La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« L'unione di Nizza alla Francia è illegale! | Principale | La Turchia, nuova eroina dell'islam »

03/06/10

Commenti

grillo parlante

Te lo dico io perchè gli Israeliani sono i più odiati del mondo: perché la gente comincia ad aprire gli occhi. Finora voi Israeliani avete sfruttato il razzismo di molti europei nei confronti degli arabi per farli passare da cattivi. Ma i veri cattivi siete voi. I veri terroristi siete voi. La gente comincia ad aprire gli occhi, finalmente, e capisce che voi lì non ci dovreste stare. Tutto il polverone che avete alzato in questi anni comincia a diradarsi e la gente comincia a vederci chiaro, finalmente: avete torto su tutto, per il semplice motivo che siete fuori posto. Quella terra è dei palestinesi, non degli ebrei. Gli inglesi hanno cercato con tutte le forze di impedirvi di fondare uno stato in Palestina e voi li avete massacrati a decine. Voi per primi avete fatto uso alla violenza, voi per primi avete sparso sangue innocente, quindi i veri terroristi siete voi.

I morti ammazzati in questi ultimi 60 anni si contano a decine di migliaia, anzi a centinaia di migliaia. E quello che è peggio è che avete costretto i legittimi proprietari di quei territori a vivere in luoghi indecenti come i campi profughi. Non contenti, li schiavizzate: li fate lavorare in Israele con paghe da fame sotto la continua minaccia di essere licenziati se non sono più che fedeli a voi “padroni”. Sfido io che la gente si incazza. Sfido io che butta le bombe. Non avete rispetto neppure dei pacifisti. Li avete definiti terroristi. E voi che cosa siete? Non avete rispetto neppure per le acque internazionali. E’ vostro tutto il mondo? Soprattutto non avete rispetto della popolazione di Gaza, stremata da due anni di assedio, senza più cibo né acqua potabile né medicinali. Volete farli morire tutti? Due milioni di persone? E dopo sarete contenti? E ti chiedi perché gli israeliani sono i più odiati del mondo! Perché siete uguali ai nazisti, ecco perché!

dragor

Grillo Parlante, gli inglesi hanno cercato anche di impedire agli indiani di fondare uno Stato in India, ma questo non toglie che l'India attuale sia uno Stato legittimo. Perché gli abitanti della Palestina non potevano fare altrettanto? Palestinesi o ebrei, avevano gli stessi diritti. Se i palestinesi si sono rifiutati più volte di fondare il loro stato preferendo un regime di belligeranza, di chi è la colpa?

dragor (journal intime)

marianna

Carissimo Dragor, comprendo il senso profondo delle tue parole e ti rispondo non con le mie, che potrebbero essere banali, ma con due interventi pubblicati ieri su Repubblica.
Mi sono piaciuti e li condivido.
Il primo è di Mario Levi, romanziere turco, noto in Italia per aver pubblicato con la Bompiani.
Egli, di fronte agli avvenimenti in oggetto, dice chiaramente: " Ho simpatia per lo Stato d'Israele.Ma questo non significa che io debba rinunciare a criticare le azioni del suo governo".
E aggiunge che la carneficina la si poteva evitare se la "Mavi Marmara" fosse stata scortata e accompagnata al porto di Ashod.
In definitiva la sua reprimenda è per l'agire spietato dei militari, che hanno obbedito ad ordini,che di tal specie non dovevano essere.
Molto più interessante per me è la valutazione fatta dal filosofo francese Marek Halter.
Egli parla di una scelta strategicamente sbagliata da parte della casta militare israeliana.
Un errore, a suo parere, molto sciocco, che rinforzerà il ruolo di protagonismo della Turchia.
Halter è un sopravvissuto al ghetto di Varsavia.
Per parte mia, anche se ovviamente non conosco i fatti accaduti sulla nave, ci sono stati quasi certamente errori da parte anche dei pacifisti.
Mi riferisco a resistenza e provocazione.
Ma la risposta dell'esercito d'Israele è assurda e allucinante.
Conosciamo attualmente la sua potenza bellica nell'area che qualcuno definisce inferiore solo all'Iran.
Ti abbraccio affettuosamente.
La stima nei confronti d'Israele e del suo popolo non diminuisce certo per l'accaduto infame e si spera piuttosto che non ci siano, come già c'è stato, reazioni antisemite, che dimostrerebbero ancora una volta che comunque il male purtroppo alberga nell'uomo al di là del colore della pelle e dell'appartenenza geografica e/o culturale.
Questo per me è il vero dramma.
Marianna

