La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Cossiga? No, grazie | Principale | Perché è musulmano »

19/08/10

Commenti

Alberto

Caro Dragor, “in trincea non ci sono atei” vuol dire che ognuno di quelli che ha la sventura di trovarsi in quella situazione prega Dio di salvargli la vita. Maledicendo il giorno in cui ha pensato bene di offrirsi volontario…

Sul resto sono d’accordo con te, i kamikaze fanno quello che fanno perché credono di guadagnarsi il paradiso. Ma sono dei pazzi e degli stupidi, la maggior parte dei quali giovanissimi - e quindi ancora piuttosto ingenui.

umberto novara

Dragor,anche se ,come al solito ho fretta, desidero dire due cosette: La PRIMA è che sei Grande (ma forse non so che sei un “letterato”): se è farina del tuo sacco,leggendo la ‘descrizione’ dei “tempi di napoleone” mi sembrava di leggere uno dei grandi (sempre) romanzieri russi, una pagina degna di essere riportata in quei romanzi storici che tanto aiutano ad avvicinarci alla storia ‘ufficiale’.,pagina che avrei letta volentieri ai meie studenti.SECONDA: sulla prima guerra mondiale…faccio fatica, perché ho già detto,altrove, che il mio s’secondo padre’,il nonno materno, non è più tornato, disperso…nemmeno la piastrina. Dici bene; però completiamo che ,quando uscivano dalle trincee,quasi sempre era un assalto all’arma bianca,di gente – quei poveri contadini per lo più-, riempita di grappa, e per una tattica militare da incoscienti. Se ne fossi capace tri trasmetterei ( se non l’hai visto) una sequenza del film di Rosi (1970): “Uomini contro”, ispirato a Lussu:”Un anno sull’altipiano”. Ora devo correre in fretta: però ricordati che anche gli atei ( almeno alcuni) sanno morire, come gli illusi credenti in Dio,perché possono credere in un altro valore: la Libertà…che trasmetteranno ai loro figli, o ai posteri, forse consapevoli che potranno calpestarla… e i nostri giorni non insegnano nulla?.Ma tu lo sai,con il tuo impegno quotidiano.

Alex

Et les anarchistes, les nihilistes, les surréalistes ?....Un athée peut tout aussi bien commettre un acte kamikaze, simplement pour la beauté du geste....car, mourir, au fond, ce n'est pas si grave que ça !
Alex

Alex

Ha ragione Umberto Novara. Un anno sull'altipiano ! più bello libro contro la guerra mai scritto. Uscire dalla trincea non è come giocare alla roulette :
http://www.youtube.com/watch?v=y5FPHZmmN9I
Alex

umberto novara

Di ritorno: Grazie,Alex.
Non dimentichiamo D'Annunzio: carne da cannone. Quelli per me sono più che fratelli, sono i miei padri (come mio nonno),di cui conservo sempre con me la lettera che scrisse ai figli ( e quindi mia madre)...dite sempre le vostre orazioni, e pregate per me,che siamo in cattive acque. E da allora: chi è il più grande tra noi? Cjiedo scusa a tutti.

dragor

Si' Alberto, conosco il significato originale: in trincea diventano tutti religiosi. Ma nel titolo ho detto che gli atei non vanno in trincea. Un libero pensatore si guarda bene dal rischiare la pelle.
I kamikaze sono giovanissimi, ma la carne da cannone è fatta anche di adulti

Ciao, buona giornata, a presto

dragor (journal intime)

dragor

Umberto, grazie per l'apprezzamento. In effetti mi sono ricordato le descrizioni di Tolstoi e più ancora la famosa descrizione della battaglia di Waterloo di Victor Hugo ne "I Miserabili". Grazie per i suggerimenti. Non manchero' il film e il libro.
Per un ateo la vita è più importante della libertà, visto che da morti non c'è né una né l'altra. La libertà non va trasformata in feticcio ma si conquista con un combattimento ragionato.

Ciao, buona giornata

dragor (journal intime)

dragor

Alex, les anarchistes et les nihilistes ne sont pas athées, ils ont remplacé une église par une autre. Géniale la scène de Uomini Contro, mais il parait que ces cuirasses ne marchent pas très bien. Si c'est pas la roulette, c'est le chemin de fer...

dragor (journal intime)

umberto novara

Per una settimana non darò più fastidio, per questo,mentre sto preparando la valigia, saluto Dragor, grato dei suoi stimoli alla riflessione.* LA MENZOGNA GLOBALE,l’IMMENSA MENZOGNA dell’ateo:l’ateo dice che Dio non esiste,che non c’è ALTRA vita dopo la morte,speculando sul fatto che nessun morto potrà mai tornare per dire che sì,Dio c’è,QUELLA “vita” (ma perché chiamarla così?) c’è… ( ma se anche tornasse ,quel morto…cosa c’è scritto nel Vangelo? Cosa viene risposto al ricco epulone che fa questa richiesta? ). Ma questo non è l’autentico ateo, (che non abbia sostituito un feticcio con un altro).** Dragor è l’ateo autentico: “non sono io che devo dimostrare che Dio non esiste…ecc.ecc. ; è il non-ateo che deve dimostrare…” Infatti io,Umberto, non dico che credo che Dio esista, che c’è una dimensione di eternità già in questa vita, che è poi quella della pienezza del dopo-morte: questo LO SO ( non lo credo)-fondamento ultimo della ragione-. Poi viene l’altro ( che è UNA CONTINUA RICERCA): la dimensione della fede,quindi “la religione”.*** Questa dev’essere sempre a confronto con ciò che è ‘intrascendibile’:la ragione. E Dragor fa bene a criticare l’abuso che il credente può sempre fare… ( Dragor, non ti sei mai chiesto che altro ha fatto un certo Gesù di Nazaret,ai suoi tempi, quando criticava certi uomini,la “religione”, del suo tempo?Anche se solo 'per metà' hai un 'precedete',che ti fa onore,visto che dovrebbero SEMPRE farlo-e avrebbero dovuto - uomini di chiesa). La RICERCA CONTINUA: il pericolo che si prenda il proprio desiderio per realtà . Ma la ragione opera sempre: che altro significa tutto il discorso sulla ‘demitologizzazione’, preceduto però dagli approfondimenti che la ragione (al suo apparire-l’alba della filosofia- ha sempre fatto?). Ogni persona,in sé,lo può capire;forse tutti:anche i fanatici lo intuiscono.**** Platone: “ Trattandosi di questi argomenti, non è possibile se non fare una di queste cose:o apprendere da altri come stiano le cose,oppure scoprirlo da se stessi,ovvero,se ciò è impossibile,accettare,fra i ragionamenti umani,quello migliore e meno facile da confutare, e su quello,come su una zattera, affrontare il rischio della traversata del mare della vita.” (Fedone,85C9).La terza possibilità è quella 'giusta', dell’ATEO AUTENTICO e del NON-ATEO AUTENTICO. E così si risponde anche a Kant: ‘Uscita dallo stato di minorità,imputabile solo a se stessi… sapere aude.”

I commenti per questa nota sono chiusi.