La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Old Rwanda | Principale | Il risveglio dei cretini genera mostri »

24/02/12

Commenti

Pim

A me Celentano sembra Frate Cipolla, descritto da Boccaccio nel Decameron (anche se molto meno simpatico e ancor meno furbo). Un venditore di indulgenze e reliquie fasulle come ne giravano nel Medioevo...

Simplicio

Un grande giornalista lo aveva definito un "idiota di talento" .......il talento ovviamente si riferiva solo all'attività canora...

Alberto

Caro Dragor, per quanto Celentano non stia simpatico neanche a me, devo dire che il tuo ragionamento presta il fianco ad almeno due critiche: in primo luogo ti sei scordato del bisogno di spiritualità da parte dell’Uomo, che non è solo bisogno di aderire ad una religione, perché sono moltissime le persone che credono in Dio o nella reincarnazione pur senza aderire a nessuna religione. E non c’è ragionamento filosofico che possa distrarre la gente da questa loro passione: sarebbe come cercare di convincere la gente a non mangiare!

Credere, per moltissime persone, è un bisogno naturale quasi come mangiare e bere e il fatto che tu e certi filosofi del passato come Marx o Nietsche riteniate che la religione sia una sciocchezza, non gli fa né caldo né freddo. A riprova di tutto ciò, il fatto che non appena una religione perde credito, viene immedietamente sostituita da un’altra (come sta succedendo con il Cristianesimo, che sta perdendo seguaci, a favore di altre religioni come la New Age o il Buddismo).

Poi c’è il fatto che tu e Celentano, a dispetto delle apparenze, vi assomigliate moltissimo. Siete in entrambi i casi due illusi che credete, con le chiacchiere, di cambiare il mondo e riuscite solo a mettervi nei pasticci. Lui con il suo attacco ai giornali del Vaticano è riuscito a farsi buttare fuori a vita dalla Rai, tu con i tuoi attacchi al Vaticano sei riuscito a far chiudere tutti i blog della Stampa. Complimenti!

dragor

Simplicio, tutto sommato mi sembra abbastanza furbo. Con i suoi sproloqui alla TV guadagna ancora più che imitando (male) Elvis Presley.

dragor (journal intime)

dragor

Pim, io scarterei il talento e lascerei il resto

dragor (journal intime)

dragor

Alberto, la cosiddetta spiritualità è in gran parte bisogno di potere, ovvero bisogno di controllare quegli aspetti della realtà che sfuggono alla comprensione razionale e simultaneamente di attribuire delle leggi al caso per prevedere gli eventi e ridurre l’angoscia. In poche parole, una scorciatoia per il benessere psichico. Questo bisogno non si esprime soltanto con le religioni ufficiali ma anche con la magia, la veggenza, la cartomanzia,l'astrologia, le superstizioni, la parapsicologia, gli extraterrestri, lo spiritismo, le credenze. Se hai un amico onnipotente anche tu sarai più forte, una dinamica che comincia nell’infanzia con la richiesta d’amore nei confronti dei genitori e con i personaggi immaginari che popolano l’universo dei bambini. Ma il fatto che milioni di persone credano a queste cose non significa che siano vere. La vera spiritualità non sono gli spiriti, è lo studio.
Ciao, buona notte

dragor (journal intime)

Alberto

Caro Dragor, forse è vero che la spiritualità è – come dici tu - in gran parte bisogno di potere: magia, astrologia, veggenza, e altro ancora…

Ma spiritualità è anche bisogno di avere risposte, a domande a cui la scienza non sa rispondere. “chi siamo, dove andiamo?” tanto per cominciare. E se la scienza ha stabilito che l’uomo non è altro che una scimmia un po’ (ma mica tanto) più evoluta, non ha però spiegato quale sia lo scopo della presenza dell’Uomo sulla Terra, lo scopo della nostra vita. Della vita di ognuno di noi.

A queste domande – a mio parere – la scienza non potrà mai rispondere. Perché non ne è capace? Non solo, perché non è neanche il suo ruolo. Lascia quindi che la gente creda a quello che vuole. Sii un po’ più tollerante.


A me piace molto la storia. Per curiosità di conoscere i fatti del passato, certo. Ma non solo: prima di noi sono nati e morti miliardi di esseri umani. Proprio come noi avevano sogni, speranze… sapere qualcosa di loro, anche questa è una forma di spiritualità.


dragor

Caro Alberto, dai tempo al tempo. Queste cose si misurano su milioni di anni. Se non si puo' avere una risposta subito, non è una buona ragione per prendere scorciatoie fondate sul connubio fra speranza e ignoranza

Ciao, buiona domenica

dragor (journal intime)

Alberto

purtroppo io non ho un milione di anni... :-)

Alex

Perché non inviare il tuo cognato l'anno prossimo ? il tizio è ecumenico ? non gli piacerebbe riempirsi le tasche di euro...non dovrebbe essere troppo difficile...c'erano 20 milioni d'italiani incollati al divano per seguire Celentano...per uno straniero, il festival di Sanremo è un mistero...

Alex

dragor

Alex, è un'idea. Parlo del mio cognato vescovo evangelista che ha una splendida voce di basso e adora cantare il gospel, (mentre il predicatore ha una voce da rana con il raffreddore). Se pensi che gli italiani seguivano anche Mussolini, forse la cosa è un po' meno misteriosa...

dragor (journal intime)

I commenti per questa nota sono chiusi.