La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Finalmente il supermercato gratuito | Principale | Berlusconi re di Cannes »

11/05/10

Commenti

umberto novara

Sai distinguere tra 'religione' ed uso strumentale (o abuso) della religione? Tutti meritano rispetto.Solo gli imbecilli (chiedo scusa) usamo dogmi e tabù per 'proteggere'la religione. "... Non devi pensare": ma ti rendi conto che chi aveva una fede religiosa non ha mai smesso di pensare per tutta la vita ( ed è anche il mio caso ). Forse ti riferisci a 'situazioni'particolari. a casi precisi,ad epoche storiche passate ( ho sempre 'imposto' ai miei studenti lo studio meticoloso del 1618-1648,Europa...). Odifreddi,nei suoi interventi televisivi, iniziava quasi sempre (almeno quelli che ho visto io) con il ricordare l'inquisizione... Dragor: io sono 'cresciuto' con il Concilio Vaticano II, ho studiato ( avevo 13-15 anni) i documenti, li ho letti e riletti, continuo a studiare il pensiero di ogni 'teologo' di cui vengo a conoscenza...( mi sto salassando acquistando i loro libri); mi meraviglio del tuo basso livello culturale sul problema 'religione'. Termino,sapendo che hai pronto una certa risposta ( è la differenza 'antropologica',come si esprimeva uno dei più grandi filosofi italiani del Novecento). Continua ad esprimere le tue convinzioni: ora sono preoccupato d'altro: pochi minuti fa' ho letto qualcosa di "non bello" (eufemismo) per voi blogger di La Stampa; spero che nelle Lettere al Direttore ( se pubblicate) si apra un confronto, quello che in noi credenti non manca ( tranne -repetita iuvant- per gli " imbec.").

Pim

Si può concordare o meno sulle argomentazioni e sulle conclusioni, ma la religione - come qualunque altra disciplina - può essere legittimamente criticata, messa in discussione, sottoposta al vaglio della ragione. La storia di tutte le religioni è costellata da dibattiti, dispute, critiche interne ed esterne alle istituzioni e ai movimenti. Il rispetto è dovuto solo a chi manifesta idee diverse dalle proprie. Per il resto, il libero scambio di opinioni è sempre utile.

Bonne journée.
Pim

Mannò

Ma un blog che si chiama "giornale intimo" non dovrebbe parlare di cose personali?

Enrico Muratore

credo personalmente che si possa avere fede senza appartenere a religioni organizzate - è il mio caso

Tesea

Per fortuna non lo è.
Tesea

marianna

Infatti, caro Dragor, proprio riallacciandomi a ciò che scrive Enrico, io non ho fatto altro che ripeterti, nei nostri dialoghi, che avere fede è una cosa(o meglio un dono che non tutti hanno ricevuto gratuitamente, perché bisogna lavorare e molto su se stessi, sul rapporto io-LUI, io-Mondo), appartenere ad una religione organizzata, nel senso di avere all'interno della comunità un atteggiamento ossequiente e acritico, è tutt'altro.
Anche ciò che scrive Umberto è molto importante.
Il Vaticano II è stato qualcosa di straordinario, una rivoluzione copernicana all'interno dell'Istituzione-Chiesa tanto è vero che nell'ultimo periodo tutti i suoi contenuti sono stati deliberatamente un tantino oscurati e criticati.
Tutto qui.
Massimo rispetto ovviamente per chi fa altre scelte di tipo religioso o ateee.

Quanto all'email l'ho ricevuta e brevemente nel post di ieri ti avevo dato conferma di aver scritto alla persona.
Non ci sono problemi di alcun tipo.
Io conosco bene Hamid, tra l'altro, perché doveva venire ad Olbia a presentare le sue poesie. Poi la cosa è saltata per il momento e se ne riparlerà forse in estate.
E' una persona squisita.
Marinella invece è spesso fuori per impegni di studio.
Nessuno è offeso con nessuno.

Un abbraccione affettuoso a te.
A più tardi.
Marianna

dragor

Umberto, il Concilio Vaticano II è un evento interno della Chiesa che riguarda i credenti. In ogni caso, dicendo "religione" mi riferisco a tutte, con particolare riguardo alle religioni monoteiste. Viste dall'esterno, godono di ingiusti privilegi rispetto alle altre ideologie. E quale definizione mi daresti di dogma, se non "di fronte a questa affermazione tu non devi pensare"? Coraggio, prova a pensare a proposito della verginità della Madonna.
Il qualcosa di non bello che hai letto riguarda la chiusura della piattaforma gratuita della Stampa. Se vogliamo restare dove siamo, dobbiamo mettere mano al portafoglio e passare alla versione a pagamento. Grazie per la solidarietà. Un saluto, buona giornata

drgor (journal intime)

dragor

Pim, come(quasi) sempre siamo sulla stessa lunghezza d'onda. Il problema è che, se viene sottoposta alla critica, della religione non resta più niente. Ecco perché i suoi supporter cercano di blindarla
____________________________________________________

Manno', più intimo di cosi'...
____________________________________________________

Enrico, sempre meglio che appartenere a una religione organizzata e non avere fede
______________________________________________________

Tesea, che cosa non lo è?
___________________________________________________

Grazie a tutti per la visita e i commenti, buona giornata,a presto

dragor (journal intime)



dragor

Cara Marianna, si puo' veramente definire fede il vago desiderio di chiamare "religione" la venerazione panteista che molti condividono con il suo rappresentante più illustre,Albert Einstein? Secondo il filosofo Daniel Dennett "non sono credenti, ma credono alla fede".
Come dico a Umberto, il concilio Vaticano II è un evento interno della chiesa che riguarda i suoi membri. Visto dall'esterno, non cambia i termini del problema e la collocazione della religione nella società.
Grazie per Marinella. In ogni caso adesso Hamid e io siamo amici. Poveretto, dovrà sorbirsi i miei post anti-islam :-) Fra l'altro si dichiara sufista

Un abbraccio, buona giornata, a presto

dragor (journal intime)

Tesea

Monotematico.
Tesea

Enrico Sturman

Amen, fratello...Amen!

I commenti per questa nota sono chiusi.