dragor

Cara Marianna, io sono il primo a condannare l'azione israeliana e mi sembra che il post non lasci dubbi. Condivido quello che dicono Mario Levi e Marek Helter. Ma come dico nel post e come puoi vedere, come sempre si mette in dubbio la legittimità dello stato d'Israele. Lo scopo del post era proprio questo: rivelare la disparità di giudizio. Per molti Israele non è uno stato che fa errori ma uno stato che non ha semplicemente il diritto di esistere. E ogni suo errore fa da cartina di tornasole. C'è troppa emotività e troppa speculazione politica in questo giudizio. Lo prova anche il fatto che si sono assaltate le sinagoghe, assimilando una religione a un popolo. Cosa che non si fa per nessun altro.
Il processo post-coloniale è accettato per tutti tranne che per Israele. Tutti i popoli hanno diritto all'autodeterminazione nella loro terra meno Israele. La maggioranza sposa il distinguo religioso dei palestinesi fondamentalisti per i quali è più importante distruggere Israele che fondare il loro stato. Perché?
A proposito dell'armata, è certamente una delle più forti della regione. Ma come sa ogni abitante e come si è visto in varie circostanze, la vita d'Israele dipende da Tsahal. Senza, Israele sarebbe già scomparso nel 1948, quando 10 milioni di arabi hanno aggredito da fuori e da dentro 60.000 coloni israeliani (e perso)

Un abbraccio, a presto

dragor (journal intime)

Pim

Non bisogna confondere gli ebrei con Israele. Da una parte l'umorismo yiddish, la cucina kosher, il klezmer e tutto il resto; dall'altra uno Stato arroccato su se stesso, che fa sostanzialmente quel che gli pare, sordo da sempre alle risoluzioni Onu. La cultura ebraica è straordinaria, Gerusalemme meravigliosa, Masada affascinante, ma il governo israeliano non può certamente riscuotere un grande successo internazionale. Israele ha diritto di esistere, naturalmente, ma deve finirla di pensare d'essere il popolo eletto.

Bonne journée, cher Dragor.
Pim

milena g

“signor” dragor “due pesi e due misure”, lei ha scritto decine di articoli dicendo che i preti sono tutti pedofili, il vaticano è una associazione a delinquere e il cristianesimo come religione fa schifo. Io non difendo certo i pedofili, anzi mi fanno schifo. Però non mi permetterei mai di dire che il vaticano è una associazione a delinquere e tutto quello che segue. Lei invece difende i suoi amici israeliani e non si sogna neanche di dire che lo stato di israele è una associazione a delinquere. Eppure hanno ucciso migliaia di persone, in gran parte civili. E privano i palestinesi dei loro diritti. Se non sono una associazione a delinquere che cosa sono?


Grillo Parlante

Gli inglesi hanno cercato di impedire agli indiani di fondare uno Stato in India, certo, e a quel punto Gandi si è messo a organizzare attentati e ad ammazzare gli inglesi, vero? O no?


dragor

Grillo Parlante, anche in India c'è scappato qualche morto inglese. Sappiamo bene che di solito l'indipendenza non si conquista con i fiori. Perfino l'Italia ne sa qualcosa. In Palestina, alla decolonizzazione, c'erano fiorenti città fondate dagli ebrei, frra le quali il modello pilota era Tel Aviv. Qualunque crtitica si possa fare alla politica israeliana, non si puo' negare il diritto di un popolo a fondare il suo stato. I palestinesi hanno gettato al vento almeno 3 occasioni storiche di fondare il loro e Hamas sta facendo il possibile per perdere anche la quarta, praticando una guerra civile contro i copmpatrioti chge vorrebbero uno statopalestinese

dragor (journal intime)

dragor

Milena G, qualunque organizzazione, se i suoi massimi vertici proteggono, nascondono e favoriscono i criminali, diventa un'organizzazione criminale. Nella chiesa cattolica sono implicati i massimi vertici e io non le faccio nessuno sconto, tutto qui. Un peso e una misura. Se ci fosse di mezzo la Coca Cola, la Fiat o la Casa della Libertà, direi le stesse cose

dragor (journal intime)

Alberto

Caro Dragor, permettimi di dirti che mi aspettavo una condanna un po’ più netta di quanto è accaduto, alla luce del fatto che molti giornali israeliani hanno attaccato duramente il governo "senza se e senza ma" come invece stai facendo tu. Perché non è un problema di immagine, ma di sostanza. Hanno assaltato una nave che viaggiava in acque internazionali. Hanno ucciso dei civili che portavano aiuti. Come si fa a non condannare duramente quanto è avvenuto? Ora tu dici: ma nel mondo accade di peggio. Sì, ma in paesi che noi consideriamo – a torto o a ragione - sottosviluppati. Israele dovrebbe essere un paese civile, no? E allora perché si comporta civilmente?

