La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Dopo la primavera araba, l'estate islamica | Principale | Yvonne Chaka Chaka, operazione Mani Pulite »

19/07/11

Commenti

Ivano

In Rwanda il problema della densità abitativa è talmente sentito,da parte di chi ha un minimo di cultura per rendersene conto, che ho persino sentito dei preti dire che lì bisogna fare meno figli altrimenti non si riuscirà mai ad avere un reale miglioramento delle condizioni di vita.
Speriamo che anche i preti si contengano un pochino nel fare figli.

Davide

Probabilmente c'è una svista nel post: 6 figli ALL'ANNO mi sembrano non irragionevoli, proprio impossibili! :-p

Altra cosa che non capisco: se il reddito MEDIO PRO CAPITE è pressoché triplicato, e la popolazione è parimenti aumentata, non significa che il PIL dovrebbe essersi grossomodo quadruplicato a sua volta? il 400% in 10 anni mi sembra ben più del 7% annuo...

Pim

Un figlio è poco, due sono troppi (battuta che ripeto da anni. Per non sbagliarmi, non ne ho fatto nessuno...).
Una bella campagna di pianificazione delle nascite sarebbe l'unica soluzione. La popolazione andrebbe sensibilizzata in questo senso, ma credo che la maggior parte, soprattutto per quel che riguarda i ceti meno acculturati, non recepirebbe il messaggio. E poi c'è la Chiesa cattolica...
A meno che non chiamiate Tremonti che, con i suoi soliti giochetti da prestigiatore, potrebbe moltiplicare a piacere il PIL del Rwanda. "Non siamo mica la Grecia"...

dragor

Ivano, stanno facendo del loro meglio. Sono riusciti a scendere a una media di 3 figli per prete :-)

dragor(journal intime)

dragor

Davide,mi sono espresso male. Grazie di avermi segnalato l'errore. Volevo dire che una media di 6 figli per coppia (che e' comunque un dato impressionante).
Sullo sviluppo riporto i dati che trovo su The New Times. Stavoltase c'e' un errore e' colpa loro. Anche a me sembrano un po' sballati.

dragor(journal intime)

marianna

Una saggia politica del controllo delle nascite è indispensabile in Africa.
E non penso che bisogni prendere ad esempio altri Paesi.
Bisogna creare opportune occasioni formative per le giovani coppie.
La premessa è quella di un'alfabetizzazione di base a tappeto..per veicolare ovviamente i successivi contenuti.
E vedrai che in Rwanda funzionerà.

Ti abbraccio sempre con gratitudine ed affetto.
Buona domenica a te e Dedé.
Marianna

dragor

Cara Marianna, il tempo stringe. Il tuo e' un piano a lunga scadenza che dara' sicuramente frutti nel futuro, ma qui occorre un piano per l'immediato. Bisogna fare come la Cina: minaccia di multe e pene detentive a chi fa piu' di 2 figli, incentivi a chi accetta di farsi sterilizzare.

Un abbraccio, buon lunedi', a presto

dragor (

Matteo

Scusate, forse non ho ben capito, ma per quale motivo il controllo delle nascite potrebbe portare più ricchezza materiale?
Il modello di Verhulst che ha funzionato per molti paesi durante il loro sviluppo afferma che il tasso di riproduzione è proporzionale all'ammontare di risorse disponibili. L'idea Malthusiana, del collegamento tra ricchezza e popolazione è stato ampiamente screditato. Anche perchè è più plausibile il concetto di salario di sussistenza, (livello medio del salario necessario per soddisfare le esigenze ritenute fondamentali). Quindi o in Rwanda le persone che fanno molti figli non hanno la percezione di essere poveri oppure pensano che fare molti figli li renderà in qualche modo più ricchi (o più felici ma questa è un'accezione etica). Si, si potrebbe fare come in Cina, ma che funzioni li non significa niente. In italia non si fanno figli, ma non vedo crescite importanti del Pil.

dragor

matteo, non sono uno specialista ma cerco di lasciarmi guidare dal buon senso. Dove c'e' da mangiare per 2, non ce n'e' per 4. Qui in Rwanda il problema del salario di sussistenza non esiste perche' la stragrande maggioranza della popolazione non ha un salario. Se in Italia si facessero figli come una volta, sono sicuro che ci sarebbe piu' emigrazione e un abbassamento generale del tenore di vita.

dragor (journal intime)

dragor

Matteo, non sono uno specialista ma cerco di lasciarmi guidare dal buon senso. Dove c'e' da mangiare per 2, non ce n'e' per 4. Qui in Rwanda il problema del salario di sussistenza non esiste perche' la stragrande maggioranza della popolazione non ha un salario. Se in Italia si facessero figli come una volta, sono sicuro che ci sarebbe piu' emigrazione e un abbassamento generale del tenore di vita.

dragor (journal intime)

I commenti per questa nota sono chiusi.