La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Storiella rwandese | Principale | Hôtel des Mille Collines, 6 aprile 1994, ore 18,57 »

11/07/11

Commenti

Alex

Commovente e divertente queste rwandesi che scopano sempre allo stesso modo..."E’ un’umile spazzina ma riveritela come una regina" Un'esperienza infelice Dragor ? Lo dico perché, secondo me, la scopa corta potrebbe anche diventare una frusta nelle mani della moglie quando il marito nizzardo, troppo tirchio, non vuole cambiare l'aspirapolvere e tiene questo tipo di discorso...
Alex

PuntoG

Credo che i gesti dei popoli dovrebbero essere rispettati e mantenuti ad imperitura memoria e letti nel contesto in cui vivono perchè ricchi di significati e chiave profonda di lettura. Non certamente spazzati via in nome della globalizzazione.
Mi sa che è l'estate a portare queste riflessioni, visto che anche io le ho riportate sul mio blog.

Ciao

PuntoG

Pim

Si può contribuire alla rinascita del proprio Paese anche scopando le strade. E questa è una grande lezione.

marianna

Un post davvero molto significativo !
Dignità, tradizione, ordine e rispetto della"cosa" pubblica : tutti grandi valori e grande lezione per noi del Nord del mondo.
Ecco qualcosa da osservare e su cui riflettere.
Grazie.

Un abbraccio sempre affettuosamente nostalgico e buona notte.
Ad Olbia oggi almeno 35 gradi...puoi immaginare!
Solo il mare ...salva.
Marianna

dragor

Alex, non e' un discorso sessista. La scopa corta e' usata anche dagli uomini. Io, per esempio, la uso regolarmente quando c'e' da scopare e devo dire che funziona molto bene

dragor (journal intime)

dragor

Pimm, questo e' un governo ecologista. Anche la plastica e' proibita. Pero' dovrebbe fare qualcosa di piu' per la demografia. Con una media di 6 figli per famiglia e la prospettiva di 40 milioni di abitanti per il 2030, ci si dovrebbe preoccupare anche dell'inquinamento umano

dragor (journal intime)

dragor

Cara Marianna, purtroppo c'e' una tradizione che andrebbe cancellata e che invece persiste malgrado i (timidi) tentativi del governo di fare una politica demografica: la tradizione di fare famiglie numerose. Con una media di 6 figli per famiglia, presto il problema non sara' piu'solamente quello di spazzare un po' di polvere.

Per fortuna avete il mare! Qui c'e' la piscina (ma appena posso, corro a tuffarmi nel Tanganyka)

Un abbraccio, a presto

dragor (journal intime)

I commenti per questa nota sono chiusi.