Andrea Vaira

mi sono permesso di segnalarlo al sito informazionecorretta.com e loro l'hanno puntualmente pubblicato nella rubrica delle lettere:

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=&sez=90&id=34937

dragor

Alberto, l'esperto di pubbliche relazioni, che poi sarei io, ha detto: "Prima di tutto, via la mano dal grilletto. Che cattivo gusto, reagire con una sparatoria a qualche bastonata, e per giunta fuori dalle acque territoriali. Queste sono cose da pirati, da talebani e da pasdaran, non da gente perbene. E vi meravigliate di essere il paese più odiato del mondo?"
Puoi immaginare una condanna piu' netta? La differenza fra la mia critica e la maggior parte delle altre, vedi quella di Grillo Parlante, sta nel fatto che critico Israele o come se fosse un paese qualsiasi. Non nego il suo diritto di esistere, non dico che gli israeliani non dovrebbero stare là, riconosco che raramente si è vista una simbiosi piu' profonda fra un popolo e la sua terra. Tutto qui. Per me la critica è un fine, non un mezzo per dissimulare l'antisemitismo tipico di chi non riconosce agli ebrei il diritto di avere una terra e quello di difenderla, diritto che si riconosce a tutti i popoli del mondo. E naturalmente anche ai palestinesi, se solo si degnassero di costituire il loro stato invece di rifiutare un'occasione dopo l'altra e sabotare i negoziati. Good night, a presto. Sto ancora squattando :-)

dragor (journal intime)

monella4110

c'e' un errore di fondo in tutto cio' l'iraq,l'afganistan,il sudane altri paesi sono stati,la palestina no.i palestinesi sono impriggionati in un fazzoletto di terra dall'esercito piu' forte del mondo.

chiccokalle

....assimilando una religione a un popolo....
Mi dispiace caro signor dragor o come si chiama realmente,ma le cose non stanno così,semmai è israele che vuole assimilare tenendo uniti gli ebrei di tutti il mondo alla terra promessa. E' un abile gioco che però nella realtà impedisce la "laicizzazione" dello stato d'Israele. Sono sposato con una donna di religione ebraica (sefardita se le può interessare), e vedo sempre o l'imbarazzo o l'arroganza di atteggiamento quando si parla di Israele: non si può mai condannare al 100% Israele, ci deve essere sempre il "però". Le spiego un attimino cosa intendo per imbarazzo o arroganza: quando Israele ( e non gli ebrei, io distinguo tra religione e stato) fa qualcosa di palesemente sbagliato, vedo due reazioni nella mia famiglia (sì, la chiamo mia famiglia), o si cerca di approfondire e uscire dall'imbarazzo della situazione, oppure si contrappone il "voi". "E voi allora cosa ne pensate del vescovo che ha negato la shoa?" "E voi cosa pensate dei preti pedofili?", etc. etc.
In questo modo (quello dei più giovani che vedo anche rasati a zero e con tatuaggi a dir poco sconcertenti, cosa che fa rabbrividire i più anziani), non si va da nessuna parte, anzi, si va verso lo scontro, mischiando religione (grande paravento per nascondere le vere ragioni) e politica. Spero di aver chiarito, so di essere a volte un po' contorto, d'altronde a volte mi sento un genio (eh sì, ci sono anche nei "goj")
Ciao da chiccokalle

Grillo Parlante

Calma, testina di vitello! Qui l’antisemitismo non centra niente. Prima di tutto non ho mai detto che gli ebrei siano una razza inferiore o cretinate del genere, e poi io ho fatto una critica politica allo stato di Israele. Se vai a rileggere il mio commento io ho sempre parlato di Israeliani e non di ebrei.
La tua coerenza: come dice Milena, tu fai due pesi e due misure. Se il Vaticano difende i pedofili è una associazione a delinquere, tu invece non hai detto che lo stato di Israele è una associazione di criminali, ha detto solo che c’è un problema di immagine. Ma quale immagine? Se vi comportate peggio dei nazisti! Quando poi hai detto che nel mondo accade di peggio, mi sono ricordato che questa cosa te le dicevano anche altri, quando parlavi dei pedofili in Vaticano. Ma tu rispondevi che non c’entra, bisogna parlare dei problemi, non nasconderli sotto al tappeto. Dunque???
Avete assaltato una nave in acque internazionali; sulla nave c’era civili, fra cui anche donne e bambini. Avete sparato a casaccio, nel mucchio. Ci sono stati decine di morti. I cadaveri sono stati gettati in mare per nascondere quello che avete fatto. Le vittime della vostra violenza le avete definite terroristi. Agli arrestati (ma sarebbe meglio dire sequestrati) li avete costretti a firmare un documento in cui ammettevano di essere dei terroristi. Chi si rifiutava è stato picchiato. Devo ancora continuare?

