La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« La chiesa francese è un club di pedofili? | Principale | La statua della discordia »

05/04/10

Commenti

Silvia GM

Dragor??? Ehhhche-èèèè?
Il tema di un compito in classe per vedere se siamo stati attenti alle precedenti lezioni, o se abbiamo studiato nelle vecanzine di Pasqua?
Chiaramente sto scrivendo in modo ironico e rispettoso, sia chiaro.
Ho salvato tutta la tua pagina. Dammi un po' di tempo che vado a meditare.
Nel frattempo buon fine Pasquetta !! Un saluto soleggiato e ventoso da parte mia. Silvia.

marianna

Carissimo Dragor, sai bene che ti leggo anche quando ciò che scrivi non lo condivido in pieno.
Sai anche che ho stima di te per cui la differenza di vedute fra noi non fa problema.
Del tuo post odierno mi è rimasta impressa, tutto il giorno, l'espressione "cadavere volante"!
Naturalmente ti riferisci al Cristo Risorto.
Ebbene io credo che anche tu, prima o poi(molto più poi che prima ovviamente),ti troverai a dover fare i conti con quel"cadavere volante".
Esso è il cuore del messaggio cristiano, un messaggio di amore e di libertà, quindi di pace, e non ci sarebbe affatto cristianesimo senza Risurrezione.Senza quel "cadavere volante".
Il "cadavere volante" è il trionfo della vita sulla morte, dell'amore con la "A" maiuscola sul mistero della morte. E riguarda tutti che ci piaccia o meno.
La tua espressione è offensiva nei confronti di migliaia di credenti, io ritengo.
Tu non credi e va benissimo.
Nessuno vuole importi niente.
Ma perché sei così sprezzante nei confronti di chi invece crede?
Sono tanti, sai? E non sono tutti degli illusi.
C'è in giro una voglia matta di accellerare l'uscita occidentale(mi riferisco all'Europa e agli scandali di pedofilia) dal cristianesimo come un atto di emancipazione dai secoli bui di oscurantismo.Nota bene che non voglio affatto difendere coloro che si sono macchiati del reato di pedofilia e per esso piuttosto mi auguro che i responsabili siano giustamente e seriamente puniti.
Non giustifico lo strapotere della Chiesa come istituzione quando s'intromette in politica e la condiziona, come spesso ha fatto in passato ed in certi posti continua anche oggi a fare.
Non difendo i cattivi preti ma mi sento invece di elogiare sempre, e più volte se occorre, quelli che perseguono con fedeltà, onestà e serietà la loro missione.
Quello che non capisco, e tu fai parte del coro di tutti coloro che vogliono sbarazzarsi e in tutta fretta di questo ingombro che è il cristianesimo,è perchè chi si dice rispettoso della libertà di pensiero altrui muova attacchi che per me sono di un'intolleranza estrema.
Che ci piaccia o no in Europa sono compresenti radici cristiane, ebraiche e islamiche, lo sono nella sua Storia.
Non possiamo cancellare la Storia come nulla fosse. E non dobbiamo neanche enfatizzare la"cosa" però.
Per conto mio libertà di pensiero e di coscienza ad atei ed agnostici ma anche a tutti quanti gli altri, sempre nel rispetto delle leggi dello Stato ospitante.O delle leggi che la stessa Europa dà ai diversi Paesi che ne fanno parte.
La festa della Primavera, di cui parli, è antichissima e bellissima.Ci piace.
La viviamo volentieri.Perché no?
Ma non ha nulla a che vedere con il messaggio religioso della Pasqua cristiana, che per i credenti è e resta comunque un valore.
Nonostante gli attacchi, che giungono da più parti.

Un abbraccio. A presto.
Marianna

dragor

i Cara Marianna, per me il messaggio cristiano è quello che la chiesa ha fatto (e fa ancora) quando e dove ha carta bianca. In parte l'ho visto personalmente. Conosci la mia tesi: qualunque sia l’ipotesi di partenza, un’ideologia si vede alla prova dei fatti e il bilancio della chiesa è desolante in tutti i tempi e in tutti i luoghi dove questa istituzione ha avuto le mani libere. Fino a non molti anni fa lo Stato della Chiesa rivaleggiava con le dittature più sanguinarie, sordo a tutti gli appelli all’umanità, e nemmeno oggi puo' considerarsi un modello di democrazia. Basti dire che non riconosce nemmeno i diritti dei disabili.L’Europa ha imboccato la strada della libertà, dell’uguaglianza e e della fraternità quando si è almeno parzialmente affrancata dal giogo secolare della chiesa. Ecco perché mi rifiuto di considerare il cristianesimo parte della nostra storia, se non come un ostacolo allo sviluppo della civiltà e della coscienza. Il vero trionfo della vita sulla morte è quello perseguito da chi, con un impegno paziente e umile, si batte un giorno dopo l’altro per migliorare la condizione umana. Spesso trovando sulla propria strada gli ostacoli delle confessioni religiose.
La causa di questi problemi è il teismo, o meglio il monoteismo. Un’idea di libertà e di amore non può aggregarsi intorno a una struttura monoteista, perché come verità rivelata diventa totalitaria e intollerante. Ce lo insegnano la storia e l’attualità con milioni di morti ammazzati nei modi più crudeli. Ecco perché JI, strenuo difensore della libertà, dell’amore e della pace, contesta le religioni monoteiste.
A questo proposito dici che le mie espressioni sono offensiva nei confronti di migliaia di credenti. Perché? Se contesto un’idea politica o una corrente filosofica, anche con i termini più duri, nessuno dovrebbe ritenersi offeso se non nelle dittature totalitarie. Perché la religione rivendica un ruolo privilegiato, pretendendo di situarsi al di sopra di ogni critica? Forse perché contiene delle idee qualificate come sacre? In realtà questo significa: “Ecco un ‘idea della quale non avete il diritto di parlare male, punto e basta”. Siamo liberi di criticare un’idea politica con la quale non concordiamo, nessuno si offenderà. Siamo liberi di dire che le tasse devono aumentare o diminuire. Ma se qualcuno dice “non devo schiacciare un pulsante elettrico di sabato” (o nel caso specifico asserisce che i morti volano), bisogna dire “questo lo rispetto.” Perché è legittimo sostenere i repubblicani o i democratici ma non avere un’idea sull’origine dell’universo o sulla permanenza dei morti nelle fosse? Eppure, da un punto di vista razionale, non c’è nessuna ragione per cui queste idee non siano aperte al dibattito come le altre. Tornero’ sull’argomento con un post.

