La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« L'Art Déco a Bujumbura | Principale | Victoire Ingabire, finalmente il processo »

05/09/11

Commenti

marianna

Carina questa suorina o aspirante tale cioè.... postulante o novizia!
Come confutare ciò che scrive?
Ha perfettamente ragione.
E la cosa non riguarda, ahimé, solo Parigi.
Comunque l'immedesimazione attraverso lo stile epistolare ti è riuscita benissimo.Mi sono divertita un mondo e t'immaginavo mentre ti calavi, scrivendo, nei panni di Scholastique.
SEI GRANDE !

Un abbraccio affettuoso.
Marianna

dragor

Cara Marianna, lo scopo di questa serie e' sfatare certi miti secondo i quali gli africani che vengono in Europa si estasiano davanti alla civilta' europea. Invece di solito restano delusi. Questi post sono il compendio di tutto quello che ho sentito dire. Scholastique non e' una suora ma scrive come la maggior parte delle rwandesi, cominciando ogni lettera con un'introduzione religiosa.
Certo che l'immedesimazione mi e' riuscita, pensavo a Montesquieu :-)
Grazie per avermi letto, un abbraccio affettuoso

dragor (journal intime)

Marcello

Bè, si è molto comprensibile.
Generalmente gli immigrati africani che arrivano in Europa non frequentano locali chic e abitazioni borghesi, ma più che altro marciapiedi e palazzoni popolari.
Del resto anche un europeo che visitasse solo le baraccopoli africane o i campi profughi potrebbe restare un tantino deluso dall'Africa.

Alberto

Molto divertente, spontaneo, sembra davvero scritto da una persona che vede l'Europa per la prima volta.

P.S. Anche io credevo che fosse una suora... ;-)

dragor

Marcello, quesa e' un'immigrata borghese che frequenta i posti chic. Sono proprio auesti a deluderla. Scholastique spieghera' tutto nei prossimi post...
Ciao, buona giornata

dragor (journal intime)

dragor

Ciao, Alberto. L'effetto-suora dipende dall'abitudine delle rwandesi-bene di cominciare le lettere con un'introduzione religiosa. Grazie per l'apprezzamento. In effetti le impressioni sono autentiche, le ho sentite decine di volte da Rwandesi emigrate in Europa.
Ciao, buona giornata

dragor (journal intime)

Pim

Nei miei viaggi nel Vicino Oriente ho sempre provato la curiosità di capire che cosa pensassero degli Europei (e degli italiani) quelle popolazioni. L'immagine che rimandiamo è il più delle volte imprecisa e stereotipata, però fa riflettere. I pareri di "Scholastique" sembrano stranianti, però dicono molto al riguardo.

Ciao Dragor, buona giornata.
Pim

dragor

Pim, il problema e' che anch'io vedo l'Europa come Scholastique. Perche' credi che stia qui? :-)

A presto

dragor (journal intime)

I commenti per questa nota sono chiusi.