La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Sono cresciuta con Harry Potter | Principale | Costa d'Avorio, un paese, due presidenti »

01/12/10

Commenti

Ivano

A riguardo dell'orgoglio: penso che ti capiti, in alcune circostanze, di essere orgoglioso non solo di battere tua figlia, ma proprio di tua figlia. Ecco, in questo caso ritengo si tratti di puro amore.

Alberto

Caro Dragor, questo post è il segno che i miei argomenti ti hanno un po’ scosso e non sapendo come replicare chiedi consiglio ai tuoi lettori. Ma loro non sanno come sono andate le cose. Allora dobbiamo spiegarglielo.

Prima di tutto cosa c’entra l’orgoglio? Ti ho detto che sei troppo orgoglioso perché ti sei rifiutato di rettificare il post in cui dicevi che tutti gli italiani sono mafiosi. Una offesa gratuita e anche senza senso. Se io avessi offeso gli ebrei come popolo, tu che sei ebreo mi avresti accusato di essere antisemita. Ma tu puoi offendere tutto il popolo italiano senza che nessuno faccia una piega.

Se poi ho detto che molti tuoi post sulla religione sono deliranti è perché ti diverti ad offendere (ancora una volta) tutti i seguaci delle religioni con affermazioni a dir poco disgustose. Sul cristianesimo hai scritto che Gesù Cristo era un omosessuale e pedofilo e tante altre cose che adesso non voglio ricordare. Io non sono cristiano, ma non mi sognerei mai di offendere i cristiani o i musulmani come fai tu, con discorsi neppure degni di essere ripetuti (se qualcuno non ha capito a cosa mi riferisco, basta che si rilegga i post precedenti).

Non mi sognerei mai, ripeto, di offendere i seguaci di altre religioni come fai tu perché conosco il valore della tolleranza, su cui è basata la convivenza civile. Le tue parole sono semi di odio che tu pianti continuamente. Se nel mondo ci fossero molti che la pensano come te, il sangue scorrerebbe a fiumi per le strade. Come succede in India, dove indù e musulmani spesso e volentieri si sgozzano a vicenda. O in Iraq, fra musulmani sunniti e sciiti. O in Israele, fra israeliani e palestinesi.

Siccome la tolleranza per me è un valore io – anziché insultarti - mi sono messo con pazienza a cercare di spiegarti i tuoi errori, ma tu non vuoi proprio capire, perché sei troppo vecchio o troppo stupido. A proposito, non chiederti perché la Stampa vuole chiudere i blog. È troppo evidente che li chiude perché è stufa di ricevere lettere di protesta da gente che si sente offesa dai tuoi “sermoni”.

Pim

Il problema è capire chi delira: chi lo decide? La Chiesa oppure tu? Esiste una realtà oggettiva cui fare riferimento, oppure ciascuno di noi percepisce una propria realtà che è comunque vera?
(La seconda che ho detto.)
L'universo è un luogo oscuro e silenzioso che ciascun essere riveste di significato.

Ciao Dragor.
Pim

dragor

Ivano, questo è vero, sono orgoglioso di mia figlia. E siccome si distingue in vari sport, sono orgoglioso quando riesco a batterla

dragor (journal intime)

dragor

Caro Alberto, la replica è il post, che mi sembra abbastanza argomentato. E un ogni caso non c'è niente di male ad allargare un discorso. Anzi, dovrebbero farlo tutti.
Non ho detto che tutti gli italiani sono mafiosi. Ho detto che sono potenziali mafiosi, visto lo scarso senso dello Stato e la predominanza della cultura familiare. Non sono l'unico.
I massacri che descrivi sono provocati dall'intolleranza religiosa. Io la denuncio e sarei io a seminare l'odio?
Senza bisogno di chiudere i blog, la Stampa avrebbe potuto cancellarmi.Con qualcuno lo fatto. Invece mi ha spesso evidenziato.

Ciao, buona serata

dragor(journal intime)






dragor

Pim, esistono degli strumenti oggettivi per distinguere la realtà dal delirio. Finché sono distinti, vanno benissimo. Gli stati deliranti possono favorire la percezione e la creazione. La patologia comincia quando si confonde il delirio con la realtà.

Ciao, a presto

dragor (journal intime)

Alberto

caro Dragor, complimenti per la coerenza. Fai un blog sull’Italia e dopo 4 anni ci riveli che ci consideri tutti potenziali mafiosi. Come sei simpatico! Un vero amico! A proposito non vedo una grande differenza fra “potenziali” mafiosi e mafiosi.

Ma soprattutto non vorrei che tu, dando a noi italiani dei mafiosi, facessi proprio come i matti del tuo ospedale psichiatrico, che danno del “matto” ai medici. In altre parole, non vorrei che il mafioso fossi proprio tu. Io un paio di idee sulle tue attività ce le avrei. Per esempio, so che dal Ruanda arrivano in Europa una grande quantità di diamanti di contrabbando, tu non c’entri niente, vero?

Come vedi anche io posso scrivere cose deliranti, che offendono le persone. E se tu ti arrabbi, io ti rispondo che lo faccio in buona fede, perché voglio combattere la mafia.

Ma sulla tua buonafede io la mano sul fuoco non ce la metto. Non ti credo quando dici di essere uno spirito libero, che combatte per la libertà di pensiero. Perché non me la conti giusta… Alcuni tuoi commenti sembrano scritti da un fanatico religioso, e un fanatico non può dire di essere contro la religione. Al massimo, può essere contro le religioni altrui.

Ed è proprio quello che fai tu: attacchi e denigri le religioni diverse dalla tua, il cristianesimo e l’islam, che hanno sempre perseguitato gli ebrei. Certe tue affermazioni che io ho definito “deliranti” non sono necessariamente opera di un pazzo, ma di un individuo che odia con tutto il cuore altre persone e sfoga il suo odio attraverso la religione. Proprio come fai tu.

Edelweiss

A me l'unico delirante sembra l'autore di questo post e affini, sempre pepetuando gli stessi concetti.
Edelweiss

dragor

Edelweiss, anche le religioni perpetuano gli stessi concetti. Senza prove e da più tempo

dragor (journal intime)

Rogard La Poisse

Et il leur dit : C'est pourquoi, tout scribe instruit de ce qui regarde le royaume des cieux est semblable à un maître de maison qui tire de son trésor des choses nouvelles et des choses anciennes.

dragor

Alberto, questa è bellissima, la raccontero' in sinagoga :-) Adesso devo scappare, aspetto una partita di diamanti dal Rwanda

dragor(journal intime)

Alberto

Arlecchino si confessò burlando...

I commenti per questa nota sono chiusi.