La differenza fra te e me è questa: io non ho nessun problema ad ammettere che in Italia accadono cose terribili, che abbiamo una polizia fascista che ogni tanto arresta a casaccio la gente e qualcuno lo ammazza pure. Tu invece i tuoi connazionali li difendi! Ma la coerenza dove sta? Come ti permetti di venire a farci la predica su questo o su quello e poi difendi una stato di terroristi come quello Israeliano?

chiccokalle

Ho scritto un post precedentemente e vi annuncio, con vostro sommo piacere, che questo è il mio secondo e ultimo perchè ho capito che qui vi volete solo scontrare nascondendovi dietro la tastiera.
Sia il signor dragor che il signor grilloparlante, fanno della provocazione la loro arma...cuocetevi nel vostro brodo e divertitevi...fate parte della decadenza
Ciao
good bye
au revoir
hej da

dragor

Grillo Parlante, che cosa sono questi "avete fatto", "avete assaltato" ecc? Io non ho fatto e non ho assaltato niente, al momento dell'attacco alla Navi Marmara ero a Nizza. Ho i testimoni.
Io non difendo un bel niente. Leggi bene il post e vedraiche la mia condanna dell'attacco alla Navi Marmara è netta. Ma insisto a dire che le critiche alla politica d'Israele non devono pregiudicare il suo diritto a esistere. Del resto nessuno ha mai messo in discussione l'esistenza della Germania a causa dei nazisti. Lo confermo, negare il diritto di Israele all'esistenza è una forma di antisemitismo.

dragor (journal intime)

dragor

Chiccokalle, sii gentile, insegnaci che cosa dobbiamo fare per non nasconderci dietro la tastiera

dragor (journal intime)

Edelweiss

Il grosso errore è stato, all'inizio, permettere su una terra altrui la costituzione di uno Stato, a scapito della popolazione autoctona.
Ora questa popolazione sogna un suo Risorgimento, con la cacciata dello straniero padrone.
Tutto qui.
Auguri!
Edelweiss

dragor

Edelweiss, quali stranieri? Quando gli inglesi si sono ritirati,la comunità locale si è costituita in Stato indipendente. E' successo dappertutto. Gli israeliani non sono più stranieri a casa loro di quando lo siano gli italiani in Italia. Negare questo diritto è antistorico, perché dalla decolonizzazione è nata una quantità di stati che nessuno si sogna di contestare. Si fa eccezione solo per
Israele e questo è un partito preso

dragor(journal intime)

Edelweiss

E' notorio che nel 1947 la componente ebraica rappresentava solo un terzo della popolazione della Palestina, e possedeva meno del 10% di tutto il territorio palestinese.
Edelweiss

dragor

Per la precisione il 7 per cento. Il piano di spartizione della terra è stato approvato da quasi tutti i paesi dell'ONU, compresa l'Unione Sovietica. E' stato un normale processo di decolonizzazione. Sobillati da Hadji Amin, che poi si è alleato con Hitler e ha perfino formato un battaglione di SS, i palestinesi hanno rifiutato di costituire il loro stato, cominciando la politica che oggi è attuata da Hamas. A Camp David nel 2000 tutte le loro richieste sono state accolte ma all'ultimo momento hanno fatto marcia indietro. Pochi mesi fa c'è stata perfino una guerra civile fra i palestinesi che vogliono uno stato e quelli che vogliono impedirglielo. I problemi nascono tutti da qui. Non puoi dare un giudizio obiettivo se non tieni conto di questi fatti

dragor (journal intime)

gian49

Se Israele e' tanto odiato, ci dovra' pur essere una buona ragione.... Mica son tutti Himmler.....

gian49

Dragor. Piu' scrivi falsita', piu' aumentano i nemici d'Israele: cerca di convincertene, se non e' quello che vuoi!

dragor

Gian49, le mie "falsità" sono verificabili su qualsiasi libro di storia

dragor (journal intime)

I commenti per questa nota sono chiusi.