La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Il gioco della morte | Principale | Io sto con i pedofili »

22/03/10

Commenti

marianna

Post davvero meraviglioso!
Io non ho il gatto ma c'è tanto da imparare da quel che scrivi.
D'ora in avanti osserverò questi graziosi felini con più interesse del solito.
Buon inizio di settimana!
Un abbraccio.
Marianna

marianna

Dragor caro, posso chiederti la cortesia, se è possibile , d'eliminare dall'interno l'immagine che correda il mio post.
Mentre la inserivo il computer è partito con un antivirus e mi ha fatto sbagliare.
Meglio senza immagine.
Sempre che si possa.
Grazie in anticipo.E scusa per il disturbo.
m
Marianna

kattivello

Per fortuna di Sarkozy il gatto non puo'votare,direbbe chi sta seguendo le elezioni in Francia

Eliane Micheluzzi

Sympathique article Dragor, mais aussi les chiens parlent, le mien par exemple, il se plante devant et me parle et je lui réponds, ma voisine institutrice veut lui apprendre à lire, voyez où nous en sommes....plus sérieusement les chats, les chiens se font très bien comprendre comme vous le racontez si bien....Kattivello m'a fait rire...merci de nous divertir aussi joliment...Amitiès.Bonne semaine...Eliane

marianna

Grazie, carissimo!
Ora mi sento decisamente meglio.
Purtroppo sono maniaca dell'ordine e non sopporto le cose fuori posto.O imperfette.
Un limite? Sicuramente sì!
Un abbraccio grato.A presto.
Marianna

ornella rota

Vivendo con un gatto, posso apprezzare al meglio quanto scritto da dragor.
Non a caso ho usato "vivere con": uno/a non "ha" un gatto né tantomeno è "proprietario/a" di un gatto. Nella migliore delle ipotesi ci convivi in condizioni di parità...ma più sovente lui è il padrone di casa e tu sei l'ospite _ un ospite amato, beninteso, un amante, in quanto tale tenuto a una certa discrezione, ecco.
Pongo un problema di interpretazione delle posture della coda: come la mettiamo con la coda ad accento circonflesso dei siamesi? Qualche correzione di tiro nel leggerle?
Ciao dragor, complimenti non solo per quel che scrivi sui gatti...
Ornella

Alberto

Bellissimo il tuo commento sui gatti, molto tenero! Anche io amo moltissimo i gatti, qualche anno fa ho scritto un raccontino che ha per protagonista un gatto.

Posso chiederti se hai in casa un gatto, un cane o altri animali?

dragor

Buongiorno Marianna, grazie della visita. Magari potresti prenderne uno per osservarlo meglio. Ti assicuro che ne vale la pena. E' come scoprire il mondo in una dimensione diversa
Mi fa piacere che il problema della foto sia risolto
Un abbraccio, a presto su JA

dragor (journal intime)

dragor

Kattivello, non è detto che tutti i gatti votino a sinistra :-)
______________________________________________________

Eliane, mon chat aussi parle. Je lui demande "il dit quoi, le chat?" et il repond "miaou!" J'adore ça. Il repond à ma question! Il est trop mignon.
Kattivello semble croire que tous les chats sont de gauche. Alors qu'il y en a au moins 2 dans l'UMP... :-)

Bonne journée, à bientot

dragor (journal intime)

dragor

Ciao Ornella, grazie della visita. Ci volevano i gatti per evocarti... :-) E' vero, un gatto non si possiede. E' già tanto se ci considera un suo pari, come fa quando la sua coda vibra leggermente. Mi sento onorato, è come se ti conferisse un titolo nobiliare.
I gatti siamesi si esprimono in lingua thai. Credo che per decifrare il messaggio della coda ad accento circonflesso ci voglia l'interprete :-)
Grazie per l'apprezzamento. Buona giornata, torna presto

dragor (journal intime)

Tesea

Caro Dragor,
supportata da una lunghissima convivenza felina, confermo l'esatta interpretazione delle manifestazioni comportamentali dei gatti.
Attualmente spadroneggiano accanto a me due esmplari, dei quali io sono l'umilissima ancella.
Post delizioso.
Ciao
Tesea

dragor

Caro Alberto, è vero, parlando di gatti mi commuovo. Immaginavo che una persona sensibile come te li amasse. Si' ho un teckel che per la verità appartiene a mia figlia, anche se me lo ha scaricato addosso, e un gatto che si chiama Léo. Qui c'è la sua storia e la sua foto

http://dragor.blog.lastampa.it/journal_intime/2008/12/il-natale-di--1.html

Grazie per la visita, a presto

dragor (journal intime)

dragor

Cara Tesea, sono onorato di avere la conferma e l'approvazione di un'intenditrice. In ogni caso non si finisce mai d'imparare. A parte il linguaggio comune, ogni gatto aggiunge creativamente qualche espressione destinata a restare fra lui e il suo convivente (mai dire padrone). E questo piccolo dialogo privato è uno dei momenti più toccanti della convivenza, qualcosa che il gatto non riserverà a nessun altro
Buona giornata, a presto

dragor (journal intime)

I commenti per questa nota sono chiusi.