La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Il multiculturalismo si fa in due | Principale | Halloween? No, Padre Pio »

28/10/10

Commenti

castalia

Mia madre fa la donna delle pulizie in una casa di riposo e quando le ho detto che aumentare l'età pensionabile a 65 anni anche per le donne mi sembra una cosa giusta mi ha risposto "beh, ma bisogna anche guardare che tipo di lavoro uno fa".
Non ha tutti i torti, nel senso che fare le pulizie a 65 anni può essere effettivamente pesante, ma aumentando gli anziani e diminuendo i giovani chi le paga le pensioni?
Penso che quando inizierò a lavorare mi farò anche una pensione privata che di quella pubblica mi fido veramente poco...e comunque i francesi sono assurdi, cioè, da 60 a 62 anni tutte 'ste storie?

STEFANO

La Francia ha scoperto l'Italia,e non solo per gli scioperi.Ha anche deciso di informarci di voler andarsene dall'Afghanistan,dopo le minacce di Bin Laden:buon viaggio,ed in bocca al lupo.

 dragor

Ciao Castalia, che piacere sentirti. Certo, non tutti i lavori sono uguali, ma la vita media si allunga per tutti. 65 anni oggi sono come 50 anni un secolo fa. In ogni caso i francesi sono pronti a fare un'altra rivoluzione per andare in pensione a 60. Non un mese di più

Ciao, buona giornata

dragor (journal intime)

 dragor

Stefano, naturalmente dicono che Ben Laden non c'entra e che il ritiro era già programmato. Io sono contrario a scappare, ma non al ritiro. Quella guerra non si puo' vincere. Restare significa morire per niente.Lo hanno capito perfino russi.

Ciao, buona giornata

dragor (journal intime)

giocanni

francesi cani

Pier

Dragor
Oggi a Milano, di Venerdì ovviamente come sempre, Treni, Tram, Metro, ma chi ci capisce bene è bravo ! sarnno fermi a turni ed oraro diversi.
Si ripete la solita sceneggiata, alcune sigle scioperano, ad orari intermittenti ; poi, dalle 18, quasi tutto fermo, molti non lo sanno e restano inchiodati per ore, taxi introvabili, traffico impazzito ecc. ecc.
Ormai è da decine di anni.
L'Azienda non paga le ore, i cittadini si arrangiano.
Un giorno in una discussione dissi ad un tranviere " Se le Vs. condizioni economiche sono così miserevoli come dite, a cosa sono servite tutte le sevizie che avete inflitto ai cittadini in questi ultimi 40 anni (dal 1970 al 2010) ?
Un qualsiasi singolo, VERO sindacalista, dilettante , retribuito con pochi soldi ed operante nel tempo libero Vi avrebbe fatto ottenere di più, senza rom.......a noi e farVi odiare (ovviamente in silenzio, nella media ipocrisia Italiana) da noi cittadini Milanesi.
Ed anche Italiani perchè poi, per treni ed Aerei ecc. è la stessa musica.

Per l'Afganistan, anche per Stefano, mi pare che quanto scrissi sia sufficente.

Attendo sempre il promesso ripensamento per Garibaldi.

Pier

marianna

Il diritto di sciopero deve esserci.
E' chiaro che bisogna, come in ogni cosa, valutare il tipo di sciopero ma guai diversamente!
Non credo che il problema siano solo i due anni di anzianità in più.
Non ho approfondito la questione ma i provvedimenti di Sarko non mi piacciono.
A presto.
Marianna

Pier

E' chiaro che il diritto di sciopero deve esserci, ma mancano le regole di attuazione specifica, da sempre, pur previste in Italia dagli art.39 e 40 della Costituzione ma che in questo caso nessuno invoca o contesta.
Grazie comunque a Dragor perchè Venerdì 29 leggendo il post mi ha evitato il disagio del quale avrei sofferto. Infatti dimenticando quanto sentito per radio il mattino pensavo di andare in Centro a Milano, dalla zona Sempione ed avendo previsto il rientro verso le 19 sarei caduto in pieno nel caos.
Pier

Alberto

In realtà la medicina ha solo aumentato la vecchiaia: ogni persona che arriva a 60 anni ha i suoi acciacchi. Forse tu frequenti divi del cinema - gente che passa tutto il giorno in palestra e quindi sta messa meglio degli altri - ma per le persone normali non è così.

