è diviso in due come ai tempi della guerra fredda, solo che al posto dell'URSS c'è il blocco islamico. Orfana dell'URSS, per contestare la società capitalista una certa sinistra ha ripiegato sul blocco islamico. Non si sono accorti che sono ancora più capitalisti di noi

Un abbraccio, buon maiittino

dragor (journal intime)

 dragor

Pier, io sono pragmatico e non esito ad approvare quello che dice Berlusconi o qualunque altro leader di qualsiasi tendenza politica, se corrisponde a quello che penso. Ma confermo la sviolinata. Se Berlusconi fosse andato in Iran, vuoi vedere che se la sarebbe presa con quei brutti israeliani che opprimono i poveri palestinesi?

Non si perda il mio post sullo string che pubblichero' fra poco. Per una volta, forse là saremo d'accordo :-) Buon mattino

dragor (journal intime)

gobettiano

Ognuno tiene alle dittature sue. Se ricordi quella -greca o quella cilena...

 dragor

Ciao Luigi, che piacere risentirti. iSi ricordo quelle dittature e ricordo che tutta la sinistra europea era contro. Senza se e senza ma. Ma con le dittature islamiche, che sono ancora più feroci, è tutta un se e un ma.

Buona domenica, a presto

dragor (journal intime)

I commenti per questa nota sono chiusi.