La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

Weblog recentemente aggiornati

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Nudo profondo | Principale | Quando la vagina morde »

24/06/10

Commenti

marianna

Non ho difficoltà, caro Dragor, a credere a quanto documenti per la Turchia.
Il dramma è che anche in Europa questi delitti si verificano disinvoltamente e con troppe connivenze, anche femminili, sempre con il pretesto del rispetto della tradizione e delle culture-altre.
E penso poi alle banlieu francesi e a quello che è accaduto di recente anche in Italia.
Non dimentico comunque che il nostro Paese meno di cinquant'anni fa contemplava l'assoluzione, in sede di giustizia ,per il delitto d'onore.
Atroce!
Retaggio del codice Rocco.
Le cose cambiarono ad un tratto, negli anni '60, con una ragazza siciliana di nome Franca Viola, che si rifiutò, ad Alcamo, di sposare il suo seduttore e avviò un lento e progressivo cambiamento anche nei nostri costumi.

Un abbraccio.
Marianna

Silvia GM

@ DRAGOR
Come sempre arrivio un po’ a ‘scoppio ritardato’. Ho iniziato a leggere, pensando ad uno scherzoso post, quello tuo pubblicato sopra questo: il preservativo che azzanna!! O vagina che morde.
Poi sono scesa al post successivo, cioè questo. Fa venire i brividi pensare che possano ancora accadere simili orrori. Chiamarli delitti d’onore è irriverente nei confronti delle donne che hanno subito e continua no a sottostare e tollerare certe sofferenze. Mi riferisco alle mutilazioni e al dover venire sfigurate in questo modo.
Ricordo (ma sarà cosa di almeno un anno e mezzo fa) la trasmissione su Rai 3 **Alle falde del Kilimangiaro** presentato da Licia Colò, una domenica pomeriggio: una coraggiosa donna (di cui non rammento assolutamente il nome) si presentò impavida al pubblico, con il fine di denunciare queste sevizie al mondo intero. Quelle donne sono persone che meriterebbero di essere difese e salvate: alla faccia del femminismo “snob”. Messo a confronto con questi sistemi islamici, il ‘delitto d’onore’ in stile italiano (quello diffuso abbondantemente negli anni passati) pare quasi neppure un crimine ma un semplice misfatto, giusto per dare una risciacquata ad un offesa ricevuta.
In fondo i maschi italiani compivano ‘solo un semplice reato’, senza quasi far soffrire la , o le , vittime.
Questi, in nome dell’Islam, agiscono punendo nel modo peggiore aspirando alla sofferenza fisica eterna. Forse ci vuol meno coraggio a suicidarsi, piuttosto che essere costrette a subire un simile strazio.
Condivido il tuo ‘passaggio’ con le righe del = sembra impossibile =.
Il primo istinto sarebbe quello di prendere i fautori delle atrocità elencate e condannarli ad essere fatti sciogliere lentamente nell’acido muriatico. Perdonate la cattiveria istintiva.

dragor

Cara Marianna, qi è potuto estirpare il delitto d'onore dai paesi europei perché non era puntellato da nessuna religione. Era solamente radicato nel costume, come dimostra anche il fatto che il diritto italiano lo riconoscesse, ma il costume si evolve. Mentre le religioni, l'islam in particolare, sono immutabili.
Un abbraccio, buona domenica, a presto

dragor (journal intime)

dragor

Cara Silvia,per eliminare questi orrori c'è un sistema più semplice della dissoluzione dei criminali nell'acido muriatico: combattere il'islam. Cosi' come combattiamo il nazismo e ogni ideologia che riteniamo pericolosa e antidemocratica. Sembra impossibile che si lasci circolare liberamente un'ideologia che copre questi crimini e si diano i suoi testi a gente che poi li usa come sappiamo. E copre i crimini, perché quando vengono interrogati in proposito, gli imam, gli ayatollah e gli ideologi islamici di Al Azhar fanno veroniche degne del Cordobès per non condannarli.

Ciao, buona domenica

dragor (journal

I commenti per questa nota sono chiusi.