La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Roberto Vecchioni: Chiamami Ancora Morte. | Principale | Baciamo le mani »

23/02/11

Commenti

Pim

Montanelli ebbe il merito di essere il primo a squarciare il velo su ciò che realmente fu il colonialismo italiano. La verità è che non ci comportammo diversamente dalle altre potenze imperialiste.
"Il potere e le armi fanno l’uomo assassino": verissimo. Inutile ribadire una diversità, una superiorità che non abbiamo.

Buona giornata, caro Dragor.
Pim

Pim

Montanelli ebbe il merito di essere il primo a squarciare il velo su ciò che realmente fu il colonialismo italiano. La verità è che non ci comportammo diversamente dalle altre potenze imperialiste.
"Il potere e le armi fanno l’uomo assassino": giustissimo. Inutile ribadire una diversità, una superiorità che non abbiamo.

Buona giornata, caro Dragor.
Pim

dragor

Pim, mi sembra che Montanelli abbia squarciato il velo in chiave colonialista. Se non sbaglio,ha partecipato all'invasione dell'Etiopia.

Ciao, buona notte

dragor(journal intime)

latomm


Come l’occasione fa l’uomo ladro, il potere e le armi fanno l’uomo assassino. Il nostro prossimo è un assassino mancato, frenato soltanto dalla debolezza e dal timore della punizione.
Per la maggior parte gli italiani non sanno quello che è successo ed è proprio per questo che la cosa può ripetersi. Perché nessuno è più pericoloso di chi si dà una patente di bontà. 

Molto ben detto, condivido totalmente.

Il punto é che l’uomo non è cambiato, nella sua base genetica, negli ultimi 13 mila anni. Ciò che ci confonde le idee è il fatto che nell’insieme la quantità di violenza nel mondo è realmente diminuita (naturalmente sempre rapportata alla popolazione del periodo considerato). Ma ciò non grazie al cambiamento della natura umana, ma grazie alle caratteristiche dell’intelligenza nostra specie, che ha incluso tra i migliori mezzi per la propria sopravvivenza anche quello di un’organizzazione sociale capace di evolversi. E’ quindi l’evoluzione delle istituzioni che ha favorito un sempre migliore modus di convivenza. E sono quelle che hanno progredito globalmente.
Che gli italiani fossero , almeno apparentemente, piuttosto miti -cosa da verificare periodo per periodo - potrebbe esser stato dovuto a condizionamenti sociali di tipo culturale di vario genere. Ma questo è ben diverso dal pensare di esser “brava gente” tout court.

Perciò il tuo rifermento alla STORIA è particolarmente prezioso.

PS Anche se la stessa STORIA deve sempre metterci in guardia nel giudicare le crudeltà passate, perché anche queste vanno considerate nel loro contesto, ovvero comparate al tasso di violenza e ai modi in cui questa si esercitava in quel periodo e in quella civiltà.
Oddio, quanto ancora ci sarebbe da dire….. ma perché fai dei test così provocatori e stimolanti?

dragor

Latomm, grazie per l'apprezzamento e per l'interessante commento. E' vero lo scopo del post era quello di provare che il colonialista più pericoloso è quello che si dà una patente di bontà, un po' come succede con la religione che copre i peggiori crimini. Ho parlato di tutto questo nei miei post sul Rwanda, li trovi nella categoria "Rwanda". In realtà bisognerebbe sempre diffidare di se stessi e considerarsi, come dici tu, dei selvaggi con una crosta di civiltà che sparisce alla minima occasione. Ciao, buon sabato

dragor (journal intime)

I commenti per questa nota sono chiusi.