Quanto alle tue geniali trovate per rovinare il padrone senza rovinare gli utenti, è solo demagogia molto spicciola.

Demata

Ciao Dragor, hai ragione ma ... dovrebbe contare che lavoro si fa, quanti anni s'è lavorato e come si sta in salute.
Io ho 52 anni, 36 anni di contributi pagati ed un paio di malattie croniche.
Se vivevo negli USA, od in qualunque altro posto dove la previdenza è privatizzata, oggi ero in pensione con il massimo.
Siccome vivo nell'Europa latina e sindacalizzata, saro' costretto a lavorare almeno altri 3 anni, dato che il Lazio mi nega l'invalidità (unica regione in Europa) per bloccarmi il pensonamento anticipato.

Cosa vogio dire?
L'età lavorativa è il parametro corretto (35-40 anni di lavoro) e non 60-65 anni di età anagrafica: chi inizia a lavorare 17 anni a 57 DEVE smettere.
Il sistema gestionale e previdenziale francese e/o italiano NON funzionano: le pensioni sono mtera assiurativa e non sindacale.

Tesea

Rassicuro Pier,
venerdì 29, a Milano, da zona Sempione sono andata tranquillamente in un'altra zona, durante lo sciopero a singhiozzo tra un tram e l'altro.
Tesea

 dragor

Giocanni, allora italiani gatti. Visto come vanno d'accordo... :-)

dragor (journal intime)

 dragor

Caro Demata, questo vale anche per la Francia. C'è una sproporzione evidente fra i mezzi impiegati e i risultati ottenuti. A parte il fatto che, come siggerisco nelpost, c'è una quantità di distemi per danneggiare l'azienda senza danneggiare gli utenti.
Per Garibaldi hai ragione. mea culpa. Domani torno sul post e ne parlo bene. Fra l'altro lo adoro

dragor(journal intime)

 dragor

Cara Marianna il diritto di sciopero è sacro ma non deve ledere i diritti dei cittadini. Esistono molti modi per scioperare denza danneggiare gli urenti. E' soltanto la pigrizia mentale che produce milioni di ostaggi

Un abbraccio, buona serata

dragor (journal intime)

 dragor

Alberto, con acciacchi o meno, la vita media si è allungata e questo non lo dico io. Cosi', in proporzione, si deve alzare anche l'età della pensione. La mia sarà anche demagogia, nel senso di prestare attenzione al popolo, ma non spicciola. Guarda gli scioperi dei casellanti delle autostrade, dove casellanti e utenti sono felici e soffre solo il padrone. Ecco il modello da seguire

dragor (journal intime)

 dragor

Tesea, haidetto bene. Infilarsi fra uno sciopero e l'altro. E' quello che facciamo da mesi

dragor (journal intime)

Pier

Tesea,
certo quando gli scioperi sono per sigle, per società ATM o MM o Treni se becchi il "singhiozzo" giusto vai, ma se becchi quello sbagliato .... son c. amari!
In Giugno sono rimasto bloccato in P.za Fontana dalle 18.30 alle 21.30 in un caos pazzesco,anche i taxi bloccati, anzi inesistenti, perchè, ben informati, se ne vanno prima dal centro.

Dragor vedo che mi confondi con Demata, che saluto, ma non mi risponde più da quando non accetta più i commenti su Minima Moralia. In ogni caso sono io che ti scrissi per Garibaldi,per la sua lungimiranza e abbastanza contro Mazzini.

Se vuoi rileggiti il commento che io ora non saprei ritrovare.

Pier

Alberto


Caro Dragor, i treni non viaggiano da soli e le lettere non si consegnano da sole. Per cui se i dipendenti di queste aziende fanno sciopero è ovvio che il servizio si ferma. Lavorare lo stesso ma senza far pagare il servizio ai clienti? Qualcuno potrebbe ravvisare in questo un reato. Cosa più evidente nel caso delle pompe di benzina. Se i gestori regalassero la benzina (che non è di loro proprietà) sarebbero accusati di furto e sbattuti in galera. Ma il principio vale per tutti. Unica eccezione le autostrade: funzionano anche senza dipendenti. Ce ne siamo accorti tutti il giorno che c’era sciopero e non abbiamo pagato al casello. Purtroppo i casellanti sono stati presto sostituti con delle macchinette automatiche che non scioperano mai.

Ad ogni buon conto, lo sciopero è un diritto e non un delitto.

I commenti per questa nota sono chiusi.