Un abbraccio, a presto su JA. A proposito, su FB ho pubblicato un favoloso video di Kigali.

dragor (journal intime)

dragor

Ciao Silvia, aspetto il risultato delle meditazioni. Ricambio l'augurio con un altro altrettanto soleggiato e ventoso :-)

dragpor (journal intime)

Silvia GM

@ DRAGOR, mi limito a poche righe (una volta tanto) molto limitate.
Mi piace l’idea di festeggiare la Primavera, mette allegria voglia di positività, di immergersi mentalmente nel tiepido calduccio in mezzo ad una Madre Natura buona e piena di colore.
In piemontese c’è un detto (lo scrivo in italiano) che mia madre mi ha ripetuto mille volte:
= chi vive sperando morirà deluso =. Essendo lei pessimista dalla gioventù, ed essendo io sua figlia venuta su non molto ottimisticamente… forse credo abbia ragione.
Ti scrivo cos’è per me la speranza? E’ l’attesa di veder realizzato un desiderio; è un’attesa = aspettativa (che nella vita s’è rivelata poi delusione); sarebbe una prospettiva per la quale, imparare a viverla correttamente, sarebbe necessario coltivare la fede.
Illusione: hai ragione presa come parola solitaria è sinonimo della precedente. Vissuta invece è il miraggio di un sogno; a volte son necessari i sogni, le fantasie come ‘arma’ innocua di difesa; e gli abbagli spesso possiamo paragonarli ai giochi di prestigio degli ‘illusionisti’. Invecchiando si diventa un pochino più scaltri a non cascarci!

catto non comunista

Dragor,vorrei un esempio,uno solo,di ideologia diversa dal Cristinesimo che non possa qualificarsi come omicida.Il capitalismo ed i suoi miti,i suoi spiriti animali e la sua autoconsistenza?Basta leggere Marx.L'illuminismo? Basta contare i morti ghigliottinati in nome della libertè,ègaliteè,fratenitè.Il Comunismo?Non scherziamo.Non c'è popolo al mondo,nello spazio e nel tempo,che non abbia creduto in un mito religioso.Chi non lo ha fatto,ha adorato simboli criminali come la Dea ragione,o il Partito.Le religioni animiste ammazzano allegramente gli animali,le piu' cruente gli uomini.Chi non massacra in Primavera lo fa in Estate o Autunno.Il cristianesimo ha commesso un grave crimine:la Donazione Costantiniana.La piu' grande bufala di tutti i tempi,sempre accampata a giustificazione dei delitti del potere.Ma Cristo,il potere lo ha contestato,al punto di morirne.Ed in questo c'è una grandezza che non si puo' negare.Chi muore per distruggerlo non puo'in qualche modo non rinascere,come chi lotta per difenderlo prima o poi ne viene ucciso.E' la lezione della storia.Se poi la Resurrezione sia quella predicata dai Cristiani,lo sapremo quando moriremo.Forse quello è il momento in cui,guardandoci indietro,comprendremo il valore sacro della vita e della Creazione.

dragor

SI' Silvia, l'illusione è un 'arma di difesa con qualche vantaggio secondario ma è pericolosa. Io preferisco una ragionevole speranza a una delusione certa, ma anche qui è questione di gusti. Molta gente ha bisogno d'illudersi e a questo punto subentra la fede. E' per questo che i fedeli si "offendono" facilmente e cercano di blindare i loro miti con dogmi e tabù. L'illusione è vulnerabile, la speranza è immortale.
Ciao, buona giornata

dragor (journal intime)

dragor

Caro Catto non comunista, se le ideologie sono sanguinarie, il cristianesimo non è secondo a nessuna. Quante persone si sono ammazzate, spesso con metodi particolarmente crudeli, in nome di questa religione? Citami una sola epoca e un solo posto in cui abbia avuto carta bianca senza provocare massacri e genocidi. Quando un'ideologia si considera depositaria della verità assoluta, come le religioni monoteiste o le dottrine totalitarie, spalanca la strada all'intolleranza, al fanatismo e alla violenza. Ecco perché Journal Intime è per le idee e contro le ideologie. Tutte. In particolare quelle religiose perché sono sacralizzate e quindi ancora più pericolose.

Ciao, buona giornata

dragor (journal intime)

I commenti per questa nota sono chiusi.